Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

F6 Unipolsai. Catania-Padova bis scudetto

Pallanuoto
images/joomlart/article/a5afed7cf896ea105f78d0fd162cad77.jpg

Come lo scorso anno. Plebiscito Padova-Ekipe Orizzonte Catania, remake della finale 2017 terminata 7-5 per le venete, deciderà la trentaquattresima edizione del campionato femminile alle final six UnipolSai, in svolgimento alla piscina Nannini di Firenze. La prima finalista è l'Ekipe Orizzonte Cantania che batte 10-3 il Rapallo Pallanuoto. La capolista della regular season torna in finale dopo la sconfitta dello scorso anno e proverà a vincere il suo ventesimo scudetto, titolo che manca dal 2011. Il Rapallo è stato bravo a contenere il miglior attacco del campionato (201 reti totali e tre capoliste della classifica cannonieri come Bianconi, Garibotti e Van der Sloot) per un tempo; poi ha dovuto cedere al maggior peso specifico delle etnee.
L'altra semifinale ha visto le tri-campionesse in carica della Plebiscito Padova battere 12-6 una volitiva Bogliasco Bene rimasta in gioco per tre tempi fino al 6-8. Cinquina della canadese di origine asiatica Sohi che ha spento le velleità delle liguri guidando le compagne nel break finale di 4-0. Partite live su Waterpolo Channel col commento di Ettore Miraglia e Francesco Postiglione. La serata si era aperta con la finale quinto-sesto posto vinta dalla SIS Roma 15-5 contro la Kally Milano. Finalissima in diretta su Rai Sport + HD alle 18.00. Alle 16.30 finale del terzo posto. Alle 15 un prologo speciale con l'esibizione di due formazioni della Waterpolo Ability. Seguono programma, albo d'oro e tabellini. 


semifinale Plebiscito Padova-Bogliasco Bene 12-6
Plebiscito Padova: Teani, Barzon 2, Savioli 2, Gottardo, Queirolo 1, Casson, Millo, Dario 1, Sohi 5, Savioli, Nencha, Tielmann 1, Giacon. Coach Posterivo.
Bogliasco Bene: Falconi, Viacava 1, Zimmerman, Dufour 1, Trucco 1, Millo 1, Maggi, Rogondino, Boero, Rambaldi Gudasci 1, Cocchiere 1, Casey, Malara. Coach Sinatra.
Arbitri: Ercoli, Carmignani
Note: parziali 2-2, 5-2, 1-1, 4-1. Spettatori 300 circa. Malara in porta per Bogliasco nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Padova 5/10, Bogliasco 3/7. Nessuna uscita per limite di falli.


CRONACA. Padova ci prova due volte da sotto e poi sblocca il risultato con Ilaria Savioli che fulmina Falconi dall'angolo a due minuti dal termine. Bogliasco fallisce il primo extraplayer e le biancorosse passano di nuovo: Giulia Millo trova libera dall'angolo la canadesse Sohi e il 2-0 è fatto. Le liguri non ci stanno e in 40 secondi rispondono con la bella rete di Trucco dal perimetro e dall'incredibile shot da metà campo in superiorità deviato sotto porta da Viacava per il 2-2 che chiude il parziale. Le venete assorbono il break e mettono subito la testa avanti al primo extraplayer: Barzon sempre dalla stessa mattonella fulmina Falconi dai due metri (3-2). Non c'è respiro: Cocchiere dimostra classe e potenza e si libera per la girata del nuovo pari (3-3) dai cinque metri. Poi Padova scappa. La canadese Tielmann si gira alla grande dal centro (4-3); Barzon insacca dal perimetro la personale doppietta sempre in extraman (5-3); capitan Queirolo piazza la bomba del 6-3 e la doppietta targata Sohi dà il massimo vantaggio (7-3). Il break di 4-0 non demolisce il Bogliasco che torna al gol con la bella soluzione da fuori della trentaduenne Rambaldi, che ridà entusiasmo e speranza alle compagne per la seconda metà gara (7-4). Sohi però è ispirata e realizza la tripletta ancora in superiorità dopo il bel giro palla e l'assist al bacio di Casson (8-4). Bogliasco accusa il colpa, chiede un rigore su Cocchiere, ma non riesce a concretizzare. Padova sbaglia tre superiorità e allora le biancocelesti accorciano con l'uomo in più stavolta grazie al primo centro di Dufour per il 5-8. Millo insacca subito con l'uomo in più il meno due, ma la reazione non ha seguito. Ilaria Savioli ristabilisce le distanze in superiorità per il 9-6 di metà quarto. Millo fallisce il sesto extraplayer sparando addosso a Teani e la bomba di Dario si deposita all'angolo opposto per il nuovo +4 veneto (10-6). La doppietta di Sohi (cinquina finale) aumenta il gap con le avversarie che vengono doppiate sul 12-6. Sarà quarta finale consecutiva del Plebiscito.


semifinale L'Ekipe Orizzonte-Rapallo 10-3
L'Ekipe Orizzonte: Johnson, Ioannou 1, Garibotti 1 (rig.), Bianconi 2 (1 rig.), Aiello 1, Grillo, Palmieri 1, Marletta 1, Van Der Sloot 2, Morvillo, Riccioli, Lombardo 1, Schillaci. Coach Miceli.
Rapallo: Lavi, Zanetta 1, Gragnolati 1, Avegno, Marcialis 1, Sessarego, Antonucci, Giustini, Van Der Graaf, Cuzzupe', Genee, Gagliardi, Gaetti. Coach Antonucci.
Arbitri: Ricciotti, Calabro
Note: parziali 2-0, 2-1, 4-1, 2-1. Spettatori 300 circa. Presente in tribuna Antonio Cassano. Fuori per limite di falli Marcialis e Sessarego (R) nel terzo tempo. Schillaci in porta per Catania negli ultimi tre minuti. Superiorità numeriche: Catania 4/8 +2 rigori, Rapallo 1/6 + un rigore.


