Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Super Final di World League Serbia-Italia 13-12 dtr

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/445ccc200acf2ffa3fc9c95815362ff8.jpg

Il Settebello va sul +2, ma subisce la rimonta dei campioni del mondo, avanti 10-8 a metà del quarto tempo. Reazione e pari sulla sirena. Sconfitta ai rigori. Il CT Campagna: "Grande organizzazione"

FIRENZE
Sono mille emozioni quelle che il Settebello regala al pubblico della piscina Paolo Costoli di Firenze nella seconda giornata della Super Final di World League. Gli Azzurri del Ct Alessandro Campagna mettono sotto la Serbia campione del mondo per tre tempi, vanno in vantaggio anche di due gol (3-1 con una delle due splendide beduine di Aicardi, 4-2 con Figlioli che sfrutta la prima superiorità numerica e 7-5 con il rigore trasformato da Felugo), subiscono il ritorno degli slavi e a metà del quarto tempo il gol di Filipovic per il 10-8 suona come una sentenza. Ma l'Italia trova la forza di reagire e agguanta il pari con la superiorità di Presciutti a 2'45 e la palomba in controfuga di Giorgetti sulla sirena. L'Italia non merita di uscire sconfitta da questo match e il verdetto dei tiri di rigore non può minimamente intaccare quanto di buono mostrato dai ragazzi in vasca. Il grande cuore e lo spirito azzurro, unito ad una organizzazione di gioco da grande squadra, come sottolineerà il cittì a fine partita, e una difesa che subisce il primo gol in inferiorità al nono tentativo (9-8 di Prlainovic) non sono bastati a sormontare nel risultato l'ostacolo Serbia. Il finale di 13-12 ricalca in maniera beffarda il punteggio dell'ultimo successo italiano sulla Serbia: era il 18 agosto 2008 alle Olimpiadi di Pechino, ultima giornata del girone eliminatorio e comunque condizionato da logiche di incroci. L'Italia è in crescita; ha dimostrato di essere in grado di giocare una partita intera alla pari con la squadra campione del mondo, composta per lo più dai giocatori del Partizan Belgrado campione d'Europa, e di far salire i decibel in una tribuna gremita, che ha accompagnato gli azzurri con cori e applausi fino all'ultimo rigore, quello realizzato da Pijetlovic, e anche oltre.
"Non posso che fare i complimenti ai ragazzi - ha detto Sandro Campagna - Realizzare 10 gol alla Serbia non è un'impresa semplice, così come non lo è rimontare due reti nel finale, soprattutto dopo essere stati anche sul +2. Sono molto soddisfatto. Le sconfitte lasciano l'amaro in bocca inizialmente, ma poi se ben analizzate insegnano tanto; sono certo che i ragazzi hanno la maturità di trarre tutto il positivo, ed è tanto, da questa partita. Il lavoro alla lunga paga, ci sono ancora delle cose da migliorare, ma noi stiamo compiendo un percorso, non si arriva a vincere qualcosa di importante dall'oggi al domani. Dobbiamo rimanere concentrati e continuare a lavorare, già domani con la Cina, in cui i ritmi saranno molto più bassi, possiamo cercare di fare qualcosa meglio di oggi".
  
Serbia-Italia 13-12 dtr (10-10 ai reg.)
Serbia: Soro, Cuk, Gocic, Vanja Udovicic 1, Vapenski, Pijetlovic 1, Nikic, Aleksic, Raden, Filipovic 3 (1 rig.), Prlainovic 5 (1 rig.), Mitrovic, Pijetlovic. All. Dejan Udovicic.
Italia: Tempesti, Luongo, Gitto, Figlioli 2, Perez, Felugo 1 (rig.), Giacoppo, Gallo, Presciutti 2, Fiorentini, Aicardi 2, Deserti, Giorgetti 3. All. Campagna.
Arbitri: Stravropoulos (Gre) e Moliner (Spa).
Delegato Fina: Firoiu (Ger).
Note: parziali 2-4, 3-2, 2-1, 3-3. Usciti per limite di falli Perez (I) a 6'10" del terzo tempo, Gitto (I) a 2'33" del quarto tempo e Filipovic (S) a 5'04" del quarto tempo. Ammonito a 0'35" del secondo tempo e espulso a 4'31" del terzo Dejan Udovicic (All. Serbia) per proteste. Superiorità numeriche: Serbia 2/11, Italia 3/7. Spettatori 1700 circa.  
Serie rigori: Presciutti traversa, Prlainovic palo, Felugo gol, Udovicic gol, Figlioli parato, Aleksic traversa, Gallo gol, Gocic gol, Deserti parato, Pijetlovic gol.
 
Consulta tutti i tabellini

SUPER FINAL DI WORLD LEAGUE
FIRENZE, 21-26 GIUGNO 2011
CALENDARIO

Girone A: Stati Uniti, Serbia, Cina, Italia
Girone B: Australia, Canada, Montenegro e Croazia

Martedì 21 giugno
Montenegro-Canada 8-6
Serbia-Cina alle 13-2
Australia-Croazia 6-12
Italia-Stati Uniti 10-4

Mercoledì 22 giugno
Stati Uniti-Cina 13-6
Montenegro-Croazia 5-11
Australia-Canada 13-8
Serbia-Italia 13-12 d.t.r. (10-10 ai reg.)

Classifica girone A
Serbia 5
Italia 4
Stati Uniti 3
Cina 0

Classifica girone B
Croazia 6
Montenegro e Australia 3
Canada 0

Giovedì 23 giugno
Montenegro-Australia alle 16
Serbia-Stati Uniti alle 17.30
Canada-Croazia alle 19
Italia-Cina alle 20.30

Venerdì 24 giugno - Quarti di finale
a) 2A-3B alle 16
b) 3A-2B alle 17.30
c) 1A-4B alle 19
d) 4A-1B alle 20.30

Sabato 25 giugno - Semifinali
- per il quinto posto
perdente a-perdente d alle 16
perdente b-perdente c alle 17.30
- per il primo posto
vincente a-vincente d alle 19
vincente b-vincente c alle 20.30

Domenica 26 giugno - Finali
per il settimo posto alle 16
per il quinto posto alle 17.30
per il terzo posto alle 19
per il primo posto alle 20.30

Fabio Larosa
Nostro Inviato