Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Assoluti. Polieri al pass, Sabbioni dei record

Nuoto
images/joomlart/article/7eb3369e2b9cbd88ea24152cde9ae813.jpg

Ancora tante emozioni nella quarta ed ultima sessione dei campionati invernali in vasca corta, a Riccione. Alessia Polieri strappa il decimo pass individuale per la rassegna continentale imponendosi nei 200 farfalla in 2'05"29. Simone Sabbioni cala il tris nel dorso vincendo i 200 e portando sul 23"06 il record nei 50 nella prima frazione dell'Esercito che stabilisce con la 4x50 mista il primato italiano di società col tempo di 1'32"05. Federica Pellegrini fa suoi i 100 stile libero in 52"64 e poi si commuove commentando il ritiro di Filippo Magnini che si diverte a nuotare la frazione a rana di  staffetta in 26"77. Il millennial Thomas Ceccon (2001) stabilisce la seconda prestazione all time italiana nei 200 misti in 1'55"14.


Prima che iniziasse la sessione di gara, ci sono gli applausi rivolti al tecnico federale Stefano Morini. Il mentore dei campionissimi Gregorio Paltrinieri e Grabriele Detti, responsabile del Centro Federale di Ostia, riceve dal direttore tecnico Cesare Butini il premio di allenatore dell'anno 2017 intitolato ad Alberto Castagnetti. Morini si aggiudica il riconoscimento per il quarto anno consecutivo atraverso la votazione di una giuria composta da giornalisti, tecnici, dirigenti e campioni del passato. In finale supera per pochissime preferenze la concorrenza di Matteo Giunta - che ha guidato Federica Pellegrini agli straordinari ori mondiali nei 200 stile libero in vasca corta e lunga - e di Christian Minotti, guida dell'astro nascente Simona Quadarella, bronzo iridato nei 1500. Nella prima fase delle votazioni avevano raccolto preferenze anche Fabrizio Antonelli, Massimo Giuliani, Gianni Leoni, Marco Pedoja ed Emanuele Sacchi.


