Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Geymonat Orizzonte Campione d'Italia

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/6548d55a1cd40888cef49ddbdb386585.jpg

La Geymonat batte 3-0 la Gifa Palermo e conquista il suo 13° titolo nazionale consecutivo. Alle catanesi riesce il grande slam: scudetto e Coppa dei Campioni. Migliori in vasca Bosurgi e Di Mario

CATANIA
A un mese dalla conquista della Coppa dei Campioni, l'Orizzonte Catania si aggiudica il suo 13° scudetto. Alle ragazze di Mauro Maugeri e del presidente Nello Russo riesce il grande slam. Nella gara3 di finale playoff hanno superato le cugine della Gifa Città di Palermo 10-6, ma la partita era già decisa alla fine del terzo tempo (chiuso in vantaggio 8-2).
Si gioca davanti a circa 300 persone. Il pubblico si fa sentire con tamburi e cori da stadio. Lo striscione a centro tribuna recita "Orizzonte facci sognare". La partita inizia in perfetto orario. Dopo 30" Giusi Malato colpisce il palo esterno della porta difesa da Silvia Moriconi. Passano due minuti e l'occasione capita alla Gifa, ma Elda Gagliano prede l'attimo giusto per battere a rete. A 4'19" arriva il primo gol: Silvia Bosurgi sfrutta la superiorità numerica e porta in vantaggio le padrone di casa. Palermo gioca bene gli ultimi 35", guadagna subito la superiorità numerica e pareggia a 7" dalla sirena con Ekaterina Vasilieva.
Nel secondo tempo Giusi Malato riporta subito Catania avanti di un gol (sono passati appena 15"). Dopo due minuti Silvia Bosurgi tira sul portiere la palla del possibile 3-1 ma si fa perdonare a 4'38", quando con una splendida palombella supera Silvia Moriconi. La Geymonat si difende con ordine e quando riparte è sempre pericolosa. A 5'46" Tania Di Mario segna la rete numero quattro. La Gifa può recriminare soltanto su una traversa colpita in chiusura di tempo.
La terza frazione è tutta di marca catanese. Vanno in gol Pelle, Malato, Storace e ancora Pelle in superiorità da posizione centrale. Per le palermitane realizza Alexandra Araujo. L'ultimo periodo è un crescendo di canti e rullio di tamburi. Nella Geymonat entra in acqua il secondo portiere Viviana Castagna. Sul tabellino dei marcatori si aggiungono Giusi Malato e Dravucz per Catania; Vasileva (doppietta),  Raimondo e Araujo per Palermo per il 10-6 conclusivo.
I tifosi si stringono intorno alle ragazze, il tricolore si alza sulla piscina di Nesima, la Geymonat Orizzonte Catania si conferma Campione d'Italia per la tredicesima volta e dopo la conquista della Coppa dei Campioni.
Nelle due gare precedenti le ragazze di Maugeri si erano imposte 11-7 a Catania e 5-3 a Palermo.
 
 Vai al tabellino


L'ALBO D'ORO DEL CAMPIONATO
1985 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1986 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1987 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1988 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1989 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1990 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1991 VOLTURNO SM CAPUAVETERE
1992 ORIZZONTE CATANIA
1993 ORIZZONTE CATANIA
1994 ORIZZONTE CATANIA
1995 ORIZZONTE CATANIA
1996 ORIZZONTE CATANIA
1997 ORIZZONTE CATANIA
1998 ORIZZONTE CATANIA
1999 ORIZZONTE CATANIA
2000 ORIZZONTE CATANIA
2001 ORIZZONTE CATANIA
2002 ORIZZONTE CATANIA
2003 ORIZZONTE CATANIA
2004 ORIZZONTE CATANIA

Massimo Cicerchia
Nostro inviato