Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Olimpiadi. Battuti gli USA 12-11 in rimonta. Settebello ai quarti

Pallanuoto
images/large/7_25_7_21_20210725_1669306177_Echenique.jpg

La vittoria del cuore e dei muscoli, della testa e della determinazione. Finisce con l'Italia ad esultare per il 12-11 raggiunto in volata dopo la partenza scioccante, che non ti aspetti, sotto 4-0 dopo 5 minuti. Gli States strappano subito con due extra player e due rigori. Al primo minuto del secondo periodo l'allarme sembra essere rientrato: azzurri a -1 con la ripartenza vincente di Presciutti, dopo i gol rabbiosi di Luongo e Di Fulvio nel finire di parziale. Ma c'è da lottare ancora perché i campioni del mondo sono sott'acqua di nuovo (7-4 a 35" da giocare del secondo tempo e 8-5 in apertura di terzo periodo), Come era successo con la Grecia (6-2 sotto alla fine del terzo tempo), rialzano la testa e raggiungono il pari, 9-9, con capitan Figlioli al minuto 24'49". Ne rimangono più di sette da giocare; una nuova partita. Incredibile ma vero gli americani tornano sul +2. E' un'altalena con il Settebello sempre ad inseguire e la riacciuffa per la seconda volta (Luongo con l'uomo in più e Di Fulvio su rigore guadagnato da Aicardi). Poi negli ultimi due minuti Nicholas Presciutti segna il gol partita, unico vantaggio dell'Italia. Risolutivo.
Sabato 31 luglio, alle 11:20, le 18:20 di Tokyo, c'è il Giappone sconfitto dalla Grecia 10-9. Il riflesso di questo risultato è che l'Italia e gli ellenici sono già ai quarti di finale.

USA-Italia 11-12
USA: Hooper 1, Vavic 1, Obert 2, Daube 1, Cupido 2, Hallock, Woodhead, Bowen 2 (1 rig.), Stevenson, Smith, Irving 2 (1 rig.), Holland. All. Udovicic
Italia: Del Lungo, Di Fulvio 6 (1 rig.), Luongo 2, Figlioli 2, Presciutti 2, Velotto, Renzuto Iodice, Echenique, Figari, Bodegas, Aicardi, Dolce. All. Campagna
Arbitri: Dervieux (Fra) e Buch (Esp).
Note: parziali 4-2, 3-3, 2-3, 2-4. Usciti per limite di falli Bodegas (I) nel terzo tempo e Smith (U) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Stati Uniti 6/12 + 3 rigori e Italia 7/12+ 2 rigori. Bowen colpisce la traversa su rigore al 7'00 del terzo tempo, sul 9-7; Figlioli (I) colpisce la traversa su rigore a 2'13 del quarto tempo, sul 10-9.

Cronaca. Stati Uniti avanti al primo affondo con Obert in superiorità numerica (1-0). Settebello che fatica a carburare: Holland corre pochi rischi. Bowen, sempre con l'uomo in più, firma il 2-0 e su rigore il 3-0. Renzuto Iodice ci prova ma non fa male; nell'azione successiva difende male sul centroboa statunitense Smith: altro rigore e trasformazione glaciale di Irving per il 4-0. Campagna chiama time out e scuote i ragazzi senza usare mezzi termini. Il Settebello risponde con un micidiale uno-due firmato da Luongo (extra player) e Di Fulvio (perimetro) per il 4-2 che chiude la prima frazione.
Si riparte e Presciutti concretizza uno splendido contropiede (4-3). Del Lungo sale in cattedra e stoppa Vavic e Bowen, ma non la saetta dai sei metri di Daube (5-3). Stati Uniti tornano sul +3 con il "ligure" Cupido che sfrutta la superiorità numerica per il 6-3. Botta e risposta tra Di Fulvio (sei metri) e Cupido (uomo in più) per il 7-4. Si iscrive a referto anche Figlioli, che sul suono della seconda sirena sigla il 7-5 e mantiene l'Italia sul -2.
Ritmi altissimi anche in avvio di terzo tempo. Hooper e Di Fulvio, entrambi in superiorità numerica, siglano le reti del veloce 8-6: gol dell'americano convalidato dal Var con Del Lungo che respinge il tiro oltre la linea di porta. Non c'è un attimo di respiro. Gli squilli di Vavic (conclusione ravvicinata) e Di Fulvio (uomo in più) mantengono il gap tra le due squadre invariato (9-7). Holland è reattivo sulle bordate di Echenique e Di Fulvio. Altro fallo da rigore di Bodegas, che finisce la sua partita, ma Bowen spara sulla traversa. Di Fulvio (extra player) è in versione extra lusso e stampa il 9-8 all'ultimo mini break.
Il Settebello ci crede. Figlioli riequilibra il punteggio in apertura (9-9). Gli Stati Uniti tornano avanti velocemente con Irving (superiorità). Figlioli si guadagna di mestiere un rigore che però spedisce sulla traversa. Nell'azione successiva arriva il micidiale 11-9 di Obert. Gli americani si illudono. L'Italia non è mai domata. La partita con la Grecia dovrebbe insegnarlo, ma gli Stati Uniti forse non l'hanno studiata bene. Così in doppia superiorità Luongo non fallisce l'11-10, Di Fulvio trasforma il rigore guadagnato da Aicardi su Daube e Presciutti infila il corridoio per il sorpasso a cento secondi dal termine (12-11). Il primo vantaggio del Settebello spezza il ritmo agli Stati Uniti. L'Italia difende bene, non rischia più nulla e finisce con gli applausi del cittì. 