FIN Nuoto Assoluti 20171202 STA3699 


Le serie di gara si aprono col successo di Alessia Polieri (Fiamme Gialle / Imolanuoto) che stacca il pass per gli europei vincendo i 200 farfalla con un 2'05"29 che la ripaga di tante amarezze. "Mando un bacio ai miei genitori. E' stato un anno veramente difficile, sfortunato dopo l'incidente dell'estate scorsa, ma col lavoro abbiamo costruito questo risultato. Grazie alle Fiamme Gialle e all'Imolanuoto che mi sostengono sempre, alla Federazione e a tutti coloro che mi sono vicini".
Gara successiva e Simone Sabbioni (Esercito / Swim Pro SS9) completa il tris nel dorso vincendo i 200 in 1'51" con Lorenzo Mora (Fiamme Rosse) che s'impone nell'ultima serie col personale di 1'51"68 per accompagnarlo sotto al tempo limite continentale (prec. 1'51"77). Ci va soltanto vicino, invece, Francesca Fangio (SMGM Team Lombardia) che vince i 200 rana in 2'22"56 con 37 centesimi dal tempo di riferimento (2'22"1). "Sono molto contenta della gara. Credo di averla interpretata in maniera intelligente, senza strappare, tenendo il passo giusto. Mi dispiace per quei pochi decimi che mi separano dal tempo limite, ma sono comunque soddisfatta e ringrazio il mio allenatore che mi segue da sei anni". Per lei c'è anche il primato personale; il precedente era 2'23"46.
Lontana dall'euro limite, così come dal record personale, anche Silvia Scalia (CC Aniene), che vince i 100 dorso in 58"39 (crono per Copenaghen 57"7 - personale 57"76). "Ultima vasca tremenda. Ho sofferto un pochino, sono lontana dal personale, ma mi sono divertita e va bene così. Volevo provare il passaggio velocissimo ai 50 ma non non ci sono riuscita. Comunque campionato positivo. Sono sula strada giusta e spero di continuare così".
Stanchissima Laura Letrari (Esercito/Bolzano Nuoto) che nei 100 misti va sotto il muro dei 60 secondi e con 59"97 ottiene il suo migliore con il costume in tessuto (precedente 1'02"96 del 30 novembre 2014 a Boon) e si avvicina al record personale col gommato (59"82 del 22 novembre 2009 a Riccione) e al tempo di riferimento per Copenaghen (59"5). "Non mi aspettavo di fare tutta questa fatica - commenta - e pensavo anche di fare un po' di meno".
Il primatista italiano Marco Orsi (Fiamme Oro Roma / Uisp Bologna) conferma il suo recupero nei 50 stile libero e vince in 21"52. "Vittoria inaspettata - ammette sportivamente - Luca Dotto lo avevo visto bene e i giovani crescono velocemente. Sono entrato per fare del mio meglio e, pur non essendo ancora al top, ho disputato una buona gara". Poi Marco rivolge un pensiero a Pippo Magnini. "Era nell'aria che prima o poi avrebbe mollato ma oggi proprio non me lo aspettavo. Ci ha colto tutti di sorpresa. Non nascondo di essermi commossso. E' stato un punto di riferimento per tutti noi".
Senza Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti (assenti giusificati) nei 1500 si impongono gli specialisti del nuoto in acque libere. Sul primo gradino del podio sale Francesco Bianchi (CC Aniene) che chiude con 14'49"61. Dietro di lui c'è il medagliato mondiale Mario Sanzullo (Fiamme Oro Napoli / CC Napoli), secondo in 14'51"87. "Sono molto contento di questa prestazione - esordisce Bianchi - In questa piscina ho vinto il mio primo titolo di categoria. Sono consapevole che l'assenza degli dei ha condizionato l'esito della gara, ma bisogna saper cogliere l'attimo"."Sono supercontento - prosegue Sanzullo, argento iridato nella 5 km e bronzo con la mixed team relay - Questa è la mia prima medaglia nei 1500 in piscina".
I botti più fragorosi però arrivano alla fine, quando vanno in onda i 200 misti vinti dal sedicenne, ipercompetitivo in tutti e quattro gli stili, Thomas Ceccon (Leosport / Villafranca) con il personale di 1'55"14; i 100 stie libero vinti dalla primatista italiana (52"17) Federica Pellegrini (CC Aniene) con il tempo di 52"64 e la staffetta 4x100 mista, ultima gara in carriera di Filippo Magnini schierato nella frazione a rana con la squadra dell'Aniene, dove arriva il record italiano di Simone Sabbioni nella frazione dei 50 dorso in 23"05 e il record italiano di società dell'Esercito in 1'32"05.
"Finora avevo disputato gare abbastanza buone, ma non come volevo io - commenta Ceccon - A forza di nuotare è arrivato il titolo italiano assoluto. E' ciò che volevo e per cui ho lavorato molto insieme alla qualificazione per gli europei che, invece, non è arrivata (1'54"7 il tempo indicato in tabella). Mi tengo stretta questa medaglia d'oro". E riuscirci a 16 anni non è da tutti. Thomas abbassa il precedente primato personale di 1'55"75 che aveva da poco stabilito (l'11 novembre al Nico Sapio di Genova) e registra la seconda migliore prestazione italiana all time, dietro al record italiano di Federico Turrini (1'54"53).
"Contentissima anche del tempo - spiega Fede - considerando che non abbiamo finalizzato il lavoro per questi campionati, perchè ero già qualificata agli europei, e che lo scarico comincia adesso. Sto vivendo una nuova avventura e non penso più ai 200. L'età avanza e non so se riuscirei ancora ad allenarmi per restare ad altissimo livello". A proprosito di età, rivolge il suo pensiero a Pippo Magnici che ha dato l'addio alle gare. "Sono rimasta sorpresa anch'io. Pippo aveva detto che se non avesse ottenuto il tempo per gli europei in corta si sarebbe ritirato, ma pensavo che alla fine cambiasse idea. Gli auguro tutto il meglio - conclude visibilmente commossa - e sono sicura che avrà successo nella vita, così come lo ha avuto nel nuoto". Doppio record in staffetta per l'Esercito. In apertura il record italiano assoluto di Simone Sabbioni nei 50 dorso con 23"06 (precedente già suo con 23"09 dal 6 dicembre 2015, a Netanya) e in chiusura primato italiano di società con 1'35"02 che migliora quello di 1'35"50 che lo stesso Esercito aveva stabilito il 5 agosto 2011 a Ostia (con Beni, Scozzoli, Villa e Bocchia). Simone Sabbioni, da buon padrone di casa, saluta tutti. "Record in avvio e grande staffetta. Abbiamo finito il campionato in vasca corta alla grande". Ha proprio ragione: anche Fiamme Oro seconde con 1'33"91 e SMGM Team Lombardia terzo con 1'34"00 hanno nuotato sotto al vecchio record.

