Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Qualificazioni Mondiali Croazia-Italia 5-4

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/large/cba5d7ef62e4d3335cd8f559ee6c2049.jpg

Azzurri secondi come il Setterosa undici mesi fa: seguì l'oro olimpico. A Montreal 2005 anche la Romania che batte la Slovacchia 7-6. Soddisfatto il Ct Formiconi: "Obiettivo centrato, ora pensiamo a migliorare"

IMPERIA
Dopo aver conquistato il pass per i Mondiali di Montreal superando la Romania per 9-7 in semifinale, l'Italia non è riuscita a chiudere il Torneo di Qualificazione di Imperia al primo posto.
In finale si è imposta la Croazia di Ratko Rudic per 5-4 (parziali 0-1, 1-0, 3-1, 1-2), grazie al break risolutivo piazzato nel terzo tempo da Buric e Dogas quando il punteggio era fermo sul 2-2. L'ultima speranza di allungare la partita ai supplementari è svanita a 40" dalla sirena, con Calcaterra che ai due metri ha deviato sul fondo il suggerimento di Angelini ingabbiato da tre croati che sarebbe valso il 5-5.
Eppure la gara era iniziata nel migliore dei modi per l'Italia, imperforabile in difesa e sull'1-0 con Calcaterra dopo 6'06. All'imbattibilità di Violetti durata per ben 13 minuti, però non ha corrisposto l'incisività dell'attacco azzurro, inchiodato sul perimetro dalla fisicità dei croati e ancora alterno in superiorità numerica.
Così la Croazia ha pareggiato con Karac nel secondo tempo. L'attaccante prima ha fallito un rigore (ottimo intervento di Violetti sotto la traversa), poi ha trasformato la seconda superiorità numerica a favore. Col punteggio fermo sull'1-1, la partita si è decisa nel terzo tempo. Hinic, servito al centro da Buric, ha firmato il 2-1; mentre Angelini da sinistra ha incrociato il pari, superando Pavic dopo ben 11'41 e trasformando la prima superiorità numerica dopo tre errori. Sul 2-2 però la Croazia ha allungato, prima con Buric dagli 8-9 metri, poi con Dogas in superiorità.
Nel quarto tempo l'Italia ha provato a recuperare, ma Dogas con una conclusione dal perimetro ha vanificato il 4-3 di Fiorentini, e il 5-4 di Calcaterra (doppia finta sul difensore e portiere spiazzato) non ha trovato seguito.
Il primo scontro diretto tra Ratko Rudic e Pierluigi Formiconi è così andato all'allenatore che con l'Italia vinse l'oro olimpico a Barcellona 1992 e realizzò il Grande Slam, ma il neo Ct del Settebello appare comunque soddisfatto e sorride ricordando le coincidenze: "Abbiamo disputato un buon torneo, conquistato la qualificazione e migliorato gli automatismi. In difesa ci muoviamo già bene; invece dovremo lavorare molto in superiorità numerica per trovare maggiori alternative. Perdere dispiace sempre, ma io qui arrivai secondo anche con le mie ragazze, nel febbraio scorso, alle Qualificazioni Olimpiche, poi però ad Atene...".
Da domani i giocatori azzurri saranno a disposizione dei club. Mercoledì è già campionato. La Nazionale tornerà a radunarsi per un breve collegiale ai primi di febbraio.
A margine delle manifestazione, c'è stato il grande successo dell'iniziativa di Federnuoto, Lega Europea e Federazione Mondiale a favore dei popoli del sud-est asiatico, ai quali sarà devoluto l'incasso delle oltre 60 calottine dei giocatori delle Qualificazioni prenotate e acquistate dal pubblico che ha gremito la piscina "Felice Cascione".
  
clicca qui per consultare il sito della FINA
clicca qui per consultare il sito della LEN
 


TABELLINO CROAZIA-ITALIA 5-4
RISULTATI COMPLETI
TABELLINO CROAZIA-ITALIA 5-4

Croazia: Pavic, Buric 1, Komadina, Volarevic,
Vranjes, Frankovic, Pavlovic, Dogas 2,
Premus, Primorac, Hinic 1, Boskovic,
Karac 1. All. Rudic.

Italia: Violetti, Postiglione, Binchi, Buonocore,
Tempesti, Felugo, Fiorentini 1, Angelini 1,
Di Costanzo, Calcaterra 2, Rath, Mangiante,
Bencivenga. All. Formiconi.

Arbitri: Kiszelly (Ung) e Sungu (Tur).
Delegato LEN: van Dorp (Ola).
Note: parziali 0-1, 1-0, 3-1, 1-2.
Uscito per limite di falli Binchi (I) a 1'59"
del quarto tempo. Superiorità numeriche: Croazia 3/4,
Italia 3/9. A 5'13" del secondo tempo Violetti (I)
ha respinto un rigore a Karac. Ammoniti per
proteste Formiconi (all. Italia) e Rudic
(all. Croazia). Spettatori 1000 circa. In tribuna
il Vice Presidente della FIN Lorenzo Ravina,
il Sindaco di Imperia Luigi Sappa,
il Ct del Setterosa Nando Pesci
e le olimpioniche Francesca Cristiana
Conti e Cinzia Ragusa.

RISULTATI TORNEO E CALENDARIO
Martedì 4 gennaio
A. Romania-Slovenia 10-5
A. Croazia-Bielorussia 15-3
B. Slovacchia-Francia 11-9
B. Italia-Olanda 7-3

Mercoledì 5 gennaio
A. Romania-Bielorussia 11-5
A. Croazia-Slovenia 13-8
B. Italia-Francia 14-7
B. Slovacchia-Olanda 10-9

Giovedì 6 gennaio
A. Slovenia-Bielorussia 14-3
A. Romania-Croazia 9-11
Classifica: Croazia 6, Romania 4,
Slovenia 2, Bielorussia 0
B. Olanda-Francia 8-4
B. Italia-Slovacchia 11-6
Classifica: Italia 6, Slovacchia 4,
Olanda 2, Francia 0

Venerdì 7 gennaio
finale 7° posto Bielorussia-Francia 8-13
quarti di finale
Slovenia-Slovacchia 5-7
Romania-Olanda 8-5

Sabato 8 gennaio
semifinali
Italia-Romania 9-7
Croazia-Slovacchia 11-6
finale 5° Slovenia-Olanda 5-10

Domenica 9 gennaio
finale 3° posto Romania-Slovacchia 7-6
domani alle 17.45 su Rai Sport Sat
finale 1° posto Croazia-Italia 5-4
trasmessa in diretta da Rai Sport Sat

AI MONDIALI: CROAZIA, ITALIA, ROMANIA

Francesco Passariello
Nostro Inviato