instagram

Новости Новости Беларусь Любовь и семья Общество Люди и события Красота и здоровье Дети Диета Кулинария Полезные советы Шоу-бизнес Огород Гороскопы Авто Интерьер Домашние животные Технологии Идеи для творчества на каждый день

Paolo Barelli eletto alla Camera dei Deputati per la XIX legislatura

Federazione
images/large/paolo_barelli_800_450_27_9_22.jpg

Paolo Barelli è stato eletto alla Camera dei Deputati cui era candidato come capolista nei collegi plurinominali del Lazio. Per il presidente della Federazione Italiana Nuoto, capogruppo alla Camera di Forza Italia dal 20 ottobre scorso, è un ulteriore riconoscimento del lavoro svolto al servizio dello Stato già in veste di senatore nelle legislature XIV, XV, XVI (dal 13 maggio 2001 al 15 marzo 2013) e deputato nella XVIII. Giungano al presidente i complimenti dell'intero movimento acquatico e i migliori auguri di proficuo e fruttuoso lavoro.

Paolo Barelli nasce a Roma, ove tuttora risiede, il 7 giugno 1954; è sposato con la signora Rita e ha due figli: Gianpaolo e Alessandro. Venti volte campione italiano e ventidue volte primatista italiano di nuoto, Barelli partecipa ai Giochi Olimpici di Monaco 1972 e a due finali olimpiche a Montreal 1976: settimo con la staffetta 4x100 mista e ottavo con la staffetta 4x200 stile libero. Conquista la prima storica medaglia mondiale del nuoto italiano maschile: il bronzo con la staffetta 4x100 stile libero a Cali nel 1975. Nel corso della propria attività agonistica di alto livello, studia economia (business administration) presso l'Indiana University.

Presidente della Federazione Italiana Nuoto dal 15 ottobre del 2000, Barelli in precedenza ne era stato consigliere dal 1984, vice presidente dal 1987 ed è stato capo delegazione ai Giochi Olimpici di Seul 1988, Barcellona 1992, Atlanta 1996, Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012, Rio de Janeiro 2016 e Tokyo 2020 (edizione disputata nel 2021).

Paolo Barelli è stella d’oro al merito sportivo dal 2001, già membro della Giunta CONI, segretario prima e vice presidente poi della Federation Internationale de Natation, nonché presidente della Ligue Europeenne de Natation.

Nei circa 22 anni di presidenza Barelli la Federazione Italiana Nuoto ha conquistato 22 medaglie olimpiche e 124 mondiali, raggiungendo un livello tecnico-organizzativo di altissima qualità e crescendo in maniera esponenziale anche sotto l’aspetto sociale, come dimostrato recentemente dai successi dei campionati europei delle discipline acquatiche a Roma e dei campionati mondiali Lifesaving in svolgimento a Riccione.

Le medaglie olimpiche 3 ori, 8 argenti e 11 bronzi
Atene 2004 / 1 oro, 1 argento e 1 bronzo
- Setterosa d'oro, Federica Pellegrini d'argento nei 200 stile libero e la 4x200 stile libero di bronzo con Brembilla, Rosolino, Cercato e Magnini
Pechino 2008 / 1 oro e 1 argento
- Federica Pellegrini d'oro nei 200 stile libero e Alessia Filippi d'argento negli 800 stile libero
Londra 2012 / 1 argento e 1 bronzo
- argento del Settebello e bronzo di Martina Grimaldi nella 10 chilometri
Rio de Janeiro 2016 / 1 oro, 3 argenti e 4 bronzi
- Gregorio Paltrinieri d'oro nei 1500 stile libero; Rachele Bruni d'argento nella 10 chilometri di nuoto di fondo, come Tania Cagnotto e Francesca Dallapè nei 3 metri sincro e il Setterosa; Tania Cagnotto di bronzo nei 3 metri come il Settebello e Gabriele Detti nei 400 e 1500 stile libero
Tokyo 2020 / 2 argenti e 5 bronzi
- argento della staffetta 4x100 stile libero formata da Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Lorenzo Zazzeri e Manuel Frigo, e Santo Yukio Condorelli in batteria, di Gregorio Paltrinieri negli 800, poi di bronzo nella 10 chilometri; bronzi anche di Nicolò Martinenghi nei 100 rana, Federico Burdisso nei 200 farfalla, Simona Quadarella negli 800 e della staffetta 4x100 mista di Ceccon, Martinenghi, Burdisso e Miressi.

Le medaglie mondiali 38 ori, 36 argenti e 50 bronzi
Fukuoka 2001 / 6 ori, 2 argenti e 4 bronzi
Barcellona 2003 / 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo
Montreal 2005 / 1 oro, 3 argenti e 3 bronzi
Melbourne 2007 / 1 oro, 2 argenti e 6 bronzi
Roma 2009 / 4 ori, 1 argento, 5 bronzi
Shanghai 2011 / 3 ori, 4 argenti e 2 bronzi
Barcellona 2013 / 1 oro, 3 argenti e 1 bronzo
Kazan 2015 / 3 ori, 3 argenti e 8 bronzi
Budapest 2017 / 4 ori, 3 argenti e 9 bronzi
Gwangju 2019 / 4 ori, 6 argenti e 5 bronzi
Budapest 2022 / 9 ori, 7 argenti e 6 bronzi

Foto DBM / L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit.