Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League. Setterosa, Argento vivo!

Pallanuoto
images/joomlart/article/943d465b064a538ddc915963f4800cc3.jpg

E’ il giorno delle medaglie. Gli Stati Uniti hanno vinto la World League 2014 a Kunshan, in Cina. Ottavo successo nelle 11 edizioni. In finale hanno fermato il Setterosa 10-8. L’Italia ha difeso a zona e le sono stati fischiati 9 falli gravi più l’espulsione definitiva di Palmieri dopo sette minuti del primo tempo (si strattonava con il difensore in fase di rientro dall’azione di attacco); gli Usa hanno difeso a pressing e gli sono stati fischiati 8 falli gravi. Azzurre avanti 4-1 a metà del secondo tempo, poi nel terzo Stati Uniti più precisi e qualche superiorità in più. Nella quarta frazione di nuovo l’Italia tutta grinta che a 90 secondi da giocare ha riaperto la partita con l’8-9 di Bianconi. Poi l’episodio sfortunato del gol americano di Steffens che trova il sette allo scadere dei 30 secondi a disposizione. La finale per il terzo posto è andata all’Australia che ha superato la Cina 7-2. Parziali 2-1, 2-0, 1-0 e 2-1. La partita valida per la medaglia di bronzo è stata arbitrata dall’italiano Mario Bianchi insieme alla svizzera Ursula Wengenroth. Per Mario Bianchi è stata la quinta partita diretta in questa Superfinal dopo Usa-Russia, Usa-Canada, Spagna-Russia, Spagna-Cina.
Il commento-bilancio del Commissario Tecnico Fabio Conti. “Guardiamo avanti. Anche oggi abbiamo disputato una partita di alto livello e anche questa volta l’approccio è stato buono. Siamo passati in vantaggio, abbiamo resistito al ritorno delle avversarie e ripreso la partita nel finale. Tutto questo senza Palmieri fuori per gioco violento. Nel finale avevamo ancora le energie nervose per rientrare sul -1 ma il gol di Steffens, rocambolesco, ha chiuso la partita che potevano portare ai rigori. Complimenti agli Stati Unti perché al momento sono i più forti al mondo e un punto di riferimento per il prossimo biennio, in vista del 2016. Questi risultati sono indicazioni importanti per capire dove dirigere il lavoro presente e futuro, che dovrà essere ancora più attento e finalizzato a migliorare i difetti ed esaltare le nostre caratteristiche migliori. Rispetto al secondo posto di Tianjin, dove avevamo perso tutte le partite del girone e vinto il quarto di finale ai rigori con la Russia, questa World League è stata condotta sicuramente con un piglio diverso; frutto anche dell’esperienza fatta dal gruppo nella passata stagione. Diamo tempo a queste ragazze di maturare con continuità”.


CON MOTTA E LE CATANESI. Delle 13 che sono a Kunshan, sette erano anche tre anni fa a Tianjin. Facevano parte della squadra che vinse la medaglia d’argento alla superfinal di giugno 2011 Giulia Gorlero e Giulia Emmolo, Laura Teani, Roberta Bianconi, Aleksandra Cotti, Teresa Frassinetti e Elisa Queirolo. In questa edizione si sono aggiunte Silvia Motta, Rosaria Aiello, Tania Di Mario, Valeria Palmieri, Federica Radicchi e Arianna Garibotti. Commissario Tecnico, oggi come allora, Fabio Conti.


Italia-Usa 8-10
Italia: Giulia Gorlero, Federica Radicchi 1, Arianna Garibotti 1, Elisa Queirolo, Silvia Motta, Rosaria Aiello, Tania Di Mario 2, Roberta Bianconi 3 (1 rig), Giulia Emmolo 1, Valeria Palmieri, Aleksandra Cotti, Teresa Frassinetti, Laura Teani. All. Fabio Conti
Usa: Sami Hill, Alys Williams, Malissa Seidemann 1, Rachel Fattal 2, Caroline Clark, Maggie Steffens 3, Makenzie Fischer, Kiley Neushul, Jillian Kraus 1, Kaleigh Gilchrist 1, Annika Dries 2, Kami Craig, Elizabeth Keeve. All. Adam Krikorian
Arbitri Marie Claude Desliere (Canada) e Meng Aniong (Cina)
Note: parziali 2-1, 2-3, 0-4, 4-2. Espulsa per gioco violento Palmieri nel primo tempo. Superiorità numeriche: Italia 3/8 + 2 rigori e Usa 3/9. Spettatori 500 circa


Marcatrici azzurre


Roberta Bianconi 14 (2 r)
Tania Di Mario 8 (1 r)
Giulia Emmolo 7
Silvia Motta 6
Arianna Garibotti 6
Elisa Queirolo 5
Federica Radicchi 5
Rosaria Aiello 1
Teresa Frassinetti 1


Risultati delle finali


Finale 7/8 posto
Russia-Brasile 8-7
Finale 5/6 posto
Spagna-Canada 8-7
Finale 3/4 posto
Cina-Australia 2-7
Finale 1/2 posto
Italia-Usa 8-10 


Classifica Women’s World League 2014


1. Usa
2. Italia
3. Australia
4. Cina
5. Spagna
6. Canada
7. Russia
8. Brasile


Albo d’oro Women’s World League


2004 1.USA 2.HUN 3.ITA
2005 1.GRE 2.RUS 3.AUS
2006 1.USA 2.ITA 3.RUS
2007 1.USA 2.AUS 3.GRE
2008 1.RUS 2.USA 3.AUS
2009 1.USA 2.CAN 3.AUS
2010 1.USA 2.AUS 3.GRE
2011 1.USA 2.ITA 3.AUS
2012 1.USA 2.AUS 3.GRE
2013 1.CHN 2.RUS 3.USA
2014 1.USA 2.ITA 3.AUS