Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

50° Settecolli. Scozzoli power

Nuoto
images/joomlart/article/2233d27ff96317aa2c9e32126f34ccf1.jpg

La seconda giornata degli Internazionali d'Italia – 50° Trofeo Settecolli di Roma è stata caraterizzata dalle superprestazioni di David Verraszto nei 400 misti e Ranomi Kromowidjojo nei 100 stile libero, dalla medaglia d'argento pesante di Federico Turrini nei 400 misti e quelle d'oro brillante di Marco Belotti nei 200 stile libero con 1'48”12 (a due centesimi dal tempo di qualificazione per la staffetta mondiale valido agli Assoluti di aprile) e di Fabio Scozzoli nei 50 rana con il record della manifestazione di 27”31: terzo tempo mondiale stagionale dietro il brasiliano Joao Gomez (27”20) e l'australiano Christian Sprenger (26”90) e migliore italiano.


Le dichiarazioni dei protagonisti. La prima azzurra in finale è Stefania Pirozzi, quarta nei 200 farfalla. “Io sono molto contenta di questa prova che non avevo preparato. Ci tenevo a fare una bella figura e penso di essere sulla buona strada verso i Giochi del Mediterraneo e successivamente i Mondiali”. Medaglia d'argento per Francesco Pavone nei 200 farfalla. “Sono abbastanza soddisfatto del tempo. Nuotare qui mi ha aiutato a ritrovare il ritmo di gara. Il mio obiettivo era di nuotare intorno a 1'58” e ci sono riuscito”. Arianna Barbieri ha vinto i 100 dorso ma non è soddisfatta. “Non mi sento ancora al 100% ma non cerco giustificazioni. Devo recuperare”. Invece Camille Lacourt ha vinto i 100 dorso ed è contento. “Ciò che mi soddisfa di più è l'aver gestito bene la gara a poco tempo dai campionati del mondo”. Terzo Mirco Di Tora. “E' un po' che non mi alleno al meglio, quindi il tempo che ho ottenuto mi ha lasciato molto soddisfatto. In questa gara al 90% sono state decisive la testa e la concentrazione”.
Grande successo dell'unghesere David Verraszto nei 400 misti. “Sono molto felice! Mi piace lo Stadio del Nuoto di Roma. Il tempo mi soddisfa avendo gareggiato con campioni europei”. Anche Federico Turrini, secondo, è molto contento. “Soddisfato del tempo. A parità di forma avrei avuto più chances. Si vedrà in futuro”. L'olandese Ranomi Kromowidjojo si è aggiudicata i 100 stile libero. “In questa piscina e con questa atmosfera si poteva soltanto nuotare bene”.
Fabio Scozzoli, dopo la vittoria di ieri nei 100, ha bissato oggi nei 50 rana con il suo secondo miglior tempo. “E' un buon segnale che mi da l'idea del mio attuale stato fisico. Mi sento molto bene e questo tempo mi soddisfa moltissimo”.


Il commento del Commissario Tecnico della Nazionale Cesare Butini. "La giornata si è chiusa con l'ottima prestazione di Fabio Scozzoli, che ha ottenuto il terzo miglior tempo mondiale stagionale nei 50 rana, e la crescita di Andrea Toniato. In precedenza sono arrivate le buone prove di Federico Turrini, Alice Mizzau, Mirco Di Tora e Marco Belotti, che tra i duecentisti è l'unico ad aver risposto alle attese. E' stata una giornata piuttosto interlocutoria, che nel complesso ha comunque offerto spunti di interesse grazie all'organizzazione che ha garantito elevati standard prestativi con la partecipazione di tanti campioni olimpici e mondiali".


Tra le finali dei 100 stile libero femminile e 200 stile libero maschile, spazio alla gara dei 100 stile libero paralimpici. Otto ragazze in vasca, senza distinzione di disabilità, con la campionessa paralimpica e primatista mondiale a Londra 2012 Cecilia Camellini che si è classficata terza in 1'09”51. E' contenta la modenese del Tricolore Reggio Emilia. “E' un bel traguardo essere stati inseriti in una gara di nuoto internazionale importante come il Trofeo Setecolli. Ringrazio la Federazione Italiana Nuoto per l'attenzione che ci ha dedicato e spero che nei prossimi anni lo sport paralimpico venga integrato di più. Le medaglie che ho conquistato mi hanno permesso soprattutto di far conoscere e promuovere il nostro sport”. La gara è stata vinta da Francesca Palazzo (Fondazione Bentegodi) con il tempo di 1'06”27 e al secondo posto si è piazzata Francesca Secci (Sardegna Sport Cagliari) in 1'07”93.


La galleria fotografica


I podi della seconda giornata


I risultati ufficiali