instagram

A Pizzo il premio "Una vita per lo sport"

Federazione

Eraldo Pizzo ha ricevuto il premio "Una vita per lo sport" in occasione della 39esima edizione "di Sport Civiltà", galà organizzato dai Veterani dello Sport di Parma, che conferiscono il prestigioso riconoscimento per promuovere i grandi valori dello sport. Alla serata - condotta dai giornalisti Massimo De Luca e Francesca Strozzi presso il Regio di Parma - hanno partecipato campioni del presente e del passato, autorevoli dirigenti ed importanti firme del mondo sportivo per un incontro ricco di emozioni e racconti.
Eraldo Pizzo si unisce ai precedenti vincitori del premio alla carriera, tra cui spiccano campioni come Thoeni, Gros, Bartali, Merckx, Agostini, Pietrangeli, Benvenuti, Mazzola, Rivera, Pericoli e Compagnoni, dirigenti come Samaranch e tecnici come Sacchi e Bearzot.


EraldoPizzo


(Eraldo Pizzo premiato dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti / fotografia Vasini)


Pizzo 1965 2


Eraldo Pizzo (Genova, 21 aprile 1938). Noto con il soprannome di "caimano" per la sua abilità nel dominare l'acqua, è considerato il più forte pallanotista italiano di tutti i tempi. Conquista l'oro olimpico ai Giochi di Roma 1960 e ben 16 scudetti, quindici con la Pro Recco e uno con la RN Bogliasco, ed una coppa dei campioni nel 1965. Si ritira dall'attività agonistica a 48 anni dopo aver partecipato anche alle Olimpiadi di Tokyo 1964, Città del Messico 1968 e Monaco di Baviera 1972. Smessa la calottina, non ha mai abbandonato il mondo della pallanuoto. Attualmente è vice presidente della Pro Recco.