Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. Italia-Ungheria, 18.30 Rai Sport

Pallanuoto
images/joomlart/article/large/f749de7750c44db380e04b5828833791.jpg

Matare la bestia nera. Dopo il doppio allenamento domenicale per il Setterosa, in vista del quarto di finale dei 17esimi europei femminili, alle 18.30 in diretta su Rai Sport + HD c'è Italia-Ungheria, rispettivamente bronzo e oro due anni fa a Belgrado. I dati delle campionesse uscenti che emegono dalla prima fase danno chiare indicazioni: bisogna stoppare l'attacco avversario che ha prodotto 98 reti su 177 complessivi e il 54% d'efficacia (terzo del torneo) sotto la guida della Gurisatti e dall'ex Catania Keszthelyi (sedici reti a testa e seconde dietro il capocannoniere Asimaki - 17 reti), e approfittare degli spazi concessi dalla difesa (32 reti subite, sesta in totale). Propro dalla fase difensiva riparte il Setterosa, che non batte le magiare dal10-7 del 23 febbraio 2016 a Novara in World League. Azzurre solide con il secondo reparto del torneo (21 reti subite) ma nettamente staccate nella produzione offensiva (68 gol e quinto attacco - Garibotti 14 reti).

Negli ultimi cinque anni Italia e Ungheria, tra Europei, Mondiali e Olimpiadi si sono affrontate quattro volte. Il bilancio pende totalmente dalla parte delle magiare, vere e proprie bestie nere del Setterosa, che si sono imposte 10-4 nella fase preliminare ai campionati del mondo di Barcellona 2013 proprio alla Picornell; 10-9 nella finale per il bronzo ai campionati europei di Budapest 2014 (con arbitraggio discutibile e ben tre rigori a favore); 10-5 nella semifinale della rassegna continentale a Belgrado 2016; 10-7 nella finale per il sesto posto ai Mondiali di Budapest lo scorso mese di luglio.  

Italia e Ungheria si sono affrontate otto volte in World League, tra il 2013 e il 2017, e in questo caso i precedenti sono in perfetta parità. Quattro vittorie azzurre e altrettante magiare nei gironi eliminatori: 9-7 il 14 dicembre 2013 a Catania, 11-9 il 16 dicembre 2014 a Szentes, 12-9 il 24 marzo 2015 a Imperia e 10-7 il 23 febbraio 2016 a Novara per l'Italia; a Budapest 15-12 il 13 marzo 2014, 17-15 il 27 ottobre 2015 e 13-11 (dopo i tiri di rigore) il 24 gennaio e ad Avezzano 12-10 il 19 aprile 2017 per l'Ungheria. Per la nazionale ungherese, mai sul podio olimpico, nove medaglie tra Europei e Mondiali: spiccano gli ori iridati a Roma 1994 e Montreal 2005 e quello continentale ad Atene nel 1991.

Ultimo precedente lo scorso primo febbraio a Volos quando Il Setterosa vice campione olimpico perse 11-9 contro l'Ungheria campione d'Europa nella giornata d'apertura della prima fase dell'Europa Cup (in amichevole un mese al torneo di Rotterdam finì 9-9). In totale 12 incontri europei: 4 vittorie azzurre, due pari e sei magiare. L'ultima vittoria resta il 6-5 nella finale a Kranj nel 2003 che vide il Setterosa di Formiconi conquistare il quarto dei cinque allori continentali. Unico precedente olimpico ad Atene 2004 con l'8-5 che spalancò le porte della gloria verso le semifinali e la vittoria finale che iscrisse per sempre nella leggenda le tigri azzurre.

 

foto Andrea Staccioli (insidefoto.com / deepbluemedia.eu)