CRONACA. Rapallo parte a zona ed imbriglia l'attacco catanese. Dopo sei minuti ci pensa Palmieri a trasformare la seconda superiorità numerica ben servita da Bianconi per il tap-in dell'1-0 rossoblu. Van der Sloot ci prova sempre in superiorità e la traversa dice no, ma dalla stessa mattonella passa Ioannou che insacca il 2-0. In apertura di secondo tempo l'australiana Genee spaventa Johnson in controfuga; dall'altra parte è l'Aiello, oggi ventinovenne, che timbra il tris catanese con un movimento sgusciante per poi fulminare Lavi (3-0). Le liguri si sciolgono, Palmieri carica Marcialis di due falli gravi e, dopo il time out di Miceli, Marletta si iscrive a referto con una doppia finta a tu per tu col portiere (4-0). Avegno prova due volte a infilare Johnson, ma sfortuna e palo lasciano a secco le liguri che passano su rigore con la Gragnolati a quattro secondi da metà gara (4-1). Nel terzo parziale il rigore trasformato dalla bomber Bianconi (fallo grave su Palmieri, ottima sotto le plance) ristabilisce il +4 catanese; poi due extraman liguri: uno fallito da Van der Graaf e l'altro segnato da lady Cassano (presente in tribuna), brava dal perimetro a superare Johnson per la prima volta su azione (2-5). La difesa ligure concede mezzo metro a Bianconi che subito risponde per il nuovo +4 (6-2). Poi Aiello al centro si prende un altro rigore segnato da Garibotti per il massimo vantaggio (7-2). A venti secondi secondi dal termine il terzo fallo grave di Marcialis costa l'ottavo gol rossoblu timbrato da Van der Sloot, che si iscrive a referto e realizza sul +6. L'ultimo quarto si apre col terzo fallo della Sessarego e la doppietta consecutiva dell'olandese Van der Sloot (9-2); Cuzzupè sbaglia la settima superiorità numerica rapallina, ma Zanetta segna con tiro a schizzo il 3-9. La palomba di Lombardo griffa una prestazione di sostanza delle compagne ed apre le porta alla finalissima dove le catanesi proveranno a tornare sul trono d'Italia dopo 7 anni. "Era difficile entrare in acqua senza aver giocato ieri - spiega coach Miceli. Abbiamo rotto il ghiaccio e sono contenta per ora. Ho anche ruotato con le seconde linee che sono state brave. Oraconcentrati verso la finale che sarà difficile".


AAN 3932


Nella foto Carlos tifoso brasiliano dell'Orizzonte Catania


finale 5/6 posto SIS Roma-Kelly Milano 15-5
SIS Roma: Sparano, Tabani, Gual Rovirosa 3 (1 rig.), Marani, Giovannangeli 1, Tankeeva 3, Picozzi 2, Sinigallia, Galardi 3, Centanni 3, Giachi, Cellucci, Brandimarte. Coach Formiconi.
Kally NC Milano: Nigro, Apilongo 1, Crudele, Gitto, Ranalli, Fisco, Menczinger 3, Zerbone, Cordaro, Crevier 1, Magni, Repetto, Rosanna. Coach Diblasio.
Arbitri: Guarracino, Savarese
Note: parziali 4-0, 4-4, 5-0, 2-1. Spettatori 100 circa. Uscite per limite di falli Apilongo, Menczinger (M) e Ranalli (M) nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Roma 6/13 + un rigore trasformato, Milano 0/9 + un rigore parato da Sparano a Crudele nel terzo tempo.


Così ai quarti di finale 


Vai alla presentazione


FINAL SIX UNIPOLSAI - Firenze 11-13 maggio


venerdì 11 maggio
Sis Roma-Bogliasco Bene 4-7 WP CHANNEL
Kally Milano-Rapallo 4-11 WP CHANNEL 


sabato 12 maggio
finale 5/6 posto SIS Roma/Kally Milano 15-5 WP CHANNEL
semifinali
L'Ekipe Orizzonte - Rapallo 10-3 WP CHANNEL
Plebiscito Padova - Bogliasco Bene live 12-6 WP CHANNEL
  
domenica 13 maggio
15:00 esibizione Waterpolo Ability
16:30 finale 3/4 posto Bogliasco Bene-Rapallo WP CHANNEL
18:00 finale 1/2 posto Plebiscito Padova-Ekipe Catania RAISPORT


ALBO D'ORO
1985 Volturno
1986 Volturno
1987 Volturno
1988 Volturno
1989 Volturno
1990 Volturno
1991 Volturno
1992 Orizzonte Catania
1993 Orizzonte Catania
1994 Orizzonte Catania
1995 Orizzonte Catania
1996 Orizzonte Catania
1997 Orizzonte Catania
1998 Orizzonte Catania
1999 Orizzonte Catania
2000 Orizzonte Catania
2001 Orizzonte Catania
2002 Orizzonte Catania
2003 Orizzonte Catania
2004 Orizzonte Catania
2005 Orizzonte Catania
2006 Orizzonte Catania
2007 Fiorentina WP
2008 Orizzonte Catania
2009 Orizzonte Catania
2010 Orizzonte Catania
2011 Orizzonte Catania
2012 Pro Recco
2013 Rapallo Pallanuoto
2014 Mediterranea Imperia
2015 Plebiscito Padova
2016 Plebiscito Padova
2017 Plebiscito Padova


foto Andrea Staccioli deepbluemedia.eu e insidefoto