Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. 17-2 alla Germania verso il 5° posto

Pallanuoto
images/joomlart/article/large/f0e11dca382497528821aca74a8db907.jpg

Una formalità verso la finale dei quinto posto che l'Italia giocherà contro la Russia (bronzo olimpico e mondiale; 13-10 alla Francia) venerdì alle 18:15 in diretta su Rai Sport + HD. Il Setterosa, argento olimpico e bronzo uscente, batte la Germania 17-2 (4-0, 6-0, 4-0, 3-2) dominando fin dai primi minuti (3-0 dopo 128 secondi) e scarica parte della rabbia per l'eliminazione nei quarti di finale maturata dopo una serie di risultati al limite dell'equilibrio (Grecia 6-7, Olanda 6-6, Ungheria 9-10). 
La finale sarà a sorpresa Olanda-Grecia. Le elleniche eliminano le super favorite, nonché vice campionesse del mondo, della Spagna per 11-9 conducendo sin dall’inizio. Nella prima semifinale l’Olanda aveva sconfitto l’Ungheria 8-7 nel replay della finale dell’edizione 2016 di Belgrado vinta dalle magiare per 9-7. Sale il rammarico delle azzurre che nel girone hanno dimostrato di giocare alla pari delle finaliste.

La partita con la Germania è un monologo. A metà gara è già 10-0 con sette giocatrici di movimento a segno e 100% in superiorità numerica (3/3 che rimarrà tale fino alla fine contro 0/3). Nel prosieguo (con Lavi in porta per Gorlero) l'Italia raggiunge il 15-0, quando Siefel segna dopo 26'20 di nulla trasformando la sesta superiorità numerica. Chiude Gelse per il 17-2. Nel rondò di gol spicca la tripletta di Picozzi; doppiette per Tabani, Garibotti, Queirolo, Aiello, Emmolo, Palmieri; griffe per Bianconi e Dario.  

 

Il tabellino di Germania-Italia 2-17

Germania: Saurusajtis, Vosseberg, Hinz, Eggert, I. Deike, G. Deike, Vunder, Fry, Stiefel 1, Adamski, Gelse 1, Krukenberg, Kerssenboom. Coach Skibba.

Italia: Gorlero, Tabani 2, Garibotti 2, Avegno, Queirolo 2, Aiello 2, Picozzi 3, Bianconi 1, Emmolo 2, Palmieri 2, Gragnolati, Dario 1, Lavi. Coach Conti.

Arbitri: Kunikova (Svk) e Angileri (Mlt).

Note: parziali 0-4, 0-6, 0-4, 2-3. Nessuna uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Germania 1/7, Italia 3/3. Lavi (I) sostituisce Gorlero dall'inizio del terzo tempo.

 

Le dichiarazioni del cittì Conti. "Fermo restando che ogni sconfitta brucia, dobbiamo trasformarle in occasioni di crescita e acquisire indicazioni per migliorare. Abbiamo già cominciato a lavorare per la prossima stagione. Una prima analisi ci indica una squadra equilibrata, con altre potenzialità da esprimere. Con un anno di allenamenti in più arriveremo ai mondiali, che assegnano un pass olimpico, con maggiore solidità. Al di là del risultato del torneo, sappiamo come e su quali dettagli soffermarci. La Russia è l'unica squadra europea di alto livello che non abbiamo ancora affrontato in stagione e sarà un'occasione per ricevere ulteriori informazioni e onorare il torneo sino alla fine con una bella partita".

foto di Andrea Staccioli (insidefoto.com - deepbluemedia.eu)