Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Eurolega. La Sis Roma prova il colpo a Budapest

Pallanuoto
images/00_foto_2021/medium/large/Sis-Roma-LIFEBRAIN-SIS-ROMA_COPPA-ITALIA-2020-735x400.jpg

Una mission impossible nel tempio della pallanuoto. Alla Alfred Hajos di Budapest  la Lifebrain SIS Roma tenta il colpo nel ritorno dei quarti di finale di Eurolega  con le magiare del Dunaujvaros piene di campionesse come le fuoriclasse Szilagyi (sei reti all'andata) e Gurisatti che hanno eliminato il Setterosa nella qualificazione olimpica di Trieste lo scorso gennaio. Palla al centro sabato alle 17.30 (diretta streaming su LEN TV). Dopo l’andata giocata in casa ad Ostia (pareggio 11-11) la sfida sale di tono per sperare di arrivare tra le prime quattro d'Europa. La partita dello scorso sabato a Verona contro la CSS non ha certamente regalato la miglior esibizione stagionale della compagine capitolina che dopo aver condotto per 8-4 ha subito il pareggio praticamente a fil di sirena sul tiro di rigore trasformato dalla Gragnolati. Dopo lo sfogo di Marco Capanna, l'allenatore delle giallorosse prova a caricare le sue ragazze: “Ci siamo preparati facendo tesoro della partita di andata e sfruttando al meglio le due settimane che ci sono state inclusa la partita di campionato svolta a Verona che, nel bene e nel male, ci è servita. Siamo altresì molto concentrati e determinati per fare la nostra miglior partita storica con tantissima consapevolezza. Faremo tutto ciò che è necessario per accedere alla finale che, per un atleta, è l’obiettivo di Club più grande a cui puoi aspirare.”  Anche Chiara Tabani, difensore azzurro, commenta il pre partita a nome di tutta la squadra: “Sono molto contenta di giocare una partita del genere con un coach come Marco Capanna perché sento una forte energia che solo con lui e con le mie compagnie voglio condividere. Sarà una partita tosta e dobbiamo dare il massimo fino alla fine rimanendo sempre unite. Giocheremo anche per Cecilia Nardini, che purtroppo non è con noi in questi giorni, ma sarà la prima a connettersi per guardare la partita e per fare il tifo".