Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Super Final di World League Italia d'argento

News Pallanuoto precedenti
images/joomlart/article/bba947554b0819edc6540ddd0bc58c67.jpg

Vince la Serbia campione del mondo per 8-7 e si qualifica alle Olimpiadi di Londra. Azzurri sempre in partita, in vantaggio 4-3 e 5-4. Il cittì Campagna:
"Grande partita". I complimenti del Presidente Barelli

FIRENZE
Grazie Settebello. Le emozioni che ci hai regalato in questi sei giorni valgono come una vittoria. La Serbia batte l'Italia per 8-7 nella finale della World League di Firenze e si qualifica alle Olimpiadi. Gli azzurri ci fanno sognare e sperare, ma il pass per i Giochi è rimandato. Perché siamo sicuri che il Settebello giocherà a Londra e punterà al podio.
Rimangono una storica medaglia d'argento, la seconda nel palmares azzurro dopo New York 2003, la consapevolezza di giocare alla pari con tutti, compresi i campioni del mondo e il titolo di miglior giocatore del torneo, assegnato a Alex Giorgetti.
  
LA PARTITA. L'avvio della Serbia è veemente. I campioni in carica della World League si portano sul 2-0 con Udovicic in superiorità e Pijetlovic dal centro. Campagna l'aveva detto: questo gruppo ha carattere e serenità. Aicardi dal centro e Giorgetti da posizione 4 agganciano i serbi, Tempesti fa il resto e al primo riposo il tabellone recita 2-2. Nel secondo tempo il risultato non si schioda. Cuk riporta avanti la Serbia in superiorità, Aicardi pareggia da lontano. Le squadre si equivalgono e continuano a rincorrersi. Gallo porta in vantaggio l'Italia per la prima volta subito dopo il riposo lungo, Aleksic pareggia con l'uomo in più; Giorgetti riporta avanti gli azzurri realizzando per la prima volta in superiorità, Filipovic firma il 5-5 a 11" dalla fine. Peccato, poco prima Gitto aveva avuto la palla del +2, ma Soro, eletto miglior portiere del torneo, ha respinto. La Serbia tiene la testa davanti e gli azzurri rispondono fino al 7-7 di Aicardi, ancora tra i migliori, da lontano. Ci condanna il gol di FIlipovic, a 2'43" dalla fine, prima piccola disattenzione del reparto difensivo, anche stasera straordinario. L'Italia ha due occasioni per pareggiare nelle ultime battute, entrambe con Gallo. Il suo primo tiro viene deviato in angolo da Soro; sull'azione seguente Felugo guadagna espulsione, Campagna chiama il time-out a 35" e l'Italia ha un'altra occasione con l'uomo in più a 9" dalla sirena. Altro time-out, palla che gira e tiro di Gallo sulla sirena che si stampa sul palo.
 
LE DICHIARAZIONI DI CAMPAGNA. "Già da qualche mese ho la consapevolezza che questo gruppo ha colmato il gap e può giocare alla pari con tutti - commenta il Ct Campagna, con gli occhi lucidi - Abbiamo disputato un'altra grande partita. Di fronte avevamo la squadra campione del mondo, che ha vinto l'ultima World League e che è composta per 9/13 dal Partizan campione d'Europa. Abbiamo fatto un'altra prova di carattere e maturità, se a 3' dalla fine una finale è in parita vuol dire che si tratta di due squadre che si equivalgono. Purtroppo abbiamo preso quel gol scalando anzitempo e lasciato a Filipovic troppo spazio. Poi abbiamo giocato col cuore, abbiamo avuto la possibilità di pareggiare ma non ce l'abbiamo fatta. Ora si torna a casa, tre giorni di riposo e si riparte con la preparazione al Mondiale".
 
I COMPLIMENTI DEL PRESIDENTE BARELLI. "Questa medaglia giunge a coronamento di anni di lavoro. La qualificazione alle Olimpiadi è solo rimandata, è importante essere consapevoli di potercela giocare con tutti. Desidero complimentarmi con il Ct Campagna,col suo staff e con tutti i ragazzi che ci hanno fatto emozionare. Insieme all'argento di Tianjin del Setterosa, la medaglia del Settebello è la dimostrazione che la pallanuoto italiana sta crescendo e tornando ai vertici, come da tradizione. Ora pensiamo ai Mondiali di Shanghai, proseguiamo questo cammino e portiamo in alto la bandiera tricolore nel mondo".
 
STATISTICHE. L'Italia non batte la Serbia da quasi 3 anni: era il 18 agosto 2008, ultima giornata del girone iniziale delle Olimpiadi, finì 13-12 per gli azzurri già eliminati dalla fase successiva. Il Settebello è stato poi sconfitto nella World League 2009 (6-4), ha pareggiato ai Giochi del Mediterraneo (5-5) ed è stato battuto nuovamente ai Mondiali di Roma 2009 (7-5). Recente la sconfitta ai rigori nella fase a gironi della Super Final di Firenze (13-12). 
   
