Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

A1 femminile. Si comincia a novembre con due gironi

Pallanuoto
images/large/palloni-in-acqua_800_450_21_10_2020.jpg

Nella tarda serata di martedì la Federnuoto ha tenuto una video-conferenza con i rappresentati delle società iscritte alla serie A1 di pallanuoto femminile per definire il format di svolgimento del campionato con l'obiettivo di assicurarne la continuità, riducendo al minimo l'esposizione al contagio da coronavirus. In collegamento il presidente Paolo Barelli, i consiglieri federali Andrea Pieri, Giuseppe Marotta e Teresa Frassinetti, il direttore tecnico del settore Fabio Conti, il commissario tecnico della nazionale Paolo Zizza, il presidente della commissione medico-scientifica Marco Bonifazi e i rappresentanti delle squadre.
Le osservazioni e le riflessioni espresse in riunione hanno indotto la federazione e le società a individuare una nuova formula che inizierà con la suddivisione delle otto squadre in due gironi da quattro (composti in base alla classifica del campionato 2019-2020 al momento dell’interruzione e a criteri territoriali per evitare lunghi viaggi) con partite di andata e ritorno (sei giornate). La seconda fase si svilupperà attraverso altri due gironi con partite di andata e ritorno (sei giornate): quello dei playoff che sarà composto dalle migliori due squadre dei gironi della prima fase e quello dei playout senza retrocessioni con le altre quattro squadre.
La federazione si riserva di definire le modalità di svolgimento della fase finale che assegnerà scudetto e accesso alle coppe europee entro la fine della prima fase e in relazione allo sviluppo della pandemia.
Il campionato inizierà a novembre; tutte le partite delle fasi a gironi si dovrebbero giocare ogni due settimane con la pianificazione del calendario soggetta a variazioni in relazione al calendario internazionale che contempla il torneo di qualificazione olimpica, al momento pianificato dal 17 al 24 gennaio a Trieste.
Il calendario lascerà aperte delle finestre per recuperare eventuali partite da rimandare a causa dell'insorgere di casi di coronavirus sulla base di un protocollo di condotta e di controlli e a norme di salvaguardia che saranno emanate a breve dalla federazione.
Nei prossimi giorni la federazione comunicherà i dettagli delle modalità di svolgimento del campionato.