Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League 2004 Final Six al via

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/fcba083a18ddae96865320de580b90a4.jpg

I quarti di finale aprono la tre giorni di gare a Long Beach. L'Italia, prima nel girone A, affrontera' la vincente di Serbia & Montenegro-Spagna. L'Ungheria attende Grecia o USA. De Crescenzo: "Prove di Olimpiade"

LONG BEACH
Serbia & Montenegro-Spagna e Grecia-Stati Uniti. Domani, coi quarti di finale, prende il via la Final Six della terza edizione della World League di pallanuoto, evento conclusivo del Toyota Aquatics Grand Prix di Long
Beach che segue il Janet Evans Swim Meet, il Sinchro World Showcase, i Trials statunitensi di nuoto per i Giochi di Atene 2004 e la prima World League femminile vinta dagli Stati Uniti campioni del mondo (Setterosa di bronzo).
L'Italia, che ha chiuso il girone A al primo posto con dieci successi in dodici partite, attende in semifinale la vincente della sfida tra i serbi, che non affronta da un anno, e gli spagnoli, contro i quali ha un bilancio di due vittorie e due sconfitte nella prima fase. "Indipendentemente da risultati e avversari, ci apprestiamo a disputare due partite che ci indicheranno il grado di preparazione della squadra a un mese dalle Olimpiadi di Atene - sottolinea il Ct del Settebello Paolo De Crescenzo - Nella fase eliminatoria abbiamo già affrontato Spagna e Grecia, squadre inserite nel nostro girone olimpico. Ora mi auguro di proseguire nei test contro due delle tre nazionali qualificate dal girone B: Stati Uniti, Serbia & Montenegro e Ungheria. Sarebbe il modo migliore per avvicinarci ai Giochi continuando a misurarci con avversari diversi che peraltro rappresentano i possibili incroci della fase a eliminazione olimpica".
Intanto gli azzurri, da lunedì negli States, lavorano con intensità attenendosi a una tabella quotidiana che prevede una seduta di palestra diretta da Dino Sangiorgio e un doppio allenamento in piscina. Ieri, dopo essere stati nei giorni scorsi ospiti della base militare di Los Alamitos e della California State University, De Crescenzo e il vice Francesco Attolico hanno guidato il primo allenamento nella nuova piscina di Long Beach: una bomboniera sul lungomare confezionata in meno di un mese capace di ospitare sino a 10.000 persone. "I carichi di lavoro sono ancora pesanti per prevedere brillantezza, ma è tutto in linea con ritmi e tempi prestabiliti - spiega De Crescenzo - Da qualche giorno ci stiamo soffermando soprattutto sull'applicazione degli schemi con l'uomo in meno e in più simulando brevi partite con gli Stati Uniti di Ratko Rudic e con la Serbia & Montenegro campione d'Europa. Da sabato (domenica mattina in Italia, ndr), però, si giocherà per vincere. C'è un podio da conquistare e un'egemonia psicologica da mantenere".
Come l'Italia, anche l'Ungheria si è qualificata alle semifinali senza passare per i quarti: se le due nazionali si incontrassero in finale sarebbe la terza volta consecutiva in una manifestazione di prestigio. "I due precedenti però sono favorevoli ai magiari – ricorda De Crescenzo – sia ai Mondiali di Barcellona sia alle finali della World League di New York dello scorso anno si imposero loro. Eppoi c'è ancora una semifinale da giocare. Anche se abbiamo vinto gli ulimi due scontri diretti, credo che la Serbia & Montenegro sia ancora da considerare superiore a noi, alla pari con l'Ungheria. Il pronostico del resto resterebbe aperto anche se ci toccasse la Spagna: lo dimostrano i due successi a testa ottenuti nella prima fase".
Ancora a riposo Angelini, che sta gradualmente recuperando dagli infortuni a spalla e gomito destro; non ci dovrebbero essere novità, con Tempesti e Gerini che si alterneranno in porta. "Continuerò a ruotare i ragazzi e a provare gli schemi che più mi interessano – continua De Crescenzo – Voglio vincere, ma l'obiettivo del quadriennio resta l'Olimpiade. Inoltre non credo che le squadre giocheranno a viso aperto; anzi, sono convinto che ci sarà pretattica. Molto dipenderà dagli incroci. Se affronteremo in semifinale la Spagna, contro la quale debutteremo alle Olimpiadi, difficilmente assisteremo a movimenti e schemi che esulano dalla normalità; con la Serbia & Montenegro, così come contro Ungheria o Stati Uniti, invece potrebbe essere diverso".
Da difendere anche l'argento iridato e in World League del 2003: una sorta di supremazia psicologica conquistata in vasca. "Sì – conclude De Crescenzo – ma tutto dipenderà da come reagirà il gruppo. Se vincessimo la World League sarebbe sbagliato esaltarsi, così come perdere in semifinale ed uscire dal podio non dovrebbe abbatterci ma spronarci. Confido nella personalità dei ragazzi e mi aspetto risposte lusinghiere sotto il profilo fisico, tecnico, tattico e mentale".
Il momento delle risposte e delle decisioni è vicino: a fine World League De Crescenzo scioglierà le riserve e comunicherà i tredici giocatori che parteciperanno ai Giochi. Poi l'ultima amichevole preolimpica, a Pescara, il 25 luglio, contro la Croazia, e il collegiale di Belgrado, ponte verso le Olimpiadi di Atene.
 
Per consultare tutti i risultati della prima fase e le classifiche clicca qui
 


CALENDARIO - FORMULA - ALBO D'ORO
CALENDARIO INCONTRI (16-18/7)

16 luglio, quarti di finale
1. Serbia & Montenegro-Spagna alle 19
le 4 italiane del 17/7
2. Grecia-Stati Uniti alle 20.45
le 5.45 italiane del 17/7

17 luglio, semifinali
finale 5. posto alle 18.30
le 3.30 italiane del 18/7
vincente 1. contro Italia alle 20
le 5 italiane del 18/7
vincente 2. contro Ungheria alle 21.30
le 6.30 italiane del 18/7

18 luglio, finali
bronzo alle 18.30
le 3.30 italiane del 19/7
oro alle 20
le 5 italiane del 19/7

REGOLAMENTO
Le partite dureranno quattro tempo da
9' effettivi ciascuno. L'intervallo
tra il secondo e il terzo parziale
durerà 10'. Non esiste il pareggio.
In caso di parità al termine dei
tempi regolamentari si procederà
all'esecuzione dei tiri di rigore:
cinque per ogni squadra dai 5m. Nel
caso in cui perdurasse il pari si
procederà ad oltranza coi tiri di
rigore senza che i giocatori che
l'hanno già effettuato possano
riprovare.

ALBO D'ORO
2002: 1. Russia, 2. Spagna, 3. Ungheria
2003: 1. Ungheria, 2. Italia, 3. Usa

MONTEPREMI
1° classificato: 100,000 US$
2° classificato: 70,000 US$
3° classificato: 50,000 US$
4° classificato: 35,000 US$
5° classificato: 30,000 US$
6° classificato: 25,000 US$
7° classificato: 25,000 US$
8° classificato: 25,000 US$

Francesco Passariello
Nostro inviato