Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Opposizione CONI. Comunicato stampa

Federazione
images/joomlart/article/bb0d027a5b63bc721180827fa9a420f9.jpg

In relazione alla rinnovata opposizione della CONI Servizi alla seconda richiesta di archiviazione della Procura di Roma "risultando confermata l' insussistenza, in fatto e in diritto, del reato denunciato" dal CONI il 30 Gennaio 2014, la Federazione Italiana Nuoto:

• esprime imbarazzo per le procedure adottate dal CONI che in futuro potrebbero investire altre federazioni, enti di promozione e organismi sportivi, e che - a prescindere dall'esito delle indagini eseguite già due volte dalla Procura di Roma - sembrano mirare ad un'imputazione coatta da parte del GIP (il giudice Gaspare Sturzo che durante il Governo Berlusconi 2005-2008 è stato consigliere giuridico della Presidenza del Consiglio di cui era sottosegretario Gianni Letta);


• malgrado la disponibilità dimostrata e dovuta, manifesta preoccupazione per la pervicacia assunta dalle attività di audit da parte degli organi preposti dal CONI, che tendono a superare i limiti regolamentati dell’incarico nell’ambito delle verifiche amministrative;

• ribadisce con apprensione che la strategia persecutoria del CONI continua a condizionare l’operosità degli uffici federali e delle Squadre Nazionali, che meriterebbero plausi per i risultati conseguiti e serenità e stabilità per affrontare il biennio verso le Olimpiadi di Rio de Janeiro;

• teme che le ripercussioni della vicenda - ancora in primo piano per l’evidente accanimento in corso - deteriorino l’immagine dello sport italiano e del CONI, già segnato dai recenti avvenimenti legati al doping e alla definizione dei contributi;

• nonché ritiene che, soprattutto in questo momento, gli echi internazionali negativi siano deleteri per il CONI e per il Governo impegnati a valutare la candidatura olimpica di Roma per il 2024 e a riformare il sistema sportivo, con particolare attenzione all’insegnamento nelle scuole che meriterebbero esempi di trasparenza e correttezza super partes.