Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali Juniores di Trieste Italia-Grecia 8-4

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/5397a9a276dbfcb2e2882ba6ff102596.jpg

Grande prova delle azzurre che chiudono al quinto posto. Il tecnico Zizza: "Dimostrata qualità, continuiamo a lavorare". Capitan Emmolo: "Esperienza importante". Spagna campione

TRIESTE
L'Italia è quinta al mondo. Le azzurrine nate nel 1991 e seguenti, guidate dal tecnico federale Paolo Zizza, battono la Grecia per 8-4 nell'ultima giornata dei Mondiali Juniores, al Centro Federale "Bruno Bianchi" di Trieste, ed eguagliano il miglior risultato storico nella manifestazione, ottenuto nel 2007 a Oporto e nel 2009 a Khanty-Mansysk. Ed a vedere la nazionale giovanile in vasca viene naturale domandarsi fin dove sarebbe potuta arrivare se non fosse stato per la sfortuna del quarto di finale con la Russia. Un'Italia che doma le avversarie, irretisce le trame offensive e punge in avanti. Quantità e qualità.
Le azzurre partono col piglio giusto. Vanno sotto dopo 1'40" con il tiro da fuori di Kotsia, ma si portano sul +2 grazie a Barzon, superiorità, Giachi, palomba, e Emmolo, rigore. A 15" dalla fine Alkistis Benekou accorcia: 3-2 a fine primo tempo. Nel secondo l'Italia prima difende il vantaggio annullando quattro azioni greche con l'uomo in più, poi colpisce con Giachi a 38" dalla sirena, proprio in superiorità: +2. C'è chi dice che il terzo tempo è quello decisivo. Per l'Italia è certamente così. Queirolo si alza e tira da 6 metri, 5-2! Poi Emmolo spara su tiro diretto, palla all'incrocio e azzurre sul +4. La difesa sembra un muro invalicabile per le elleniche, che quasi mai riescono a produrre gioco e pericoli. Constatazione che accresce il rammarico per il quarto di finale dominato e perso ai rigori con la Russia. Il quarto parziale è semplice gestione, impreziosita da gol bellissimi, come quello di Queirolo dalla distanza.
"Sono molto contento per come le ragazze hanno reagito dopo l'immeritata sconfitta con la Russia - analizza il tecnico federale Paolo Zizza - Abbiamo dimostrato qualità importanti, dobbiamo continuare a lavorare per crescere ancora. Mi fa piacere che per i giochi del calendario abbiamo avuto la possibilità di affrontare nuovamente Usa e Grecia, che ci avevano battuto nel girone, e contro cui abbiamo conquistato due vittorie belle e importanti. In chiusura di questo Mondiale desidero ringraziare le ragazze per la professionalità, l'impegno e la passione che hanno messo in campo. Brave ragazze!".
Si fa portavoce del gruppo il capitano Giulia Emmolo, già tre Mondiali assoluti alle spalle, che desidera "ringraziare l'organizzazione per averci messo nelle condizioni migliori e tutte le ragazze per aver lottato, sofferto e per essere rimaste sempre unite. Il Mondiale è un'esperienza importante che ci porteremo sempre con noi e che ci aiuterà a crescere ancora".
La Spagna si è laureata campione del mondo per la prima volta battendo per 11-9 l'Ungheria nella finale con un pezzo d'Italia, l'arbitro Cristina Taccini. Bronzo all'Australia che ha superato la Russia per 10-2. Seguono classifica finale e premi speciali.
 
Classifica finale
1. Spagna
2. Ungheria
3. Australia
4. Russia
5. Italia
6. Grecia
7. Olanda
8. Usa
9. Canada
10. Uzbekistan
11. Cina
12. Germania
13. Brasile
14. Sudafrica
15. Messico
16. Indonesia
 
Premi speciali
Miglior marcatore: Rouser Tarrago (Spagna), 21 reti
Miglior giocatore: Rita Keszthelyi (Ungheria)
Miglior portiere: Anna Karnaukh (Russia)
 
consulta presentazione e statistiche
consulta il sito ufficiale dei Mondiali
consulta tutti i tabellini dell'ultima giornata

MONDIALI JUNIORES DI PALLANUOTO FEMMINILE
TRIESTE, 11-17 SETTEMBRE
Fase a gironi

Gruppo A
Ungheria 5, Australia 5, Cina 2, Messico 0
Gruppo B
Russia 5, Olanda 5, Uzbekistan 2, Sudafrica 0
Gruppo C
Grecia 6, Usa 4, Italia 2, Indonesia 0
Gruppo D
Spagna 6, Canada 4, Germania 1, Brasile 1

1^ giornata - domenica 11 settembre
Cina-Messico 18-6
Ungheria-Australia 9-9
Sudafrica-Uzbekistan 7-10
Olanda-Russia 13-13
Indonesia-Grecia 2-37
Canada-Brasile 9-7
Germania-Spagna 7-16
Usa-Italia 11-4

2^ giornata - lunedì 12 settembre
Russia-Uzbekistan 31-1
Sudafrica-Olanda 1-28
Usa-Indonesia 31-0
Spagna-Brasile 17-5
Canada-Germania 10-7
Australia-Messico 32-3
Cina-Ungheria 4-17
Grecia-Italia 9-7

3^ giornata - martedì 13 settembre
Usa-Grecia 7-9
Canada-Spagna 5-9
Germania-Brasile 12-12
Cina-Australia 7-18
Ungheria-Messico 29-1
Sudafrica-Russia 3-24
Olanda-Uzbekistan 21-3
Indonesia-Italia 2-38

4^ giornata - mercoledì 14 settembre
semifinali 13°-16° posto
Messico-Sudafrica 5-8
Indonesia-Brasile 0-21
ottavi di finale
Australia-Uzbekistan 17-5
Cina-Olanda 5-13
Usa-Germania 25-2
Italia-Canada 12-9

5^ giornata - giovedì 15 settembre
finale 15°-16° posto
Messico-Indonesia 6-5
finale 13°-14°posto
Sudafrica-Brasile 9-10 dts (8-8)
semifinali 9°-12° posto
Uzbekistan-Germania 11-10
Cina-Canada 7-11
quarti di finale
Ungheria-Usa 8-9 dts (8-8)
Grecia-Australia 5-10
Spagna-Olanda 11-9
Russia-Italia 7-6 dtr (4-4, 5-5 dts)

6^ giornata - venerdì 16 settembre
finale 11°-12° posto
Germania-Cina 12-13 dts (11-11)
finale 9°-10° posto
Uzbekistan-Canada 6-15
semifinali 5°-8° posto
Usa-Italia 2-3
Grecia-Olanda 11-5
semifinali 1°-4° posto
Ungheria-Russia 12-11 dts (10-10)
Australia-Spagna 7-8

7^ giornata - sabato 17 settembre
finale 7°-8° posto
Usa-Olanda 9-11
finale 5°-6° posto
Italia-Grecia 8-4
finale 3°-4° posto
Russia-Australia 2-10
finale 1°-2° posto
Ungheria-Spagna 9-11

Fabio Larosa
Nostro Inviato