Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei 2022. Roma approva. Barelli: "Soddisfazione e cautela"

Federazione
images/large/raggi_europei_17_7_19.jpg

Con una memoria firmata dalla sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi ed approvata in giunta, il Campidoglio "riconosce l'importanza dell'evento European Aquatics Championships 2022", campionati europei di nuoto, sincronizzato, tuffi e nuoto in acque libere, e manifesta il proprio interesse "a presentare la candidatura ad ospitare l'evento".
Il presidente della Federnuoto Paolo Barelli esprime "soddisfazione" per "la crescita della candidatura", ma suggerisce anche cautela. "La candidatura nasce dal desiderio della Federazione Italiana Nuoto e della famiglia delle discipline acquatiche di riportare in Italia un grande evento come il campionato europeo che manca dal 1983 - sottolinea Barelli - Abbiamo condiviso progetto e ipotesi di fattibilità con il Governo e in particolar modo con il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Giancarlo Giorgetti, che si è espresso favorevolmente a valutare, ed eventualmente a sostenere, la candidatura. Poi ne abbiamo parlato con la sindaca Virginia Raggi nell'imminenza del trofeo Sette Colli e siamo lieti di ricevere ufficialmente l'interesse suo e della Città di Roma. Ma esorto cautela. Ciò non significa che i campionati europei del 2022 si terranno a Roma. Significa che la candidatura comincia a crescere e a diventare competitiva nei confronti di altri concorrenti, tra cui Russia e Germania. In caso di successo, il piano operativo prevederebbe lo svolgimento della manifestazione all'interno del parco del Foro Italico con le gara di nuoto e tuffi presso lo Stadio del Nuoto e di sincro in un impianto provvisorio. Il nuoto di fondo si disputerebbe ad Ostia e i tuffi dalle grandi altezze meriterebbero una venue da dolce vita. Non sarebbero costruiti impianti nuovi, ma verrebbero adeguati gli esistenti per una manifestazione del tutto sostenibile che accrescerebbe l'economia della città, l'offerta culturale e turistica e promuoverebbe ulteriormente lo sport e le discipline acquatiche".
La memoria di giunta definisce i campionati europei "una occasione di crescita e valorizzazione della città di Roma sia in termini di evento mediatico e turistico sia sotto il profilo economico" e conferisce all'assessore allo sport e ai grandi eventi Daniele Frongia il ruolo di referente istituzionale. L'evento è previsto nell'agosto del 2022 e coinvolgerà 52 nazioni. La sindaca Virginia Raggi ha anche diffuso un tweet: "la Capitale d'Italia vuole confermarsi protagonista delle rassegne sportive internazionali. Siamo pronti alla sfida per realizzare un evento sostenibile e che avvicini i cittadini allo sport".