Classifiche femminile per società
57 società a punti
1. CC Aniene 298,50 punti (250,50 individuali + 48 staffette)
2. Fiamme Oro Roma 258 (218 + 40)
3. Esercito 255 (207 + 48)
4. SMGM Team Nuoto Lombardia 135,75 (13,75 + 22)
5. Fiamme Gialle 133 (107 + 26)


Classifica maschile per società
51 società a punti
1. Esercito 309 (261 + 48)
2. CC Aniene 288 (256 + 32)
3. Fiamme Oro Roma 237 (189 + 48)
4. SMGM Team Nuoto Lombardia 129 (89 + 40)
5. Carabinieri 98 (70 + 28)
6. Uisp Bologna 94,50 (72,50 + 22)
7. Team Veneto 98,75 (80,75 + 18)

consulta le classifiche ufficiali

I podi della 4^ sessione
 
200 farfalla F
1. Alesssia Polieri (Fiamme Gialle/Imoanuoto) 2'05"29
2. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) 2'06"97
3. Ilaria Cusinato (Fiamme Oro Roma/Team Veneto) 2'07"84
 
200 dorso M
1. Simone Sabbioni (Esercito/Swim Pro SS9) 1'51"00
2. Lorenzo Mora (FF Rosse) 1'51"68
3. Luca Mencarini (Fiamme Oro Roma/CC Aniene) 1'53"56


200 rana F
1. Francesca Fangio (SMGM Team Nuoto Lombardia) 2'22"56
2. Giulia Verona (Esercito/SMGM Team Nuoto Lombardia) 2'24"36
3. Lisa Angiolini (De Akker Tem) 2'24"48


50 stile libero M
1. Marco Orsi (Fiamme Oro Roma/Uisp Bologna) 21"52
2. Lorenzo Zazzeri Esercito/Fiorentina NC) 21"53
3. Andrea Vergati (Can Vitorino da Feltre) 21"57


100 dorso F
1. Silvia Scalia (CC Aniene) 58"39
2. Margherita Panziera (Fiamme Oro Roma/CC Aniene) 58"59
3. Tania Quaglieri (Sea Sub Modena) 58"93


1500 stile libero M
1. Francesco Bianchi (CC Aniene) 14'49"61
2. Mario Sanzullo (Fiamme Oro Napoli/CC Napoli) 14'51"87
3. Marcello Guidi (RN Cagliari) 14'52"03


100 misti F
1. Laura Letrari (Esercito/Bolzano Nuoto) 59"97
2. Ilaria Cusinato (Fiamme Oro Roma/Team Veneto) 1'00"42
3. Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) 1'00"54


200 misti M
1. Thomas Ceccon (Leosport/Villafranca) 1'55"14
2. Lorenzo Glessi (Esercito/Gorizia Nuoto) 1'56"42
3. Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) 1'57"18


100 stile libero F
1. Federica Pellegrini (CC Aniene) 52"64
2. Erika Ferraioli (Esercito/CC Aniene) 53"69
3. Aglaia Pezzato (Esercito/Team Veneto) 54"02


4x50 misti M
1. CS Esercito 1'32"05 RI di società
Sabbioni 23"06 RI (prec suo 23"09, 6 dicembre 2015 a Netanya), Scozzoli 25"52, Codia 22"64, Zazzeri 20"83
precedente RI di società 1'35"50 Esercito (Ostia, 5 agosto 2011)
2. Fiamme Oro Roma 1'33"91
3. SMGM Team Lombardia 1'34"00
   
consulta i risultati ufficiali completi
 
Foto A.Staccioli/Deepbluemedia.eu