Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League '09<br>Cina-Italia 11-9

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/ab1c4c1e38099ac8b46f8a34a44caab9.jpg

Le asiatiche vincono ancora. Le azzurre mostrano progressi e domani giocano la finale per il settimo posto con la Grecia. Decisivo l'ultimo tempo. La finalissima e' Canada-Usa

KIRISHI
Quattro minuti e mezzo da giocare, 9-7 per la Cina, doppia superiorità numerica a favore dell'Italia. E' l'episodio determinante. Le azzurre falliscono l'occasione per restare nel match che fino ad allora le aveva viste reattive e protagoniste, alla pari (e in alcune occasioni anche meglio) delle cinesi. La palla finisce tra le braccia del portiere Yang Jun che rilancia l'azione. Capovolgimento, superiorità per la Cina e gol di Gao Ao per il 10-7 che complica tutto. Finisce con la vittoria della Cina 11-9 e con tutto l'orgoglio azzurro raffigurato nel tiro vincente di Radicchi che centra il sette a due secondi dalla sirena. Domani la Cina farà la finale per il quinto posto con la Russia, mentre l'Italia disputerà la finale per il settimo posto con la Gracia alle 10.30 locali (le 8.30 italiane). La Superfinal della sesta World League femminile a Kirishi si conclude domani. La finale e' Canada-Usa.
La partita di semifinale tra Cina e Italia è stata completamente diversa da quella del girone preliminare. L'Italia ha capito la lezione e ha messo in pratica, sopratto in difesa, i consigli  del commissario tecnico. Alle più pericolose, Ma HuanHuan, capocanniere, e Sun Huizi è stato lasciato poco spazio (hanno segnato soltanto un gol ciascuna), il cetroboa è stato marcato bene, l'esterno Teng Fei è stato limitato nelle ripertenze e costretto a forzare il tiro oppure a passare subito palla. Sono stati decisivi i gol di Gao Ao e Sun Yating nel quarto tempo (due ciascuna) ma tutte non si potevano marcare.
La Cina ha segnato prevalentemente in superiorità, anche una doppia che ha spezzato gli equilibri nel terzo tempo: ha fallito le prime tre, poi ne ha realizzate sei consecutive. Progressi anche in attacco, dove la squadra di Roberto Fiori ha provato a far girare palla più velocemente e andare al tiro da fuori con maggior vigore e precisione. In questo caso da sottolineare i due gol di Federica Radicchi, il primo (quello dell'1-1) e l'ultimo dell'Italia e quello di Federica Rocco con un tiro teso dai sette metri. Al centro si è mossa bene Annalisa Bosello, dinamica e concreta con tre gol: due sciarpe e una palomba di rapina sulla palla rimbalzata davanti a lei dopo il tiro da fuori di Bianconi stampato sulla traversa. Italia sufficente con in più (6-3, compresa la doppia di quarto tempo). Questa volta è mancato anche un pizzico di fortuna.
La partita è stata equilibrata dal primo all'ultimo minuto di gioco. Anche fisicamente le azzurre hanno tenuto il confronto con le asiatiche, che invece nella partita precedente le avevano fatte soffrire di più. Primo tempo con l'Italia sotto di uno e poi avanti di uno. Secondo tempo che si è aperto con il nuovo vantaggio italiano (Abbate dopo 18 secondi) e poi c'è stato il break cinese. Terzo tempo con l'Italia ancora corsara (da 5-3 a 5-5 con due prodezze di Bianconi) e anche dopo sempre viva con Rocco. Quarto tempo con l'ultimo pareggio azzurro, firmato ancora da Bianconi, il nuovo break cinese, l'occasione della doppia superiorità e i gol nei minuti finali di Giulia Dal Fiume (che ha giocato con la calottina numero 4 al posto di Cotti), l'ispirata Sun Yating e l'affidabile Radicchi.     
 
Il tebellino
Cina: Yang Jun, Teng Fei 1, Liu Ping, Sun Yujun 1, He Jin, Sun Ya Ting 2, Song Dong Lun, Gao Ao 3, Wang Yi 2, Ma Huan Huan 1, Sun HuiZi 1, Zhu Jia Yi, Wang Ying. All. Pan ShengHua 
Italia: Gorlero, Abbate 1, Motta, Dal Fiume 1, Verde, Radicchi 2, Ayale, Bosello 3, Aiello 1, Rocco 1, Bianconi, Lavorini, Ricciardi. All. Fiori
 
Arbitri: Drury-Pinto (Usa) e Flahive (Aus)
Note: parziali 2-2, 3-1, 2-3, 4-3. Nessua è uscita per limite di falli. Per l'Italia in tribuna Cotti. Superiorità numeriche: Cina 6/9 e Italia 3/6. Spettatori 100
 
Il sito ufficiale
 
La fogallery di Italia-Canada
 
Le interviste


SUPERFINAL WORLD LEAGUE FEMMINILE
Kirishi (Russia), 9-14 giugno 2009
Martedì 9 giugno
B Spagna-Canada 8-11
A Usa-Italia 17-7
B Australia-Grecia 11-7
A Russia-Cina 8-12

Mercoledì 10 giugno
A Usa-Cina 9-5
B Spagna-Grecia 13-10
B Australia-Canada 8-10
A Russia-Italia 19-10

Giovedì 11 giugno
B Spagna-Australia 9-14
B Canada-Grecia 13-12 dtr
A Cina-Italia 15-6
A Russia-Usa 13-12

Classifiche della prima fase

Gruppo A
1. Usa 6
2. Cina 6
3. Russia 6
4. Italia 0

Nb. Classifica ottenuta sulla base
della differenza gol negli
incontri diretti tra Usa, Cina e Russia

Gruppo B
1. Canada 8
2. Australia 6
3. Spagna 3
4. Grecia 1

Venerdì 12 giugno - IV di finale
13. 2À Cina–3Â Spagna 11-14
15. 1À Usa–4Â Grecia 7-5
14. 3À Russia–2B Australia 12-13
16. 4À Italia–1Â Canada 5-11

Sabato 13 giugno - semifinali
17. P13 Cina–P16 Italia 11-9
19. V13 Spagna–V16 Canada 7-10
20. V15 Australia-V14 Usa 8-9
18. P15 Russia-P14 Grecia 11-8

Domenica 14 giugno
10.30 Italia–Grecia Finale 7/8 Posto
12.00 Cina–Russia Finale 5/6 Posto
13.30 Spagna–Australia Finale 3/4 Posto
15.00 Canada–Usa Finale 1/2 Posto

NB. L'inizio delle partite è indicato
con l'ora locale. Rispetto all'Italia
Kirishi è due ore avanti.

Massimo Cicerchia
Nostro inviato