Le parole del commissario tecnico Alessandro Campagna. "Se non prendiamo gli schiaffi non reagiamo. All'inizio avevamo poca "cazzimma". Anche oggi abbiamo reagito da grande squadra. Abbiamo macinato gioco: siamo stati un diesel. Ho chiesto calma fino alla fine. I ragazzi hanno capito e hanno disputato un grande match, contro un avverario molto fisico. Questi schiaffi servono per svegliarsi, ma adesso basta perché in una competizione del genere non possiamo permetterceli. I nostri avversari sanno che non molliamo mai. Adesso pensiamo al Giappone".

Le parole di Francesco Di Fulvio. "Abbiamo sofferto la loro aggressività. Sapevamo che sarebbe stata una partita molto difficile, soprattutto a livello fisico. Siamo riusciti a rimontare come squadra: ci siamo compattati in difesa, abbiamo sofferto in attacco e piano piano siamo rientrati. All'inizio eravamo inguardabili: stavamo ancora dormendo. Dobbiamo eliminare questi black-out. Sappiamo qual è il nostro valore: abbiamo rispetto di tutti, ma non temiamo nessuno".

Programma e risultati
orario italiano, a Tokyo +7 ore

Classifiche aggiornate
Girone A: Grecia e Italia 5, Stati Uniti e Ungheria 4, Giappone e Sud Africa 0
Girone B: Spagna 6, Croazia e Serbia 4, Montenegro e Australia 2, Kazakistan 0   

1^ giornata / Domenica 25 luglio  

Sud Africa-Italia (A) 2-21 (0-2, 2-8, 0-7, 0-4)
Ungheria-Grecia (A) 9-10 (3-2, 3-4, 2-3, 1-1)
Stati Uniti-Giappone (A) 15-13 (3-3, 4-5, 4-2, 4-3)
Australia-Montenegro (B) 10-15 (5-4, 2-2, 1-4, 2-5)
Serbia-Spagna (B) 12-13 (3-3, 3-5, 3-2, 3-3)
Croazia-Kazakistan (B) 23-7 (4-1, 6-3, 8-1, 5-2)

2^ giornata / Martedì 27 luglio 

Sud Africa-Usa (A) 3-20 (0-3, 1-9, 1-3, 1-5)
Montenegro-Spagna (B) 6-8 (2-3, 1-2, 2-2, 1-1)
Kazakistan-Serbia (B) 5-19 (2-4, 1-3, 2-6, 0-6)
Italia-Grecia (A) 6-6 (1-1, 1-1, 0-4, 4-0)
Giappone-Ungheria (A) 11-16 (3-4, 5-4, 2-5, 1-3)
Australia-Croazia (B) 11-8 (3-3, 2-0, 2-3, 4-2)

3^ giornata / Giovedì 29 luglio
Ungheria-Sud Africa (A) 23-1 (4-0, 5-0, 8-0, 6-1)
Spagna-Kazakistan (B) 16-4 (3-0, 3-0, 5-2, 4-2)
Stati Uniti-Italia (A) 11-12 (4-2, 3-3, 2-3, 2-4)
Croazia-Montenegro (B) 13-8 (1-1, 6-4, 4-3, 2-0)
Grecia-Giappone (A) 10-9 (1-1, 4-4, 2-1, 3-3)
Serbia-Australia (B) 14-8 (6-0, 4-1, 1-2, 3-5)

4^ giornata / Sabato 31 luglio
Montenegro-Kazakistan (B) alle 3:00
Australia-Spagna (B) alle 4:30
Stati Uniti-Ungheria (A) alle 7:00
Croazia-Serbia (B) alle 8:30
Italia-Giappone (A) alle 11:20
Sud Africa-Grecia (A) alle 12:50

5^ giornata / Lunedì 2 agosto
Ungheria-Italia (A) alle 3:00
Grecia-Stati Uniti (A) alle 4:30
Serbia-Montenegro (B) alle 7:00
Spagna-Croazia (B) alle 8:30
Giappone-Sud Africa (A) alle 11:20
Australia-Kazakistan (B) alle 12:50

Mercoledì 4 agosto
Quarti di finale alle 7:00, 8:30, 11:20, 12:50

Venerdì 6 agosto
Semifinali per il 5° posto alle 7:00 e alle 11:20
Semifinali per il 1° posto alle 8:30 e alle 12:50

Domenica 8 agosto
Finale 7° posto alle 2:30
Finale 5° posto alle 4:00
Finale 3° posto alle 6:40
Finali 1° posto alle 9:30

Vai ai risultati ufficiali

foto di Giorgio Scala - DBM / L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit.