Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Barelli all'Ansa: "Draghi faccia vaccinare gli atleti azzurri"

Federazione
images/large/barelli_Ansa_05_03_2021.jpg

"Gli atleti azzurri che rappresentano l'Italia vanno tutelati in vista delle Olimpiadi di Tokyo: allenarsi duramente e incorrere nel contagio da covid negli ultimi mesi di preparazione sarebbe uno smacco". Il presidente della Federnuoto e parlamentare di Forza Italia, Paolo Barelli, con una dichiarazione all'ANSA esce allo scoperto sul fronte della vaccinazione degli sportivi in vista dei Giochi di Tokyo. "Il presidente Draghi, responsabile del Governo per lo sport - afferma tra l'altro Barelli - dovrebbe ritenere un interesse nazionale consentire agli atleti 'ambasciatori' azzurri di rappresentare il Paese nel pieno delle forze". "Le Olimpiadi sono in calendario il prossimo luglio e gli atleti italiani che rappresentano il nostro paese vanno tutelati. Allenarsi duramente e incorrere nel contagio da COVID-19 negli ultimi mesi di preparazione, dopo gli ostacoli di un anno di pandemia - afferma Barelli - sarebbe uno smacco ingiusto che comprometterebbe ai nostri campioni di rappresentare l'Italia vanificando anni di sacrifici". "Sono poche centinaia gli atleti che possono ambire a competere a Tokyo - prosegue il n.1 della Fin - e vaccinarli subito darebbe loro pari opportunita' con quelli di altri paesi che gia' stanno vaccinando i propri campioni per salvaguardarli dal rischio di contagio". "Le liste di chi ha diritto al vaccino vanno certamente rispettate per proteggere appieno i piu' bisognosi - conclude Barelli - ma il Presidente Draghi, responsabile del Governo per lo Sport, dovrebbe ritenere un interesse nazionale consentire agli atleti 'ambasciatori' azzurri di rappresentare il Paese nel pieno delle forze, per conquistare magari l'ambita medaglia e ancor di piu' far sentire al mondo l'Inno di Mameli".