Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League. Le Azzurre dall'Ambasciatore

Pallanuoto
images/joomlart/article/41b26ea96c0e2c50071b76c4782a6a94.jpg

Oggi è festa nazionale in Ungheria. E’ l’anniversario dell’inizio della rivoluzione ungherese del 1848. In città sventola ovunque il tricolore. Il Setterosa è da questa mattina in collegiale, in preparazione del match di World League martedì 18 marzo. Oggi pomeriggio l’Ambasciatore italiano a Budapest, Sua Eccellenza Maria Assunta Accili, ha ricevuto nella sua residenza le ragazze della Nazionale di pallanuoto. Le ha accolte personalmente all’ingresso. Ha voluto conoscerle una per una, ha parlato con loro. “La pallanuoto, insieme alla scherma, è tra gli sport più seguiti in Ungheria - ha detto - e tra i miei preferiti. Martedì giocherete una partita di World League con l’Ungheria, un appuntamento importante per entrambe le squadre e che sarà seguito anche dalla televisione ungherese. Io purtroppo non potrò venire in piscina perché sarò fuori Budapest per lavoro ma vi aspetto a luglio per i Campionati Europei, dove so che difenderete il titolo conquistato due anni fa in Olanda. Vi prometto una cena. Per la partita con l’Ungheria da buona italiana vi dico in bocca al lupo. Da sportiva, che vinca il migliore”.
Il capitano della squadra Tania Di Mario ha consegnato all’Ambasciatore un pallone con le firme di tutte le azzurre, il team leader Giuseppe Marotta, nel portare i saluti del Presidente della FIN Paolo Barelli, le ha consegnato il gagliardetto ufficiale e il commissario tecnico Fabio Conti la calottina di gara. "Oggi è un giorno storico per il popolo ungherese - ha aggiunto S.E. Accili - Uno dei tre anniversari più importanti del Paese. Si ricorda una guerra che durò un anno e mezzo per l’indipendentismo magiaro. Anche lo sport rende orgogliosi i popoli. Li aiuta e li unisce. Ed oggi, in questo giorno molto particolare, sono contenta di avervi conosciute ed orgogliosa di avervi ricevute". 
Dopo l’incontro, piacevole e informale, la squadra è tornata in piscina per il secondo allenamento della giornata. Due ore d’acqua insieme all’Ungheria sia mattina che pomeriggio e due partite amichevoli con arbitri, cronometro e 30 secondi. Fino a lunedì 17 marzo la squadra si allenerà al Kobanya Sport Club, nella piscina dell’Honved, martedì mattina si sposterà nella piscina Imre Nyeki, che sarà il campo gara. Ungheria-Italia, quinto turno preliminare e ultimo per le azzurre che hanno già vinto il girone B e sono qualificate alla Superfinal, è in programma martedì 18 marzo alle 18.20.