Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

FINA. Riforma regolamentare approvata

Pallanuoto
Il Congresso Straordinario della FINA ha approvato ad Hangzhou la riforma del regolamento della pallanuoto. 
  
Le modifiche sono le seguenti:
 
- Il tempo di possesso sarà riportato a 20 secondi anche dopo: 
 
a) un tiro d'angolo assegnato; 
 
b) un rimbalzo dopo un tiro che non causa il cambio di possesso.
 
- All'interno dell'area dei 6 metri, l'attacco irregolare al giocatore che acquisisce un vantaggio e nuota con e/o tiene la palla sarà sanzionato con un fallo di rigore.
 
- Dopo un fallo il gioco ripartirà da dove si trova il pallone (a meno che il fallo non sia commesso all'interno della linea dei 2 metri).
 
- Una rete può essere realizzata da un tiro libero conseguente ad un fallo al di fuori dei 6 metri con un tiro diretto o dopo una finta, un dribbling o mettendo il pallone in acqua (gli arbitri useranno segnali se il fallo è avvenuto al di fuori della linea dei 6 metri).
 
- Il giocatore che batte un tiro d'angolo può anche tirare direttamente in porta o nuotare e tirare senza passare il pallone ad un altro giocatore.
 
- Sarò costituita un'addizionale area per la sostituzione volante tra la linea di fondo e quella di centrocampo. 
 
- Ogni squadra potrà richiedere 2 time-out durante la partita in qualsiasi momento mentre ha il possesso della palla. Il time out sarà chiamato attraverso un apposito dispositivo elettronico.
 
- Il portiere è autorizzato a spostarsi e a giocare la palla oltre alla linea di metà campo.
 
- L'intervallo tra il secondo e il terzo periodo sarà di tre minuti.
  
- Autorizzato l'uso di strumenti di comunicazione audio tra gli arbitri.
 
- Autorizzato l'uso del sistema di monitoraggio video per identificare e sanzionare gli episodi di brutalità o violenza che si sono verificati, ma non sono stati adeguatamente puniti o individuati durante una partita.
  
- Autorizzato l'uso del sistema di monitoraggio video per determinare il goal/no goal.