Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League. Day 3. Results & flash quotes

Pallanuoto
images/joomlart/article/818050376cca781c63aeb343688faab4.jpg

Follow results and statistics of World League Super Final, third day.
Seguono i risultati della terza giornata della Superfinal della World Legue di pallanuoto in svolgimento a Bergamo.


click here for live results and statistics
clicca qui per la partita in tempo reale e le statistiche


Serbia-Australia (group B) 12-8 (2-2, 4-3, 3-1, 3-2) start list and play by play
Hungary-Brazil (group A) 16-3 (3-1, 6-1, 4-1, 3-0) start list and play by play
China-Croatia (group A) 4-14 (1-3, 0-4, 2-3, 1-4) start list and play by play
United States-Italy (group B) 10-13 (3-3, 0-4, 3-2, 4-4) start list and play by play


Rankings. Group A: 1. Hungary 6, 2. Brazil 6, 3. Croatia 6, 4. China 0. Group B: 1. Serbia 9, 2. Italy 6, 3. Australia 3, 4. United States 0.


Quarter Finals, Friday 26th June


2A Brazil-3B Australia at 4:00 pm
1A Hungary-4B United States at 5:20 pm 
3A Croatia-2B Italy ay 6:40 pm
4A China-1B Serbia at 8:00 pm


Follow the summary and the flash quotes.
Seguono sintesi ed interviste delle partite.


Serbia-Australia 12-8


Summary. Third day of competition, the last day of the pools, at the World League Super Final that is taking place here at the Italcementi swimming pool in Bergamo till 28 June. Serbia wins (12-8) against a tough Australia and ends undefeated and with nine points the pool B, where also Italy is. The match was in equilibrium till the second period that ended with the Serbians leading by 6-5. Amongst the Serbians, very good match by Filipovic, who scored four times.
Sintesi. Terza giornata, ultima dedicata alla fase a gironi, della Super Final della World League in corso a Bergamo, fino a domenica 28 giugno, alla piscina Italcementi. La Serbia batte una tenace Australia 12-8 e chiude il gruppo B, quello dell'Italia, a punteggio pieno e al primo posto. Partita in equilibrio fino al secondo tempo, chiuso dai serbi con un gol di vantaggio (6-5). Tra gli slavi in grande spolvero Filipovic, autore di una quaterna.


Dusan Mandic (Serbia - player)
"It was not an easy match, as we were still tired from the match of yeasterday evening against Italy. After such a match, resting for 16 hours is not enough. Now we will concentrate on the quarter final".
Dusan Mandic (Serbia - giocatore)
"Non è stata una partita facile perché abbiamo speso molto nella sfida di ieri sera contro l'Italia. Solamente 16 ore di riposo dopo un match così importante sono poche. Adesso dobbiamo concentrarci per i quarti di finale".


James Clark (Australia - giocatore)
"We played a good match, also considering that Serbia is the first team in the pool and the team I believe will win this World League".
James Clark (Australia - giocatore)
"La nostra è stata una buona prestazione, anche considerato che la Serbia è la prima squadra del girone e ritengo sia la favorita di questa World League".


Hungary-Brazil 16-3


Summary. Easy win for Hungary for 16-3 against Brazil, the surprise of the tournament. The match was immediately controlled and directed by the Hungarians, who were leading,  after two periods, by seven goals (9-2). The second half of the match is like the first, with the Hungarian players very precise and effective in offense and the Brazilians too "destracted" in defense. Amongst Benedek players, we underline the three goals each by Hosnyanzsky and Salamon. With this win, no matter what Croatia will do in the next match, Hungary is sure of the first place in Pool A and Brazil secondo.
Sintesi. Vittoria agevole dell'Ungheria 16-3 contro il Brasile, rivelazione del torneo. Partita messa subito sui binari migliori dai magiari che a metà match conducono con sette gol di scarto (9-2). La seconda parte di gara scorre sulla falsa riga della prima, con gli ungheresi spietati in attacco e i brasiliani troppo "distratti" in difesa. Tra gli uomini di Benedek da segnalare le triplette di Hosnyanzsky e Salamon. Con questa vittoria, indipendentemente dal risultato della Croazia, l'Ungheria è sicura del primo posto nel gruppo A e il Brasile del secondo.


Ratko Rudic (Brazil - coach)
"Our opponents were more prepared than us, also on a psychological level. We are a team that has a way of thinking not up to level yet for this kind of competition. This loss, however, will be very important and will push us to improve our game".
Ratko Rudic (Brasile - allenatore)
"Gli avversari erano più preparati di noi, anche a livello psicologico. Noi siamo una squadra con una mentalità che non è ancora adatta a questo tipo di competizione". Questa sconfitta sarà però utile per spingerci a migliorare".


Felipe Perrone (Brazil - player)
"It was really a bad day for us but we have to remember that they are the champions while we are still at the beginning; so, the difference in goals
is not very important at the moment for us. The problem was not only that they were stronger than us but also that we were still tired from the match of yesterday".
Felipe Perrone (Brazil - giocatore)
"E' stata una brutta giornata, ma d'altronde loro sono i campioni mentre noi siamo ancora agli inizi, per cui non conta di quanti gol abbiamo perso. Non ha inciso solo il fatto che loro siano stati più forti; noi abbiamo anche accusato le fatiche della partita di ieri pomeriggio".


Tibor Benedek (Hungary - coach)
"The team played very convincingly. After a lost match, generally you are more nervous and you want to give more. We wanted this win that is fundamental for the quarter of final, when we will really understand the value of today's match. I hope in the next future we will continue following this path".
"La squadra ha disputato una partita convincente. Dopo una gara persa, in genere in quella successiva si cerca di dare di più. Noi volevamo la vittoria, che sarà decisiva per i quarti, quando realmente capiremo il valore di questo risultato. Spero che in futuro proseguiremo su questa strada".


