Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

5th International Conference. Swimming Pool and Spa

Federazione

La Conferenza Internazionale Biennale sulle Piscine si svolgerà in Italia per la prima volta dal 9 al 12 aprile a Roma, presso l’Istituto Superiore di Sanità e l'Università del Foro Italico: www.icsps-rome2013.it.
Rappresenta il principale evento tecnico scientifico sull’argomento piscine ed è incentrata sugli aspetti di igiene e sanità pubblica.
In questa occasione verranno confrontate e discusse le principali normative ed anticipate le nuove linee guida su acque ad uso ricreativo, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta preparando avvalendosi di un gruppo di esperti provenienti da diversi Paesi.
Non è un caso che il comitato scientifico abbia riassunto la Conferenza Internazionale nello slogan “Safety, Quality, Health”.
Del resto, la disponibilità di piscine ed acque ad uso ricreativo impone massimi livelli di sicurezza, al fine di non incorrere in problemi aggiuntivi per l’utenza e gli operatori.
In altre parole, sebbene oggi le piscine siano diffuse, ed in genere siano sicure e adeguatamente gestite, il rapporto rischi-benefici deve essere ottimale ed aggiornato ai progressi tecnologici.
A tal proposito, un contributo importante proviene anche dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per gli edifici, oltre che quelle per le acque ricreative. La garanzia di adeguati livelli igienico sanitari passa attraverso normative e linee guida.
I riferimenti per le normative igienicosanitarie saranno discussi nella cerimonia di apertura che si terrà presso l’Istituto Superiore della Sanità, e nella sessione conclusiva in cui linee guida, normative e strategie proposte in diversi Paesi saranno confrontate.
Tecnici, operatori del settore, aziende, ricercatori, autorità sanitarie da tutto il mondo si incontrano per affrontare i diversi temi che oggi occorre tenere presenti quando si considera il tema piscina.
In aggiunta ai tradizionali spunti connessi alla prevenzione e gestione dei rischi chimici, fisici e biologici, alle strategie innovative per la disinfezione, aspetti rilevanti comprenderanno: 1) la sicurezza occupazionale per atleti di ogni età, allenatori, operatori del settore; 2) la promozione della salute attraverso l’acqua, non solo in un contesto riabilitativo, ma anche di attività motoria preventiva e adattata. Tali punti sono presi in considerazione anche grazie al contributo di esperti della FIN, ILS e FINA. L’introduzione di queste tematiche è rivoluzionaria ed importante per addetti agli impianti, ingegneri, studiosi, e in genere appassionati del sistema “piscina” e della relativa sicurezza e qualità.
L’Europa ha già consolidato direttive per la sicurezza occupazionale recepite dai vari Stati. Questo processo di adeguamento normativo è fondamentale non solo per il lavoratore, ma più in generale comporta un impatto più ampio in quanto essendo mirato allo specifico ambiente e tipologia di mansioni, i benefici si riflettono sulla popolazione occasionalmente esposta, siano visitatori, sportivi, operatori esterni.
Questa generale cornice di sanità pubblica è ben consolidata e riconosciuta, ma il comitato scientifico ICSPS2013 è voluto andare oltre puntando non in negativo su rischi e patologie, ma in positivo, su qualità dell’ambiente (acqua, aria, superfici), sia indoor che outdoor, e sulla “promozione della salute” attraverso l'attività motoria in acqua e il miglioramento della gestione delle piscine.
Quest’ultimo tema, connesso ai benefici dell’acqua ad uso ricreativo per la popolazione, sta divenendo molto rilevante, specie in USA, dove si sta affiancando ad interventi sul territorio quali campagne di educazione motoria, ginnastica cardiovascolare in acqua, ed in genere azioni integrate finalizzate a contrastare l’obesità e patologie multifattoriali, oppure semplicemente a ridurre i troppo elevati casi di annegamento con interventi incisivi per “insegnare a nuotare” o diffondere tecniche di “salvamento” e gestione di emergenze.
Un workshop è dedicato proprio a questi argomenti ed in collaborazione con i diversi Enti patrocinanti si tiene una dimostrazione di massa in tema BLS-D.
Altri rilevanti contributi italiani provengono dal GSMS della SItI, Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica e comprendono tematiche inerenti gli aspetti microbiologici e chimici, affrontando temi innovativi come l’educazione in piscina e la sorveglianza sanitaria di impianti natatori.