Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League '09<br>Successo degli Usa

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/686f4675e4ed3c651755b00f68237848.jpg

La nazionale statunitense batte il Canada 9-6 e vince il torneo per la quinta volta. Terza l'Australia. L'Italia perde 13-6 con la Grecia ed e' ottava. Il bilancio del Ct Fiori. L'albo d'oro

KIRISHI
Cinque volte su sei le ragazze degli gli Stati Uniti sono salite sul gradino piu' alto della World League. Oggi hanno battuto in finale 9-6 il Canada che finora non aveva mai perso. Migliore in vasca Lauren Wenger, giocatrice universale. Nella finale per il terzo posto, arbitrata dall'italiano Filippo Gomez in coppia con il turco Taylan, l'Australia ha battuto 12-8 la Grecia, dopo una partita molto equilibrata che si e' risolta solo nel quarto tempo. Quinta la Cina che ha superato la Russia per la seconda volta, dopo averla battuta nella giornata d'esordio.   
L'Italia ha concluso all'ottavo posto. Nella prima finale in programma ha perso 13-6 con la Grecia. Avvio contratto. Primo gol dopo due minuti per mano di Liosi che ha messo a segno la prima superiorità numerica. Secondo gol a metà tempo su rigore del capocannoniere ellenico Gerolymou (che ha chiuso il torneo a quota 14 gol, 3 dei quali realizzati oggi) e terzo di Antonakou (palomba) in chisura di tempo, lasciata da sola dalle compagne che stavano uscendo per prepararsi alla riparenza. Secondo periodo più vivace. L'Italia è entrata in partita e Bianconi (controfuga) e due volte Ayale (un tiro dalla distanza e una palomba dal lato sinistro) hanno accesso i motori alla squadra. La Grecia ha replicato con due gol. Nel terzo tempo black out azzurro e parziale ellenico di 4-0 che Radicchi ha interrotto dopo sei minuti. Cambio dei portieri nell'ultimo periodo: Kouvdou al posto di Tsouri e Ricciardi ha sostituto Gorlero. Valentina Ayale ha accorciato le distanze in apertura e ha firmato la sua tripletta (che è tra le cose migliori dell'Italia vista oggi), poi un altro severo 4-0 greco e in chiusura, dopo che Radicchi era uscita per limite di falli, Aiello ha fissato il risultato su rigore.
La squadra rientra domani sera in Italia. Martedì 17 giugno si ritroverà in collegiale a Roma, dove si riunirà alle altre azzurre che sono rimaste ad allenarsi, per proseguire la preparazione ai Mondiali. L'Italia si allenerà insieme alla Germania fino al 2 luglio nel Salaria Sport Village.
L'analisi del CT Roberto Fiori. "Il protrarsi di playoff e playout non ci ha consentito di preparare la World League. Partendo da questo presupposto è stato molto utile e imporante aver partecipato all'intera manifestazione, tappe comprese, perchè in questo modo abbiamo potuto verificare tutti i parametri in possesso di queste ragazze; dalla preparazione fisica, a quella natatoria, dalla tecnica individuale all'adattamento alle varie situazioni tattiche. C'è da aggiungere, inoltre, che queste ragazze giocavano insieme per la prima volta, alcune molto giovani e con poca esperienza internazionale. Lo stare insieme in un torneo di altissimo livello, giocando tutti i giorni, senza tralasciare gli allenamenti, ci ha permesso di osservare le loro reazioni anche caratteriali e motivazionali. Torniamo in Italia con una visione più chiara dei problemi sui quali bisognerà intervenire. Abbiamo certamente bisogno di lavorare ancora molto e soprattutto dell'aiuto di tutti per tamponare questo momento di rinnovamento. Il 17 giugno ci ritroviamo a Roma con le altre che sono rimaste a recuperare dagli infortuni regressi cercando di ritrovare una buona condizione fisica".      
  
Tabellino
Italia: Gorlero, Abbate, Motta, Cotti, Verde, Radicchi 1, Ayale 3, Bosello, Aiello 1 (rig.), Rocco, Bianconi 1, Lavorini, Ricciardi. All. Fiori
Grecia: Tsouri, Tsoukala, Kouteli, Psouni, Liosi 1, Avramidou 2, Asimaki 1, Gerolymou 3 (2 rig.), Manolioudaki 2, Antonakou 2, Lara 2, Kouvdou. All. Morfesis
 
Arbitri: Teule (Spagna) e YaQi (Cina)
Note: parziali 0-3, 3-2. 1-4, 2-4. Uscita per limite di falli Radicchi a 6.55 del quarto tempo. Nel quarto tempo  Grecia e Italia hanno sostituito i due portieri: Kouvdou al posto di Tsouri e Ricciardi al posto di Gorlero. Per l'Italia in tribuna Dal Fiume. Superiorità numeriche: Itala 1/5 + 1 rigore e Grecia 4/6 + 2 rigori. Spettatori 100
 
Il sito ufficiale


VI SUPERFINAL WORLD LEAGUE FEMMINILE
Kirishi (Russia), 9-14 giugno 2009
L'ALBO D'ORO
Martedì 9 giugno
B Spagna-Canada 8-11
A Usa-Italia 17-7
B Australia-Grecia 11-7
A Russia-Cina 8-12

Mercoledì 10 giugno
A Usa-Cina 9-5
B Spagna-Grecia 13-10
B Australia-Canada 8-10
A Russia-Italia 19-10

Giovedì 11 giugno
B Spagna-Australia 9-14
B Canada-Grecia 13-12 dtr
A Cina-Italia 15-6
A Russia-Usa 13-12

CLASSIFICHE PRIMA FASE

Gruppo A
1. Usa 6
2. Cina 6
3. Russia 6
4. Italia 0

Gruppo B
1. Canada 8
2. Australia 6
3. Spagna 3
4. Grecia 1

Venerdì 12 giugno - IV di finale
13. 2À Cina–3Â Spagna 11-14
15. 1À Usa–4Â Grecia 7-5
14. 3À Russia–2B Australia 12-13
16. 4À Italia–1Â Canada 5-11

Sabato 13 giugno - semifinali
17. P13 Cina–P16 Italia 11-9
19. V13 Spagna–V16 Canada 7-10
20. V15 Australia-V14 Usa 8-9
18. P15 Russia-P14 Grecia 11-8

Domenica 14 giugno - finali
7/8 posto Italia–Grecia 6-13
5/6 posto Cina–Russia 10-9
3/4 posto Spagna–Australia 8-12
1/2 posto Canada–Usa 6-9

CLASSIFICA FINALE

1. Usa
2. Canada
3. Australia
4. Spagna
5. Cina
6. Russia
7. Grecia
8. Italia

ALBO D'ORO WORLD LEAGUE FEMMINILE

Long Beach 2004
1. Usa
2. Ungheria
3. Italia
4. Russia
5. Canada
6. Grecia
7. Australia
8. Kazakistan

Kirishi 2005
1. Grecia
2. Russia
3. Australia
4. Ungheria
5. Usa
6. Canada
7. Olanda
8. Italia

Cosenza 2006
1. Usa
2. Italia
3. Russia
4. Australia
5. Olanda
6. Canada

Montreal 2007
1. Usa
2. Australia
3. Grecia
4. Canada
5. Spagna

Santa Cruz de Tenerife 2008
1. Usa
2. Russia
3. Australia
4. Canada
5. Spagna
6. Cina


Massimo Cicerchia
Nostro inviato