Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

World League. A Kirishi Russia-Italia 11-8

Pallanuoto
images/joomlart/article/deac694ddac7e68427ce7698652fdc52.jpg

La Russia batte l’Italia e la scavalca in classifica. La squadra di Nakoryakov alla fine del girone di andata dei preliminari di World League guida il gruppo A con 8 punti. Le ragazze di Fabio Conti seguono con 6 e rimandano il contro-sorpasso al girone di ritorno. Lo scontro diretto è previsto il 21 aprile ad Avezzano ma prima bisogna pensare alla Francia il 24 febbraio a Lille e all’Ungheria il 24 marzo ad Imperia. All’Aquatic Sport Center Kinef di Kirishi va in scena la partita che non ti aspetti. L’Italia che sbaglia due rigori nel primo tempo e si innervosisce. La Russia che non sbaglia un tiro e acquista fiducia. Quando si rivede il Setterosa arriva la rimonta, faticosa e generosa, dal -2 della fine del primo quarto al pareggio di inizio terzo con Roberta Bianconi. Il tabellone segna 7-7 e c’è ancora mezza partita da giocare. Ma in sette minuti cambia di nuovo tutto; qualche errore individuale, Bianconi che va fuori per limite di falli e la Russia che si porta addirittura a +3. Nell’ultimo tempo riecco il Setterosa; ci riprova ma stavolta la rimonta non riesce. Gli arbitri continuano a fischiare contro (anche Garibotti esce per tre falli), la difesa regge bene in inferiorità ma la mira in attacco non è precisa come prima. Finisce 11-8 per la Russia con l'ultimo gol realizzato da Elisa Queirolo a 95 secondi dalla sirena.
”Ci siamo subito innervositi dopo i due rigori sbagliati – spiega il commissario tecnico Fabio Conti – e abbiamo faticato per rimontare. Essere riusciti a riprendere la partita significa che le idee ci sono, ma una volta raggiunto il pareggio ci è mancata la lucidità nel finale per gestire questa situazione. Qualche espulsione di troppo, ma non è questo il motivo per il quale abbiamo perso. Piuttosto 4 o 5 errori individuali che ci sono stati fatali. Brave loro a sfruttare le occasioni decisive. Hanno meritato di vincere”. Prima della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di Elio Collantoni, papà dell'arbitro internazionale Fabio, mancato recentemente.
Nell'altra partita Ungheria-Francia 14-5 (giocata a Gyor) e la classifica del gruppo A è la seguente: Russia 8, Italia 6, Ungheria 4, Francia 0. Prossimo turno il 24 febbario alle 20.30 a Lille con la Francia. Sempre il 24 Ungheria-Russia a Kecskemét.

Il tabellino


Il sito della FINA


Il sito dell'evento