Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Preolimpico a Gouda. Setterosa in finale

Pallanuoto
images/joomlart/article/629bd10cacd492bcfae42d2d546bf9a3.jpg

Batte la Russia 9-7 in semifinale e lunedì alle 17.45 sfida gli USA nella finale del torneo di qualificazione olimpica. A Gouda le azzurre proseguono il percorso netto, superano la Russia per la seconda volta in tre giorni e dimostrano tenuta fisica e mentale. Nell'altra semifinale per i posti dal primo al quarto gli USA battono la Spagna 13-7. Di Mario & Co. il biglietto per Rio de Janeiro 2016 lo hanno staccato ieri pomeriggio nei quarti di finale battendo il Canada 8-7. Con loro volano in Brasile anche USA, Russia e Spagna. Erano già qualificate Australia, Brasile, Cina e Ungheria.

Cronaca. Batterie ricaricate e festa resettata. Partenza sprint e vantaggio di Garibotti dopo 34 secondi. Passa un altro minuto e Frassinetti fa 2-0 da boa. Zona vincente e 0/2 subiti in inferiorità; la Russia segna dopo 6’51” con Simanovich e Bianconi spedisce sul palo la prima superiorità numerica (ben procurata dal duo Tabani-Frassinetti). Nel secondo tempo il primo gol in superiorità di Zubkova (fuori Radicchi, che poco prima aveva infilato l’incrocio dei pali di Ustyukhina) e la rimonta russa da 2-4 a 4-4, finalizzata con la controfuga vincente di Kuzina (14’51”), dopo un’altra superiorità italiana fallita. Poi Di Mario riporta avanti le calottine azzurre a metà gara. Nel terzo periodo l’Italia spinge di più sull’acceleratore ma sempre senza rischiare troppo. Dopo 45 secondi Bianconi lascia partire una morbida palomba sul finire del possesso palla che si infila comodamente in rete e quattro minuti dopo Queirolo la imita per il massimo vantaggio (8-4); fra di loro il gol di Tabani con un tiro alla Di Mario. Tabani e Garibotti iniziano il quarto tempo con due falli ciascuna. Nell’ottava occasione in più Gorbunova fa 5-8 (26’36”); Karimova fa 7-9, prima con una carambola fortunata e poi con un gran tiro dai sei metri (28’20” e 31’16”), ma il gol di Bianconi (un’altra dolce palomba) basta a condurre in porto il match.

Il commento del CT Fabio Conti. “Era importante vincere nuovamente con la Russia perché sarà un avversario che ritroveremo a Rio e perché volevamo fortemente arrivare in finale. Ho detto alla squadra che da questa mattina la testa deve essere rivolta all’Olimpiade. Domani c’è una finale da giocare con gli Stati Uniti, la squadra un gradino sopra tutte le altre tra le otto qualificate in Brasile, che anche qui ha fatto un percorso netto. Dobbiamo abituarci a questo tipo di situazioni e questo è quello ci serve. Giocare l’ottava partita, non nelle massime condizioni, e tirare fuori il meglio. E’ ciò che mi aspetto dalle ragazze che, invece, oggi erano partite nei primi due tempi ancora con la testa ai festeggiamenti di ieri. So che non è facile ma abbiamo bisogno di voltare pagina e di utilizzare tutto questo torneo, così come i prossimi impegni e i prossimi collegiali”.

Tabellino


Russia-Italia 7-9
Russia: Ustyukhina, Zubkova 1, Prokofyeva, Karimova 2, Borisova, Gorbunova 1, Kuzina 1, Simanovich 1, Timofeeva, Soboleva, Ivanova 1, Grineva, Karnaukh. All. Alexander Gaidukov
Italia: Gorlero, Tabani 1, Garibotti 1, Queirolo 1, Radicchi 1, Aiello, Di Mario 1, Bianconi 2, Emmolo, Pomeri, Cotti 1, Frassinetti 1, Teani. All. Fabio Conti
Arbitri: Rotsart (Usa), Mercier (Francia)
Note: parziali 1-2, 3-3, 0-3, 3-1. Nessuna è uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Italia 0/2 e Russia 2/9. Spettatori 500 circa


Play by play 


Formula. Al preolimpico di Gouda partecipano dodici squadre, divise in due gironi. I sorteggi sono stati effettuati a Belgrado, in occasione degli europei. Prima fase dal 21 al 25 marzo, quarti di finale il 26, semifinali e finali il 27 e 28 marzo, Pasqua e Pasquetta. Le prime quattro classificate si qualificano ai Giochi Olimpici di Rio 2016, cosicchè i quarti di finale di sabato 26 marzo rappresentano gli incontri decisivi. Il Setterosa, bronzo mondiale a Kazan 2015 e bronzo europeo a Belgrado 2016, è inserito nel gruppo B con Germania, Francia, Olanda, Nuova Zelanda e Russia. Nel gruppo A Giappone, Stati Uniti, Sudafrica, Canada, Spagna e Grecia. Le partite dell'Italia nel girone preliminare: Italia-Germania 16-3, Francia-Italia 2-14, Italia-Olanda 8.8, Italia-Nuova Zelanda 12-3, Russia-Italia 2-6. Nei quarti di finale Italia-Canada 8-7.


La squadra di Gouda 2016. Laura Teani e Elisa Queirolo (Plebiscito Padova), Roberta Bianconi e Giulia Emmolo (Olimpiakos Pireo), Rosaria Aiello, Federica Radicchi, Arianna Garibotti e Giulia Gorlero (Despar Messina), Teresa Frassinetti (Bogliasco Bene), Aleksandra Cotti (Rapallo), Francesca Pomeri (Città di Cosenza), Chiara Tabani (Mediostar Prato), Tania Di Mario (L'Ekipe Orizzonte). Nello staff, con il commissario tecnico Fabio Conti, gli assistenti Paolo Zizza e Marco Manzetti, il team manager Barbara Bufardeci, il preparatote atletico Simone Cotini, la fisioterapista Simona Tozzetti e il medico Gianluca Camilleri.
L'arbitro italiano designato è Alessandro Severo, che agli europei di Belgrado ha diretto, tra le altre partite, la semifinale Montenegro-Ungheria (8-5) insieme al polacco Koryzna e la finale per il settimo posto Russia-Croazia (5-13) insieme al rumeno Alexandrescu.


Gouda 2016


Risultati e classifiche


Foto Pasquale Mesiano e Giorgio Scala /Deepbluemedia.eu