Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Cura Italia. Barelli a Adnkronos: "Sport di base rimane a rischio"

Federazione
images/large/paolo_barelli_800_450_17_3_2020.jpg

In relazione al decreto "Cura Italia", il presidente Paolo Barelli ha rilasciato alcune considerazioni all'agenzia Adnkronos.

"Bene i primi interventi ma sport di base rimane a rischio. Il mio pensiero va al dopo virus e non vorrei trovare gli impianti sportivi chiusi perché falliti, non solo le piscine, a causa della crisi Coronavirus. Il mondo dello sport sa soffrire ma servono presto risorse dirette e robusti interventi di sostegno perché le somme stanziate, ancora poche, devono ora favorire il sistema sanitario ed emergenziale. Il Ministro dello sport Vincenzo Spadafora, mi rendo conto, ha fatto tutto il possibile in un momento difficilissimo dove ogni categoria chiede un supporto e sono certo che è già al lavoro per il mondo dello sport che ben rappresenta nel Governo. Ma occorre fin d'ora individuare altre risorse per evitare la chiusura di migliaia di società sportive che utilizzano e gestiscono impianti sportivi costosi con marginalità scarse". Conclude il presidente Barelli: "Ai cittadini è garantita l'attività motoria grazie alle settantamila società sportive italiane e al milione di volontari, tecnici e addetti. Se gli impianti chiudono chiude lo sport. Ringrazio i Ministri Spadafora e quello dell'Economia Gualtieri per aver dato allo sport un primo importante acconto che va completato". (Spr/AdnKronos)

Leggi la lettera aperta del presidente Paolo Barelli sulla crisi del settore sportivo a causa dell'emergenza da Coronavirus (5 marzo)