I PREMI. Miglior portiere Slobodan Soro (Srb), miglior giocatore Alex Giorgetti (Ita), capocannonieri Sandro Sukno (Cro) e Filip Filipovic (Srb). Miglior sette formulato dalla stampa internazionale: Stefano Tempesti (Ita), Vanja Udovicic (Srb), Sandro Sukno (Cro), Filip Filipovic (Srb), Andrija Prlainovic (Srb), Alex Giorgetti (Ita) e Christian Presciutti (Ita).
 
Italia-Serbia 7-8
Italia: Tempesti, Luongo, Gitto, Figlioli 1 (rig.), Perez, Felugo, Giacoppo, Gallo 1, Presciutti, Fiorentini, Aicardi 3, Deserti, Giorgetti 2. All. Campagna.
Serbia: Soro, Cuk 1, Gocic, Vanja Udovicic 1, Vapenski, Dusko Pijetlovic 2, Nikic, Aleksic 1, Radjen, Filipovic 3, Prlainovic, Mitrovic, Gojko Pijetlovic. All. Dejan Udovicic.
Arbitri: Margeta (Slo) e Moliner (Spa).
Delegati Fina: Foster (Usa) e Firoiu (Ger).
Note: parziali 2-2, 1-1, 2-2, 2-3. Usciti per limite di falli Gocic (S) a 5'45" del terzo tempo e Radjen (S) a 2'39" del quarto. Superiorità numeriche: Italia 1/8, Serbia 4/9. Spettatori 2200 circa. In tribuna, insieme al Presidente Paolo Barelli, il Sindaco di Firenze Matteo Renzi, il Vice Sindaco, nonché Assessore allo Sport, Dario Nardella, e il Presidente del CONI provinciale Eugenio Giani.
 
Albo d'oro e piazzamenti dell'Italia
 
2002 Patrasso 
1. Russia, 2. Spagna, 3. Ungheria
Italia eliminata nel girone di qualificazione
       
2003 New York
1. Ungheria, 2. Italia, 3. USA
       
2004 Long Beach
1. Ungheria, 2. Serbia&Montenegro, 3. Grecia
Italia quarta, battuta in finale per il 3° posto dalla Grecia per 12-9
      
2005 Belgrado
1. Serbia&Montenegro, 2. Ungheria, 3. Germania
Italia eliminata nei gironi di semifinale
       
2006 Atene
1. Serbia&Montenegro, 2. Spagna, 3. Grecia
Italia eliminata nei gironi di qualificazione
      
2007 Berlino
1. Serbia, 2. Ungheria, 3. Australia
Italia eliminata nei gironi di qualificazione
      
2008 Genova
1. Serbia, 2. USA, 3. Australia
Italia settima, battuta la Grecia nella finale 7°-8° posto per 11-7
       
2009 Podgorica
1. Montenegro, 2. Croazia, 3. Serbia
Italia quinta, battuta l'Australia nella finale 5°-6° posto per 11-10
      
2010 Nis
1. Serbia, 2. Montenegro, 3. Croazia
italia eliminata nei gironi di qualificazione
 
2011 Firenze
1. Serbia, 2. Italia, 3. Croazia
 
Consulta tutti i tabellini
 


SUPER FINAL DI WORLD LEAGUE
FIRENZE, 21-26 GIUGNO 2011
CALENDARIO

Girone A: Stati Uniti, Serbia, Cina, Italia
Girone B: Australia, Canada, Montenegro e Croazia

Martedì 21 giugno
Montenegro-Canada 8-6
Serbia-Cina alle 13-2
Australia-Croazia 6-12
Italia-Stati Uniti 10-4

Mercoledì 22 giugno
Stati Uniti-Cina 13-6
Montenegro-Croazia 5-11
Australia-Canada 13-8
Serbia-Italia 13-12 dtr (10-10 ai reg.)

Giovedì 23 giugno
Montenegro-Australia 8-5 dtr (4-4 ai reg.)
Serbia-Stati Uniti 11-5
Canada-Croazia alle 8-13
Italia-Cina 12-9

Classifica girone A
Serbia 8
Italia 7
Stati Uniti 3
Cina 0

Classifica girone B
Croazia 9
Montenegro 5
Australia 4
Canada 0

Venerdì 24 giugno - Quarti di finale
b) Usa-Montenegro 10-9 dtr (6-6 ai reg.)
c) Serbia-Canada 19-7
d) Cina-Croazia 5-15
a) Italia-Australia 7-6

Sabato 25 giugno - Semifinali
- per il quinto posto
Australia-Cina 14-4
Montenegro-Canada 16-7
- per il primo posto
Usa-Serbia 5-8
Italia-Croazia 13-11 (8-8 ai reg.)

Domenica 26 giugno - Finali
per il settimo
Cina-Canada 9-10
per il quinto posto
Montenegro-Australia
per il terzo posto
Croazia-Usa 11-5
per il primo posto
Italia-Serbia 7-8

Fabio Larosa
Nostro Inviato