Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali F. Giappone-Italia 7-9. Quarti distanti un punto

Pallanuoto
images/large/mtb19071619847OP.jpg

Setterosa ad un passo dal primato del girone D e dai quarti di finale ai campionati del mondo a Gwangjiu. Con la Cina, affrontata e battuta 10-7 lo scorso 6 giugno nella fase preliminare delle Superfinal di Word League di Budapest, basterà un pareggio. Match in programma giovedì 18 luglio alle 12.30 (quando sono le 5.30 in Italia). Nell'altra partita del girone l'Australia supera 14-12 la Cina e giovedì affronta il Giappone nella gara che precede quella delle azzurre.

Giappone-Italia 7-9
Giappone: Mura, Arima 3, Inaba 2, Magariyama, Sakanque, Koide, Hashida, Niizawa, Yamamoto, Noro 1, Tokumoto, Suzuki 1, Shioya. All. Makihiro Motomiya
Italia: Gorlero, Tabani 1, Garibotti, Avegno, Queirolo, Aiello 2, Picozzi, Bianconi 5, Emmolo 1, Palmieri, Chiappini, Viacava, Lavi . All. Fabio Conti
Arbitri: Varkonyi (HUN), Voevodin (RUS)
Note: 2-3, 2-,3 1-1, 2-2. Dopo 45" di gioco Gorlero (I) para un rigore a Arima (J). Uscite per limite di falli Garibotti e Bianconi (I) e Arima (J) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Giappone 3/7 + 4 rigori e Italia 1/5 + 2 rigori.

La partita. La pioggia battente rende il pallone viscido e la visibilità precaria ma il Setterosa passa al primo affondo con la sciarpata di Aiello su invitante assist di Queirolo. Poi Gorlero si conferma para rigori e dice no ad Arima. Bianconi, con una fiondata dal perimetro, fissa il 2-0. Azzurre che sbagliano un paio di chance in extraplayer e le nipponiche riequilibrano il punteggio con Suzuki (superiorità numerica) e Inaba (dal vertice basso) per il 2-2. Bianconi è fredda da distanza ravvicinata e sigla il 3-2 che chiude la frazione d'apertura.
Ritmi decisamente buoni anche nel secondo periodo. Italia sul + 3 in avvio con il tap-in di Tabani che poi subisce il fallo da rigore che Bianconi trasforma (5-2). Ma le nipponiche sono tutt'altro che malleabili, confermando una buona crescita tecnica in vista delle olimpiadi di Tokyo 2020, e tornano in scia con la doppietta di Arima (superiorità e rigore) che vale il 5-4. La mancina Emmolo finalmente cancella lo zero in superiorità numerica (1/4) per il 6-4 all'inversione di campo.
Si segna solo su penalty nel terzo parziale con Bianconi che risponde a Inaba nel giro di trenta secondi. Poi salgono in cattedra gli estremi difensori: Gorlero è superba su Koide (ex di Cosenza e Pescara) e Ariba; Mura sulle conclusione da posizione cinque di Avegno e Queirolo.
Bianconi si conferma in gran forma e con un'altra rasoiata da posizione defilata supera Mirua per l'8-5. Il Setterosa soffre la velocità delle giapponesi e su una ripartenza di quest'ultime Garibotti commette fallo da rigore su Yamamoto, trasformato da Ariba (8-6). Cresce leggermente' la tensione negli ultimi minuti: poche azioni e un po' di inaspettata tensione. A trenta secondi dal suono dell'ultima sirena Aiello si libera bene al centro e regala il nuovo +3 all'Italia (9-6) che scaccia qualche timore di troppo; Noro, in superiorità numerica, sigla il 9-7 conclusivo, che fa felice anche un ottimo Giappone.

Le parole del cittì Fabio Conti. "Abbiamo sofferto più del previsto, contro un avversario in grande crescita, ma sono soddisfatto perchè nel momento in cui serviva le ragazze sono uscite fuori, facendo la differenza. Abbiamo ampi margini di miglioramento. Quest'oggi abbiamo sbagliato un po' troppo".

Le parole di Roberta Bianconi, oggi 5 gol. "Partita vinta ma dalla prossima bisogna cambiare atteggiamento in acqua. Quello di oggi non è stato il Setterosa migliore; adesso bisogna crescere perchè le prossime avversarie saranno ancora più ostiche. La Cina è una squadra che non molla mai, assolutamente imprevedibile: può perdere di tanti gol o disputare la partita della vita. Certo è che non possiamo affrontarla con disinvoltura".

Marcel ter Bals orangepictures/Deepbluemedia.eu