Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Road to Rio. Italia-Cina ad Avezzano

Pallanuoto
images/joomlart/article/5686a0dfd3010a7f1e8f63616b0094f1.jpg

L’Unipol BluStadium riceve le squadre nazionali femminili di pallanuoto di Italia e Cina a 42 giorni dall’esordio ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Appuntamento mercoledì 29 giugno alle 20.30 nella piscina del Centro Federale di Avezzano. Arbitri Filippo Gomez di Napoli e Alessandro Severo di Roma. Diretta tv Rai Sport 1. Prima dell'inzio della partita verrà osservato un minuto di raccoglimento in memoria Di Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer, ex azzurro di nuoto e pallanuoto e grande amico della Federazione Italiana Nuoto, attore e personaggio famoso e apprezzato in tutto il mondo, che ci ha lasciati lunedì pomeriggio all'età di 86 anni.   
L’ultima volta del Setterosa nella piscina del comune abruzzese è stata il 24 novembre scorso in occasione della partita di World League con la Francia che ha segnato il rilancio azzurro verso la conquista della Superfinal 2016. Quella ancora precedente è del 21 aprile 2015 con la Russia, sempre in World League, che è coincisa con la vittoria del girone preliminare. Due partite evento per la città e per il suo pubblico che in entrambe i casi ha riempito le tribune e ha trasmesso tutto il suo affetto alle azzurre che, anche per questo, tornano sempre molto volentieri ad Avezzano.
Questa volta ci arrivano da Roma, al termine del collegiale e del common training con la Cina presso il Centro Federale – Polo Natatorio di Ostia, dove hanno fissato il quartier generale della preparazione olimpica. E lo fanno per una causa nobile e un grande impegno sociale, certe dell’amore e del calore di cui la gente di Avezzano è capace. In occasione della partita sarà disposta una raccolta fondi da devolvere all’Associazione benefica Flavio Gagliardini, calciatore del Civitavecchia e marito dell’ex azzurra di pallanuoto Venere Tortora, prematuramente scomparso a seguito di una improvvisa ischemia, che si batte per la sensibilizzazione e la prevenzione medico sanitaria nel mondo dello sport. Anche il Setterosa, insieme a molti campioni del calcio e delle altre discipline sportive, è diventato socio sostenitore dell’Associazione.
Italia e Cina, che l’anno scorso hanno giocato spesso insieme, finora in questa stagione si sono affrontate una sola volta: martedì 7 giugno a Shanghai nella gara d’esordio della Superfinal di World League (8-7 per la Cina) che le azzurre hanno concluso al quinto posto e le cinesi al quarto.
L’ultimo test match tra Italia e Cina, invece, risale al 13 dicembre 2014 al Foro Italico di Roma e si concluse in parità 9-9. Alle Olimpiadi di Rio sono inserite in due gironi diversi; il 9 agosto l’Italia inizierà con l’affrontare il Brasile e la Cina dovrà vedersela con l’Ungheria campione d’Europa.

Italia e Cina insieme per Gagliardini. Il Setterosa è socio sostenitore dell’Associazione Flavio Gagliardini, tessera 1447. Flavio era il bomber del Civitavecchia calcio tragicamente scomparso a soli 35 anni a causa di un’improvvisa ischemia coronarica che l’ha colpito durante l’allenamento. Da quel fatidico 27 ottobre 2015 la moglie Venere Tortora, ex giocatrice di pallanuoto, e i suoi familiari si sono impegnati a mantenerne vivo il ricordo attraverso l’omonima associazione che ha lo scopo di incentivare azioni e progetti volti a migliorare il mondo dello sport giovanile ed a sensibilizzare gli atleti, agonisti e non, a costanti e approfonditi controlli di prevenzione medico sanitaria. “VIVERE NEL CUORE DI CHI RESTA SIGNIFICA NON MORIRE MAI” è lo slogan condiviso da tutti i soci e in primis dalla Nazionale femminile di pallanuoto.


Il Setterosa ai Giochi Olimpici. Le partite delle Olimpiadi di pallanuoto 2016 si giocheranno al Maria Lenk Aquatics Centre e all' Olympic Aquatics Stadium. Tutte le partite delle Nazionali di pallanuoto saranno trasmesse in esclusiva da Rai Sport. Otto squadre divise in due gironi da quattro ciascuno; gironi all'italiana con quarti di finale ad incrociare (prime contro quarte e seconde contro terze). Successivamente semifinali e finali.


