Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

La FIN riprende l'attività

Federazione
images/large/logo_fin_sito_federale.jpg

Preso atto del decreto del 1° marzo 2020 del Governo in materia di contenimento e gestione dell'emergenza Coronavirus e del successivo chiarimento diramato in data odierna dall'Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei ministri,
 
tutta l'attività federale, comprensiva di competizioni e manifestazioni sportive di ogni livello e dislocazione, si intende ripresa regolarmente in conformità alle disposizioni governative.

 
In particolare, nei comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e Vo’ è previsto, tra l'altro:
- il divieto di accesso o di allontanamento dal territorio comunale;
- la sospensione di manifestazioni, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso.
 
In particolare in Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, province di Pesaro-Urbino e Savona è previsto, tra l'altro:
- la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all'8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati, a meno che non si svolgano "a porte chiuse". Restano consentite le sessioni di allenamento degli atleti agonisti all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse e si raccomanda di adottare misure organizzative tali da garantire agli atleti la possibilità di rispettare, negli spogliatoi, la distanza tra loro di almeno un metro;
- il divieto di trasferta organizzata dei tifosi residenti nelle stesse regioni e nelle province di Pesaro e Urbino e di Savona, per assistere a eventi e competizioni sportive che si svolgano nelle restanti regioni e province.
 
In particolare nella regione Lombardia e in provincia di Piacenza si applica, tra l'altro:
- la misura della sospensione delle attività di palestre, centri sportivi, piscine e centri natatori in relazione allo sport di base e all'attività motoria in genere.