Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Criteri per l'omologazione delle vasche per il nuoto sincronizzato

a cura Arch. Francesco Angelini – Componente Commissione Settore Impianti F.I.N.

I punti da FR 10.1 a FR 10.7 della Normativa FINA stabiliscono le regole per l’ omologazione degli impianti per il nuoto sincronizzato.

Il punto FR 10.1 definisce le due aree per gli esercizi obbligatori, ognuna di mt. 10,00 x 3,00. Il lato di mt. 10,00 deve essere distante dalla parete, non più di mt. 1,50 e ad essa parallelo. La profondità di dette aree devono essere non inferiori l'una a mt. 3,00, l'altra a mt. 2,50. Eventuali deroghe sono ad esclusiva discrezione della F.I.N. per manifestazioni di carattere nazionale o giovanile.

Il punto FR. 10.2 si riferisce agli esercizi liberi, per i quali è necessaria un'area di mt 12,00 x 25,00, pari circa alle dimensioni di una normale piscina a sei corsie. All'interno di detto spazio è necessaria un'area di mt. 12,00 x 12,00 (circa mezza vasca) che presenti una profondità non inferiore ai mt. 2,50. La profondità dell’area restante non deve essere inferiore a mt. 1,80. L'inclinata che raccorda le due altezze non deve essere ripida. Eventuali deroghe sono ad esclusiva discrezione della F.I.N. per manifestazioni a carattere nazionale o giovanile.

Il punto FR 10.3 specifica che è tollerata una profondità di mt. 2,00 a ridosso delle pareti purché raggiunga i mt 2,50 entro mt. 1,20 di distanza dalle pareti.

Il punto FR 10.4 stabilisce che l'area per gli esercizi obbligatori di cui in FR 10.1 può occupare la stessa area di piscina utilizzata per gli esercizi liberi.

In FR 10.5 si suggerisce che, ove la piscina non sia omologata per il nuoto per carenze sulle segnature di fondo vasca, indicatrici di corsia, di cui al punto FR 2.13 della Normativa, il fondo vasca deve essere segnato con linee di contrasto in una direzione, seguendo la lunghezza della piscina.

I punti FR 11 riguardano le disposizioni per le piscine che devono ospitare i Campionati del Mondo o i Giochi Olimpici. In questo caso la regola FR 10.1 deve essere applicata per quanto riguarda gli obbligatori, che però non vengono più disputati nel corso di dette manifestazioni. Il punto FR 11.2 stabilisce che per manifestazioni quali Campionati del Mondo o Giochi Olimpici è necessaria un'area di almeno mt. 20,00 x 30,00, al cui interno l'area di mt. 12,00 x 12,00 deve avere una profondità minima di mt. 3,00. La profondità della zona restante deve essere di almeno mt. 2,50. L'inclinata di passaggio da una profondità all'altra deve svilupparsi su una lunghezza di almeno mt. 8,00.