Girone A: Italia, Russia, Australia, Brasile
Girone B: Spagna, Cina, 3 Ungheria, USA


9 agosto: Cina-Ungheria alle 9.00, Italia-Brasile alle 10.20, Spagna-USA alle 11.40, Russia-Australia alle 13.00
11 agosto: Russia-Brasile alle 9.00, Italia-Australia alle 10.20, Cina-USA alle 11.40, Spagna-Ungheria alle 13.00
13 agosto: Cina-Spagna alle 9.00, Russia-Italia alle 10.20, Australia-Brasile alle 11.40, Ungheria-USA alle 13.00
15 agosto: quarti di finale 1A-4B, 2A-3B, 3A-2B, 4A-1B
17 agosto: semifinali
19 agosto: finali
 
La stagione del Setterosa. Il cammino era iniziato con due sconfitte. A Nijverdal con l’Olanda il 22 ottobre, nell’anticipo di World League, 11-10 con il gol di Sabrina Van Der Sloot allo scadere dei 32 minuti su rigore e cinque giorni dopo a Budapest con l’Ungheria, sempre in World League, 17-15 dopo i tiri di rigore. La partita si era conclusa in parità 13-13 e, a distanza di cinque mesi, quel punto si sarebbe rivelato prezioso per la qualificazione alla Superfinal.
Da quel momento il Setterosa ha avviato un precorso a tappe, alternando partite ufficiali a raduni collegiali, sempre nel rispetto degli appuntamenti di campionato e in perfetta sinergia con le società, che l’ha portato a vincere la medaglia di bronzo ai campionati europei di Belgrado a gennaio battendo in finale la Spagna 10-9 il 22 gennaio, a conquistare la qualificazione a Rio 2016 con il secondo posto al preolimpico di Gouda a marzo (decisivo il successo 8-7 con il Canada nei quarti di finale il 26 marzo) e a recuperare punti in World League fino a superare l’Olanda in testa al girone e ottenere l’ingresso alla Superfinal. Il culmine della rimonta azzurra è stato il travolgente successo del 3 maggio a Bari con le olandesi, battute 15-10, con la partita già chiusa dopo tre tempi (13-5) e la squadra trascinata dai circa mille spettatori che hanno abbracciato l’Italia. A Shanghai l’Italia ha chiuso al quinto posto battendo due volte la Russia e testando gli automatismi. Poi ha ripreso gli allenamenti al Centro Federale – Polo Natatorio di Ostia.
Da ottobre 2015 ad oggi la Nazionale femminile di pallanuoto ha disputato 41 partite tra fase preliminare e Superfinal di World Legaue (12), Holiday Cup a Los Alamitos (6), Univer Cup a Miskolc in Ungheria (3), campionati europei (8), Thetis Cup ad Atene (4) e torneo preolimpico (8). Ne ha vinte 27, pareggiate una, e perse 13. Escludendo le 5 sconfitte tra dicembre e i primi di gennaio in Holiday Cup e Univer Cup, tornei utilizzati come allenamento e test di verifica e le tre più recenti a Shanghai, in cui la squadra si è presentata dopo appena una settimana di ripresa, tre sconfitte sono maturate nei tempi regolamentari durante i tre appuntamenti più importanti (11-10 con l’Olanda il 22 ottobre nella prima stagionale a Nijverdal, 10-5 con l’Ungheria il 21 gennaio in semifinale a Belgrado, 11-6 con gli USA il 28 marzo in finale a Gouda) e una dopo i tiri di rigore (17-15 con l’Ungheria il 27 ottobre nel secondo impegno di World League). La quinta sconfitta è stata quella dell’11 marzo con l’Ungheria nella prima giornata della Thetis Cup (8-6) alla vigilia della partenza per l’Olanda.
In 41 partite la squadra ha segnato 438 gol e ne ha subiti 295. Nelle 28 partite comprese tra World League, Europei e Qualificazioni Olimpiche (20 vittorie, un pareggio e 7 sconfitte) ha segnato 313 gol e ne ha subiti 187, così suddivisi: 118 fatti e 102 subiti in World League, 116 e 42 agli europei, 79 e 43 nel preolimpico.