Balàzs Erdélyi (Hungary - player)
"After we lost yesterday against Croatia, we wanted to make the difference today. Overall we played very well, scoring 16 goals and also the defense played well, with only 3 goals against. After Brazil beated Croatia, we expected our match would be tough but we played really well and won".
Balàzs Erdélyi (Ungheria - giocatore)
"Dopo la sconfitta di ieri contro la Croazia volevamo fare la differenza. In generale abbiamo giocato bene, sia in attacco segnando 16 gol che in difesa. Dopo che il Brasile aveva battuto la Croazia, ci aspettavamo una gara dura ma l'abbiamo interpretata bene dal primo all'ultimo minuto".


China-Croatia (group A) 4-14


Summary. Croatia won easily against China to 14-4 in the second match of Group A. Croats immediately put down the game, closing the first sixteen minutes of play on 7-1. The margin increases with passing minute. Nine whitered players in gol and Obradovic scored three gols.
Sintesi. Vince agevolmente la Croazia contro la Cina per 14-4 nella seconda partita del girone A. Croati che mettono subito in discesa la partita, chiudendo i primi sedici minuti di gioco sul 7-1. Il margine aumenta col passare dei minuti con i biancorossi micidiali in attacco e i ragazzi di Malara troppo vulnerabili in difesa. Nove giocatori di movimento in gol e Obradovic autore di una tripletta.


Damir Buric (Croatia - player)
"It was a relatively easy game. We have great respect for our opponents but we do not fear anyone. At this time, it is premature to talk about the final, we only know that we are playing to get there".
Damir Buric (Croazia - giocatore)
"E' stata una partita relativamente facile. Abbiamo grande rispetto per i nostri avversari, ma non temiamo nessuno. In questo momento è prematuro parlare della finale, sappiamo solo che giochiamo per arrivarci".


Paolo Malara (China - coach)
"We have continued to repeat the same mistakes of the previous games, and we must try not to commit them again. In addition, we have some players who remained in China, and their absence was felt."
Paolo Malara (Cina - coach)
"Abbiamo continuato a ripetere gli stessi errori delle partite precedenti, e dobbiamo cercare di non commetterli più. Inoltre, abbiamo alcuni giocatori che sono rimasti in Cina, e la loro assenza si è sentita".


United States-Italy 10-13


Italy beat the United States 13-10 and follow the Serbia European champions in Group B. The Italians were always in the lead, and took off with a break of 5-0 between the second and the beginning of third time for the 8-3 managed until the end. Three goals by Di Fulvio, Figlioli and Gallo. Debut of goalkeeper Del Lungo which replaced Tempesti for much of the match.
L'Italia batte gli Stati Uniti 13-10 e si accoda alla Serbia campione d'Europa nel girone B. Gli azzurri sono sempre stati in vantaggio ed hanno preso il largo con un break di 5-0 tra il secondo e l'inizio del terzo tempo per il momentaneo 8-3 gestito sino alla fine. Triplette di Di Fulvio, Figlioli e del mancino Gallo. Esordio del portiere Del Lungo che ha sostituito per gran parte della gara Tempesti.


John Mann (U.S.A. - player)
"Though we made some mistakes, we played a good match and kept fighting till the very end. I am satisfied as we are progressing in our game.  I am looking forward for the match tomorrow".
John Mann (U.S.A. - giocatore)
"Nonostante alcuni errori, abbiamo giocato una buona partita, non mollando fino alla fine. Sono contento del fatto che stiamo migliorando il nostro gioco. Aspetto con impazienza l'incontro di domani".


Dejan Udovicic (U.S.A. - coach)
"It is never easy to play against Italy and, furthermore, in their own pool. We are the youngest team in the competition and we need more experience.We played well the first and the third period but we made some childish mistakes in the match. Nevertheless, I am satisfied the way my team played as we are improving. I think we will soon become one of the strongest teams and one of the toughest to play against".
Dejan Udovicic (U.S.A. - allenatore)
"Non è mai facile giocare contro l'Italia e, per di più, nella loro piscina, di fronte al loro pubblico. Siamo la squadra più giovane della competizione
e siamo qui per fare esperienza. Abbiamo giocato bene nel primo e nel terzo parziale ma, durante gli altri periodi, abbiamo commesso degli errori banali. Nonostante questo, sono soddisfatto del modo in cui la squadra ha giocato perché ho visto dei miglioramenti. Penso che presto diventeremo una delle squadre più forti e un ostico avversario difficile d'affrontare per tutti".


Alessandro Campagna (Italy - coach)
"We played three tough matches agaist three great teams, taking home our points. Now we have three more tough days ahead of us. We hope we will go as far as possible".
Alessandro Campagna (Italia - allenatore)
"Abbiamo fatto tre partite impegnative, con tre grandissime squadre, portando a casa i nostri punti. Ora ci aspettano altre tre giornate impegnative. Speriamo di arrivare il più lontano possibile".


Alex Giorgetti (Italia - player)
"We were sure we could win this match but, to do that, we needed to impose our game and we did it throughout the entire match, without getting too tired, in order to save energies. Tomorrow we will play against Croatia that is a team we like a lot to play against because we have been fighting against them for years: Sometimes we win, sometimes they do".
Alex Giorgetti (Italia - giocatore)
"Eravamo sicuri di poter vincere, sapevamo che dovevamo imporre il nostro gioco e lo abbiamo fatto durante tutta la partita, senza però stancarci troppo per conservare le energie per la Croazia. Un avversario che abbiamo affrontato spesso in questi ultimi anni: alcune volte c'è andata bene, altre meno ".


fotografia di Giorgio Scala / deepbluemedia.eu