Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali U20F. Italia-Spagna 12-14. Azzurre per il terzo posto

Pallanuoto
images/large/Mondiali_u_20_fem_ita_spagna_15_10_2021.jpg

L'Italia disputerà la finale per la medaglia di bronzo. Appuntamento sabato 16 ottobre alle 17.30 con l'Ungheria. Le ragazze di Giacomo Grassi perdono 14-12 con la Spagna la seconda semifinale dei campionati mondiali di Netanya. Superate nel quarto tempo, dopo aver condotto per tre quarti di gara. Chiudono avanti 10-9 il terzo periodo, nel quarto subiscono la pressione spagnola ma non si arrendono neanche quando lo speaker annuncia l'ultimo minuto di gioco. Escono per limite di falli Carosi e Gant. La Spagna affronterà la Grecia, che ha battuto 13-8 l'Ungheria, nella finale per il titolo iridato under 20.

La partita. Italia subito avanti 2-0 con la doppietta di Giustini in 100 secondi, poi anche 5-3 e 7-5, fino alla chiusura del terzo tempo, quando Cergol su rigore fissa il 10-9. Si arriva agli otto minuti decisivi. La Spagna preme, le azzurre sembrano poter tenere ma dopo due minuti e mezzo Carosi commette fallo da rigore (terzo fallo personale) che Ruiz Barril traduce in gol. Grassi si lamenta con gli arbitri e riceve il cartellino giallo. Trascorrono altri 90 secondi e Ruiz Barril realizza il gol del primo vantaggio spagnolo (11-10, dopo 28 minuti di gioco). L'Italia è viva, non si spaventa. Cordovani fa 11-11 e gli utlimi tre minuti diventano una "corrida". La Spagna a +2 con Camus ed Camarena crede di averla chiusa ma Giustini in extra player la riapre a 2'14" ancora da giocare. Gant commette fallo grave (terzo anche per lei) e Palacio Linde riporta le iberiche sul doppio vantaggio. Il cronometro è amico della Spagna. Scorrono anche gli ultimi 60 secondi con le ragazze di Grassi sempre alla ricerca del gol che questa volta non arriva. Arrivano invece gli applausi del pubblico a due squadre che hanno dato vita ad una partita esaltante.

Programma e risultati semifinali - 15 ottobre (-1 ora in Italia)

Semifinali 5/8 posto
Serbia-Olanda 4-14 (1-4, 1-3, 1-3, 1-4)
Israele-Russia 13-15 (3-3, 4-5, 3-4, 3-3)

Semifinali 1/4 posto
Grecia-Ungheria 13-8 (4-2, 3-1, 4-4, 2-1)
Italia-Spagna 12-14 (5-4, 3-3, 2-2, 2-5)

Finali - 16 ottobre 
14.30 finale 7/8 posto Serbia-Israele
16.00 finale 5/6 posto Olanda-Russia
17.30 finale 3/4 posto Ungheria-Italia
19.00 finale 1/2 posto Grecia-Spagna

FORMULA. Ai mondiali in Israele partecipano 16 Nazioni, divise in quattro gironi nella fase preliminare dal 10 al 12 ottobre. Le vincenti sono promosse ai quarti (14 ottobre), le seconde e terze si incrociano negli ottavi (13 ottobre) e le quarte si affrontano per l'assegnazione delle ultime quattro posizioni (13 e 14). Le semifinali per le medaglie e le finali per i posti dal 9° al 12° sono in calendario il 15 ottobre. Le finali per le medaglie e per le altre quattro posizioni il 16 ottobre.

Le 13 convocate: Valeria Uccella (Vela Nuoto), Alessia Iannarelli, Sofia Giustini e Sara Carosi (SIS Roma), Sara Cordovani e Letizia Nesti (RN Florentia), Aurora Condorelli, Morena Leone, Veronica Gant e Dafne Bettini (L'Ekipe Orizzonte), Lucrezia Cergol e Giorgia Klatowosky (PN Trieste), Gaia Gagliadri (Bogliasco 1951). Nello staff, insieme al tecnico Giacomo Grassi, il team leader Fabio Conti, l'assistente Manuel Bombelli, il team manager Marco Manzetti, il medico Beatrice Berti, la fisioterapista Flavia Mangiapane. Arbitro italiano al seguito Alessia Ferrari. 

Vai al sito ufficiale