Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Posillipo in finale RN Napoli in A2

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/b08225ca110a062f398275f5aa301d34.jpg

Eliminato il Brescia campione d'Italia, Carpisa alla 17esima serie scudetto in 21 anni. La Pro Recco batte il Carisa e va sul 2-1. Il Palermo si salva e manda in A2 la RN Napoli. Catania-Canottieri sul 2-1. Martedì gara4 playoff e playout. Rai a Savona

ROMA
Carpisa Posillipo in finale, RN Napoli in A2. Sono bastate le prime tre partite delle semifinali dei playoff e delle finali retrocessione dei playout per emettere due dei quattro verdetti attesi.
Il Posillipo ha battuto ed eliminato i campioni d'Italia della Systema Leonessa Brescia, conquistando la diciassettesima finale scudetto dall'introduzione dei playoff (1983-84, 21esima edizione in corso), la seconda senza l'attuale Ct della Nazionale Paolo De Crescenzo in panchina. L'unico precedente è positivo: Mino Cacace vinse il campionato nel 1989, ora sarà Pino Porzio a provarci dopo aver conquistato da giocatore con la calottina del Posillipo 8 scudetti, 2 coppe dei campioni, una coppa delle coppe e una coppa Italia.
Fatale per la Systema la gara due che il Posillipo ha vinto a Brescia per 15-14 ai supplementari. Piuttosto netti, invece, i successi del Carpisa alla Scandone come testimoniano il 9-5 di gara uno e l'11-7 di stasera.
Decisivi per la vittoria dei rossoverdi il break piazzato tra il secondo e il terzo tempo (7-2) e le prestazioni di capitan Silipo e del mancino Di Costanzo, rispettivamente a segno tre e quattro volte.
Vede la finale anche la Pro Recco campione d'Europa. I liguri, che hanno battuto in tre partite il Posillipo nella finale di due stagioni orsono, si sono portati sul 2-1 contro il Savona, oggi sconfitto a Punta Sant'Anna per 7-4. Potrebbe essere decisiva la gara quattro che sarà trasmessa in diretta da Rai Sport Satellite martedì alle 18.45. Come in gara uno, anche stasera si è giocato sotto la pioggia. Determinanti le doppiette di Angelini, Ikodinovic e Benedek e la difesa che nel quarto tempo (parziale 0-0) ha impedito al Carisa di riaprire la partita. 
Tempo di verdetti anche nei playout. La RN Napoli lascia la massima serie dopo la promozione della scorso giugno seguita a 24 anni di seconda divisione (denominata prima serie B poi A2). A condannarla alla retrocessione e, dunque a salvarsi, è la Banca Nuova Palermo di Nando Pesci, tecnico federale responsabile della nazionale giovanile. Decisivo il 9-6 di stasera, seguito al 9-6 di gara uno e al discusso 9-8 di gara due. Il Palermo, dopo il -1 del primo tempo, ha preso il largo nel terzo tempo con le le doppiette di Di Patti e Puglisi e i gol di Petrovic e Schiavo per il 9-3, massimo vantaggio poi facilmente gestito. Sul 2-1 invece la serie tra Sp Energia Siciliana Catania e la AR Piscine Canottieri Napoli. Gara sempre nelle mani dei siciliani che, dopo l'1-0 di Andrè, sono stati trascinati sul 10-6 conclusivo da 5 gol di Alessi e 3 di Musat. 


RIEPILOGO RISULTATI PLAYOFF E PLAYOUT
CALENDARIO E REGOLAMENTO
GARA TRE

Playoff scudetto
Carpisa Posillipo-Systema Brescia 11-7
serie 3-0; gara1 10-4, gara2 15-14 dts
Posillipo in finale

Pro Recco-Carisa Savona 7-4
serie 2-1; gara1 10-7, gara2 7-8 d3ts

Playout retrocessione
Energia Siciliana Catania-AR Piscine CC Napoli 10-6
serie 2-1; gara1 8-12, gara2 10-7

Banca Nuova Palermo-Alcott RN Napoli 9-6
serie 3-0; gara1 9-6, gara2 9-8
RN Napoli in A2

GARA QUATTRO, martedì alle 20.30

Playoff scudetto
Carisa Savona-Pro Recco
18.45, diretta Rai Sport Sat

Playout retrocessione
AR Piscine CC Napoli-Sp Energia Siciliana Catania

Eventuali gara5 il 23/4
Finale scudetto il 30/4, 4 e 7/5, ev. 11 e 14/5

REGOLAMENTO: la prima, la terza e la
quinta partita si giocano in casa
della squadra meglio classificata al
termine della seconda fase. Non è
valido il pareggio. In caso di parità
si giocheranno due supplementari da
3' a tempo. In caso di ulteriore
parità si procederà con ulteriori
tempi supplementari e la novità del
silver gol. Nel caso in cui una
squadra dovesse passare in vantaggio
nel terzo tempo supplementare, non si
interromperà più la partita come
l'anno scorso ma si attenderà la fine
del tempo: se si dovesse verificare
un'ulteriore parità, si proseguirà
con un altro supplementare,
altrimenti verrà dichiarata
vincitrice la squadra in vantaggio in
quel momento.