Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Superfinal WL '09<br>Italia-Croazia 6-8

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/0a686e90b555de264e6bca2c541920b0.jpg

Gli azzurri si arrendono ai quarti contro i campioni del mondo, ma sono sempre in partita dimostrando un'evidente crescita di condizione. Domani alle 17.40 c'è il Sud Africa per i posti dal quinto all'ottavo

PODGORICA
Tempo di quarti di finale a Podgorica sede delle Superfinal di World League. Va in scena la sfida tra i due nomi grandi della pallanuoto olimpionica azzurra: l'allievo Campagna e il maestro croato Ratko Rudic. L'Italia perde 8-6 dai campioni del mondo in carica, tenendo testa per tutta la partita agli avversari bravi a sfruttare ogni minima ingenutà dei nostri. E' la Croazia, guidata da due vecchie conoscenze del campionato taliano come Barac e Hinic, a guidare il gioco contro la difesa a uomo della Nazionale (Campagna l'alternerà molto con la zona). Subito Barac abile a sfruttare il primo uomo in più, e il giovanissimo fuoriclasse croato Sukno portano i biancorossi sul 2-0. La reazione degli azzurri però non tarda: bomba di Felugo dai sette metri e bella controfuga di Rizzo che punisce Pavic da sotto, per il meritato pareggio sul 2-2.
L'Italia nuota sciolta e difende bene. Sono proprio i nostri che, nel secondo quarto, falliscono più volte il vantaggio che sembra materiallizzarsi quando Figari dalla sinistra alza una palomba che impatta la traversa e si spegne sulla linea di porta. Calcaterra ci prova dal centro girando addosso al portiere senza fortuna, e Giacoppo prende il palo dopo una buon azione personale. Gol mancato, gol segnato: le mani d'oro di Boskovic trasformano un tiro dai sei metri con la difesa schierata, per il tre a due croato. L'Italia non fa fatica e sfonda in attacco: Buonocore tutto solo in controfuga angola troppo la colomba del possibile pareggio a trenta secondi dal termine. Mentre ci si avvia verso il riposo Antonijevic, lasciato inaspettatamente solo al centro, gira comodamente in gol a soli quattro secondi dalla fine.
Il grave errore difensivo però non lascia strascichi: Felugo, in evidente progresso di condizione, si procura l'uomo in più e realizza da fuori il -1. La difesa croata tiene botta ma la partita la fanno gli azzurri: il palo di Rizzo a due dal termine fa da preludio al gol in palombella del centroboa Aicardi, a 1.46 dalla fine. I croati, fin a quel momento sonnacchioni, producono in un minuto tutto il bottino del parziale: prima è l'ottimo Boskovic a marcare in superiorità e poi Dobud dal centro riporta i suoi sul +2. Buonocore, in progresso anche lui, apre le marcature del quarto tempo in superiorità, ma Dobud lo imita dopo trentasecondi. Si viaggia sul meno due. Dopo un brutto errore di Fiorentini, che fallisce l'ennesimo uomo in più, è l'otto biancorosso, Buslje, a chiudere il match con un bel tiro da fuori. La partita termina con Rizzo che si fa parare un rigore da Pavic ed Aicardi che fissa il punteggio sfruttando una difesa non ineccepibile dei croati. Domani alle 17.40 c'è il Sud Africa, oggi sommerso 16-2 dalla Serbia, per la lotta dal quinto all'ottavo posto.
 
Il commento del CT Alessandro Campagna: "Abbiamo sicuramente disputato la migliore partita dell'anno. Avevo chiesto determinate cose ai ragazze e l'hanno fatte. Avevamo davanti una delle migliori squadre al mondo e quando sbagli purtroppo loro ti puniscono alla minima ingenuità. Ci sono ancora molti errori in difesa ed in attacco e bisogna lavorare tanto per migliorare in tutti gli aspetti, ma la strada intrapresa è quella giusta. Ora giocheremo contro Sud Africa e probabilmente con l'Australia domenica, due buoni test per migliorare la qualità delle nostre prestazioni".
   
Vai sito della Fina
 
Vai al sito del torneo


SUPERFINAL WORLD LEAGUE MASCHILE
Podgorica (MNE), 16-21 giugno 2009

Programma e Albo d'oro
Group “A”
Usa, Srb, Jpn, Ita.

Group “B”
Aus, Mne, Rsa, Cro.

Martedì 16
Usa – Ita (A) 10-6
Srb – Jpn (A) 12-6
Aus – Cro (B) 6-9
Mne – Rsa (B) 18-5

Mercoledì 17
Aus – Rsa (B) 13-4
Srb – Ita (A) 6-4
diretta Raisport Più
Usa – Jpn (A) 14-3
Mne – Cro (B) 12-7

Giovedì 18
Rsa – Cro (B) 3-12
Jpn – Ita (A) 6-14
Srb – Usa (A) 10-7
Mne – Aus (B) 6-4

Classifica Gruppo A: Serbia 9, Usa 6,
Italia 3, Giappone 0.
Classifica Gruppo B: Montenegro 9,
Croazia 6, Australia 3, Sud Africa 0.

venerdì 19
13. Usa–Australia 10-6
14. Italia-Croazia 6-8
15. Serbia–Sud Africa 16-2
16. Giappone–Montenegro 2-18

sabato 20
semifinali 5/8 posto
17 16:20 Australia-Giappone
18 17:40 Italia–Sud Africa
semifinali 1/4 posto
19 19:00 Croazia-Serbia
20 20:30 Usa–Montenegro

domenica 21
10:00 Loser 17 – Loser 18 7/8 posto
11:30 Winner 17 – Winner 18 5/6 posto
18:30 Loser19 – Loser 20 3/4 posto
20:00 Winner 19 – Winner 20 1/2 posto

Albo d'oro
2002 Patrasso
1.Russia 2.Spagna 3.Ungheria
2003 New York
1.Ungheria 2.Italia 3.USA
2004 Long Beach
1.Ungheria 2.Serbia/Montenegro 3.Grecia
2005 Belgrado
1.Serbia e Montenegro 2.Ungheria 3.Germania
2006 Atene
1.Serbia/Montenegro 2.Spagna 3.Grecia
2007 Berlino
1.Serbia 2.Ungheria 3.Australia
2008 Genova
1.Serbia 2.Usa 3.Australia

Valerio Salvati
Nostro Inviato