Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Settebello a Campagna <br>Barelli presenta il Ct

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/c1a88d07cc194013e8da79202d9454cd.jpg

Torna dopo sei anni sulla panchina della Nazionale con cui vinse l'argento europeo: "Programma ad ampio respiro che produca giocatori di livello in due tappe: Roma 09 e Londra 2012"

ROMA
Alessandro Campagna è il nuovo Commissario Tecnico della Nazionale maschile di pallanuoto. L'ex tecnico responsabile della Grecia e campione di tutto con il Settebello di Ratko Rudic, torna dopo sei anni sulla panchina dell'Italia con cui ha conquistato la medaglia d'argento agli Europei di Budapest 2001 e si è piazzato al quarto posto ai Mondiali di Fukuoka 2001 ed in Coppa Fina a Belgrado 2002.
L'annuncio ufficiale è stato dato oggi a Roma, nella Sala Convegni delle piscine del Foro Italico, dal Presidente della Federazione Italiana Nuoto, Paolo Barelli.
L'ANNUNCIO DI BARELLI.  "Siamo qui per annunciare ufficialmente che Alessandro Campagna sarà il tecnico del Settebello per il prossimo quadriennio olimpico" ha detto il Presidente. "Campagna è cresciuto nella Federazione, prima come grande atleta e poi come tecnico - ha continuato Barelli -  Dopo una esperienza lunga e formativa in Grecia, un paese che rivolge particolare attenzione alla pallanuoto, Campagna è tornato a guidare l’Italia. Il nuovo Consiglio ha affrontato l'argomento appena si è insediato e sulla decisione c’è stato subito un consenso unanime. Ringrazio Paolo Malara per il contributo offerto e tengo a precisare che la deprecabile protesta formulata dai giocatori sulla sua conduzione tecnica non ha influito nella scelta. Malara è un uomo e un tecnico per il quale nutro una profonda stima, ma purtroppo siamo uomini di sport e non era possibile continuare insieme dopo l'Olimpiade: comandano i risultati. Con Alessandro Campagna abbiamo avuto poche cose da chiarire in fase di trattativa, se non verificare l’organizzazione interna, definire la programmazione e le sinergie da porre in atto con le Società. Campagna sarà impegnato anche nel coordinamento delle Squadre giovanili per promuovere il coinvolgimento dei tecnici sociali e attuare uno scambio costruttivo".
In merito al futuro Commissario tecnico del Setterosa, Barelli ha spiegato che "per questo ruolo stiamo facendo una serie di valutazioni tecniche e stiamo prendendo in considerazione una rosa di allenatori. Al massimo tra una decina di giorni avremo la possibilità di incontrarci nuovamente per presentare il Commissario Tecnico della Nazionale femminile. Non c'è nulla di anomalo. Stiamo semplicemente programmando l’attività del quadriennio 2009-2012".
LE PRIME PAROLE DEL NEO CT. "Ringrazio il Presidente Paolo Barelli per la seconda opportunità che mi concede - ha detto Campagna - La scelta della Federazione Italiana Nuoto rappresenta una prova di stima e fiducia che spero di ripagare con buoni risultati. Nell’ultimo periodo la Nazionale Italiana non ha colto risultati all’altezza della sua tradizione, ma è anche vero che nella storia della nostra Nazionale ci sono sempre stati periodi bui". "Il primo obiettivo  - ha proseguito il tecnico palermitano - sarà quello di individuare il perché sono mancati ricambi generazionali che consentissero continuità di rendimento. Bisogna analizzare gli aspetti socio-economici-culturali del problema e porre rimedio. Abbiamo tante motivazioni e cercheremo di mettere in atto un programma ad ampio respiro che produca giocatori di livello. Inizieremo con l'ottimizzare delle risorse già esistenti e cercheremo di trovarne altre. Lavoriamo per il futuro, ma siamo anche consapevoli che servono risultati subito e per questo cercheremo di arrivare ai Mondiali di Roma con una squadra altamente competitiva. Un buon risultato a Roma '09 potrebbe essere trainante per tutto il progetto. Quindi affronteremo i Mondiali con la giusta motivazione e convinzione".
"All’Olimpiade di Pechino l’età media era alta - aggiunge - e sicuramente nell’ottica di Londra 2012, e anche dopo, l'inserimento di un segmento di giovanissimi è necessario per dare entusiasmo e maggiore spinta. Per il primo anno la rosa sarà composta da un mix di anziani e giovani. Le porte sono aperte a tutti. La pallanuoto internazionale è in grande crescita. Le squadre hanno raggiunto un’elevata preparazione fisica e organizzazione tattica. Per essere competitivi dovremo lavorare molto nella stessa direzione. Io sono ottimista e fiducioso. So quello che dobbiamo fare e ritengo che con l’aiuto della Federazione e delle Società potremo rilanciare la pallanuoto azzurra".
 
La scheda di Alessandro Campagna