Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Amichevole a Pescara Italia-Croazia 7-8

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/897efb44ea3fc69c0cf2c3a6b1307f61.jpg

Azzurri nervosi e battuti. Avanti 5-3, subiscono il break croato nel IV tempo. Ottimo il rientro di Angelini. Leggero infortunio in allenamento a Bencivenga. De Crescenzo: "E' clima olimpico"

PESCARA
Ancora una sconfitta per il Settebello che, nell’ultima amichevole ufficiale disputata in Italia prima delle Olimpiadi, è stato battuto dalla Croazia per 8-7 a Pescara.
Gli azzurri, avanti 4-1 a metà gara, hanno subito nel IV tempo il ritorno dei croati, che sul 5-7 hanno piazzato un break di 3-0 con le reti a uomini pari di Fatovic, Stritof e Barac, coppia  protagonista dell’incontro con cinque reti.
Buona la prova di Angelini, al rientro in una gara ufficiale dopo la finale scudetto persa dalla Pro Recco con il Posillipo e i seguenti infortuni a spalla e gomito destro.
L’Italia, come nelle ultime due gare di World League perse con Serbia & Montenegro e Grecia, è calata alla distanza, condiziona dalla pesante preparazione.
Peccato, anche perchè la gara sembrava vinta alla fine del terzo tempo, con gli azzurri avanti di due reti grazie ai gol di Alessandro Calcaterra e Silipo, e in superiorità di Fiorentini, Angelini e Rath. Poi il veemente ritorno della Croazia, che ha approfittato anche del pomeriggio non felice di Gerini, subentrato nel terzo tempo al posto di Tempesti e sostituito a metà del quarto parziale.
Non è stato della partita Fabio Bencivenga, che nell’allenamento della mattina ha subito l’ipertensione del gomito sinistro dopo un contatto con Simenc.
Amareggiato per la sconfitta il CT Paolo De Crescenzo: “Dispiace sempre perdere, anche in fase di preparazione. I ragazzi hanno disputato un'ottima partita sino al quarto tempo, poi sono stati sovrastati dalla stanchezza e dal nervosismo. C’è stato qualche contatto fin troppo maschio: è già clima olimpico.” L’ultima battuta per Angelini: “Sono molto contento del suo rientro – conclude – Alberto si è mosso bene, con grinta e generosità. Fisicamente mi sembra a posto”.

ITALIA-CROAZIA 7-8 TABELLINO
Italia: Tempesti, Postiglione, Binchi,
Buonocore, Gerini, R. Calcaterra,
Fiorentini 2, Angelini 1, Felugo,
A. Calcaterra 1, Rath 1, Silipo 2 (1 rig),
Bencivenga. All. De Crescenzo.

Croazia: Vican, Buric, Vranjes, Simenc 1,
Volarevic, Stritof 2, Smodlaka,
Premus 1, Frankovic, Barac 3,
Hinic, Fatovic 1, Kobescak. All. Roje.

Arbitri: Brala (Cro) e Petronilli (Ita).
Note: parziali 3-0, 1-1, 1-2, 2-5. Nessuno
uscito per limite di falli. Superiorità
numeriche: Italia 3/7, Croazia 5/7.
Spettatori 500 circa.