instagram

La storia di Pizzo in un libro imperdibile. Sconto ai tesserati

Federazione
images/large/Eraldo_Pizzo_cover_2.jpg

Con vista sull'edizione numero 100 del campionato di pallanuoto maschile - che la Federnuoto ha dedicato alla città di Genova a seguito del crollo Morandi in segno di solidarietà e vicinanza - l'amico e giornalista Claudio Mangini ha redatto un libro, edito dalla Sagep Editori S.r.l., dal titolo "Eraldo Pizzo. Caimani come me. Il mito Pro Recco".
Il volume, con molteplici testimonianze di rappresentanti di eccellenza del mondo sportivo e delle discipline acquatiche, è il viaggio coinvolgente e appassionante della carriera di Eraldo Pizzo, icona e messaggero internazionale della pallanuoto italiana e della Pro Recco, che peraltro quest'anno ha conquistato il 33esimo scudetto, nonché 14esimo consecutivo.

Eraldo Pizzo fino ai 44 è stato un giocatore di pallanuoto. Il migliore di tutti i tempi in Italia, una leggenda in tutto il mondo. Ha vinto tutto quello che c'era da vincere in ogni genere d'acqua: di mare, di piscina e anche di fiume.
È nato il 21 aprile 1938 a Rivarolo, delegazione genovese senza sbocco sul mare. Le vicende familiari, in quei tempi di guerra, lo hanno portato a Recco. Destino amico, per lui e per lo sport italiano. Eraldo ha vinto, da giocatore, 16 scudetti, una coppa dei campioni, l'Olimpiade e molto altro; è entrato nella Swimming Hall of Fame, il suo nome è stato inserito fra le 100 leggende dello sport italiano, ha ricevuto il Collare d’Oro del Coni e la medaglia al valore civile per un salvataggio in mare. Naturalmente ha vinto anche da allenatore, da presidente e in tutti i ruoli che ha ricoperto.
La sua è una vita da raccontare.

In accordo con la casa editrice, la Federazione Italiana Nuoto è lieta di poter offrire ai propri tesserati il volume - peraltro finalista al premio Bancarella dello Sport 2019 - al prezzo concordato di 20 € comprese le spese di spedizione.
Basta un click e il libro arriverà comodamente a casa vostra.

consulta l'offerta riservata ai tesserati della Federnuoto