Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Olimpiadi di Atene L'Italia ha voglia di stupire

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/large/5c7395b40ffa64db94b965fb1df68cec.jpg

A quattro anni dall'edizione storica di Sydney, gli azzurri partono per la culla dei Giochi. Castagnetti: "Rosolino, Boggiatto e la 4x200 da medaglia? Magari. La squadra è competitiva. Fioravanti ci mancherà"

ROMA
"A Monaco, nel 1972, ero in batteria con Mark Spitz. Lo vidi allo start, poi lo rividi solo in serata... al villaggio". Sono passati 32 anni dalla sua prima Olimpiade, ma Alberto Castagnetti ha ancora tanta voglia di scherzare. 
Il guru del nuoto italiano è ormai alle porte della quinta Olimpiade da commissario tecnico. Dall'esordio a Seul 1988 ad oggi è stato un susseguirsi di emozioni e di successi, sino all'apice toccato a Sydney con le sei medaglie e gli ori di Domenico Fioravanti e Massimiliano Rosolino. "Edizione memorabile - sottolinea Castagnetti - dal medagliere impareggiabile. Ad Atene presentiamo una squadra che è la fusione tra la vecchia guardia e il nuovo che avanza. A Rosolino, Emiliano Brembilla, Alessio Boggiatto, Lorenzo Vismara e la 4x200, si sono aggiunti giovani talenti come Filippo Magnini, Paolo Bossini, Luca Marin e Federica Pellegrini, speranze per il presente e certezze per il futuro, per Pechino 2008".
I capitani dell'Italnuoto saranno Lele Merisi e Lorenzo Vismara, quello in pectore è Rosolino, tre volte sul podio a Sydney. "Massimiliano è il traino dell'intero gruppo - continua Castagnetti - un animale da allenamento. Forte, determinato. Impossibile è un termine che non conosce, la parola perdere non vuole proprio considerarla. E' il punto di riferimento dell'intero gruppo. Se andrà a mille lui, andranno a mille tutti". E con lui, ci si aspetta molto da Boggiatto, da Brembilla, dalla 4x200. Sulla loro strada i protagonisti più attesi. Gli imbattibili: gli australiani Ian Thorpe e Grant Hackett, padroni dei 200 e 400 sl, e lo statunitense Michael Phelps, a caccia di sette ori, della leggenda Spitz.
Fare previsioni è impossibile. Tra il pessimismo e l'ottimismo la forbice è molto larga. Potrebbe accadere di tutto, passare dall'esaltazione alla depressione, ma Castagnetti puntualizza subito: "Le medaglie di Rosolino e Boggiatto nei misti e della 4x200 sarebbero un bilancio lusinghiero, esaltante, ma sono sicuro che ci saranno tante sorprese, e non parlo solo dell'Italia".
Gli Europei di Madrid hanno restituiro interesse e linfa ad una squadra che aveva toccato il fondo ai Mondiali di Barcellona, chiusi solo con il bronzo di Rosolino nei 200 misti. "Da allora è cambiato molto. Il settore femminile è cresciuto, le nostre punte hanno ritrovato stimoli e voglia di lottare per il podio. E' inevitabile che i cicli abbiamo momenti critici, ma non paragoniamo i risultati degli Europei con quanto possa accadere alle Olimpiadi. Sono due manifestazioni lontanissime".
Sfogliando l'album dei ricordi, Castagnetti ha tanto da raccontare. "La gioia più grande, prima delle medaglie olimpiche di quattro anni fa, è legata al record del mondo nei 200 sl di Giorgio Lamberti agli Europei di Bonn nell' 89. Da allora il nuoto italiano è rifiorito". Ma anche pagine buie, l'ultima pochi mesi fa. "L'abbandono di Domenico Fioravanti. Il nostro alfiere. La rana più bella del mondo. Fiore ci manca, il doppio oro conquistato a Sydney è un'impresa storica, memorabile. Con lui avremmo avuto un altro passo".
Domani il volo verso Atene, verso il villaggio olimpico. Luogo di dolci ricordi, come a Sydney: "Quando si vince la vita al villaggio scorre leggera: si scherza e si vive sotto un'unica bandiera con dialetti diversi". Dolci ricordi che speriamo si trasformino in realtà ad Atene, dove Castagnetti dovrà trovare la formula giusta per esaltare "il passaggio tra la vecchia e la nuova guardia".  
    
clicca sui link per consultare record e schede degli azzurri alle Olimpiadi
record italiani maschili e femminili
record olimpici maschili
record olimpici femminili
record mondiali maschili
record mondiali femminili
record europei maschili e femminili
schede degli azzurri


CALENDARIO, GARE ATLETI ITALIANI
MEDAGLIE DELL'ITALIA ALLE OLIMPIADI
PARTENZA 11 AGOSTO
RITORNO 22 AGOSTO

LA NAZIONALE
(le gare a cui prenderanno parte gli
azzurri saranno annunciate il 12 agosto)
Andrea Beccari
Alessio Boggiatto
Paolo Bossini
Emiliano Brembilla
Alessandro Calvi
Federico Cappellazzo
Simone Cercato
Loris Facci
Christian Galenda
Filippo Magnini
Luca Marin
Emanuele Merisi
Christian Minotti
Mattia Nalesso
Matteo Pelliciari
Massimiliano Rosolino
Michele Scarica
Giacomo Vassanelli
Lorenzo Vismara

Chiara Boggiatto
Alessandra Cappa
Paola Cavallino
Cristina Chiuso
Alessia Filippi
Ambra Migliori
Sara Parise
Federica Pellegrini
Francesca Segat
Cecilia Vianini

Capo Delegazione Paolo Barelli
Team Manager Marco Bonifazi
Direttore sportivo Gianfranco Saini
Dirigenti Rosario Cammarota
e Cosimo D'Ambrosio
Ct Alberto Castagnetti
Assistente Ct Stefano Morini
Tecnici federali Cesare Butini,
Gianni Nagni, Claudio Rossetto
e Fabrizio Miletto
Medico Lorenzo Marugo
Fisioterapisti Daniele Procario
e Luciano Urbani
Giudice Walter Gerbi

CALENDARIO NUOTO 14-21 AGOSTO (Olympic Aquatic Centre)
mattina batterie
alle 10 locali, 9 italiane
pomeriggio semifinali e FINALI
alle 19.30 locali, 18,30 italiane

14 MATTINA: 400 misti M, 100 farfalla F,
400 sl M, 400 misti F, 100 rana M,
4x100 sl F
14 POMERIGGIO: 400 MISTI M, 100 farfalla F,
400 STILE LIBERO M, 400 MISTI F,
100 rana M, 4X100 STILE LIBERO F

15 MATTINA: 100 dorso F, 200 sl M,
100 rana F, 100 dorso M, 400 sl F,
4x100 sl M
15 POMERIGGIO: 100 dorso F, 200 sl M,
100 FARFALLA F, 100 RANA M, 100 rana F,
100 dorso M, 400 STILE LIBERO F,
4X100 STILE LIBERO M

16 MATTINA: 200 sl F, 200 farfalla M,
200 misti F
16 POMERIGGIO: 200 sl F, 200 STILE LIBERO M,
100 DORSO F, 100 DORSO M, 100 RANA F,
200 farfalla M, 200 misti F

17 MATTINA: 100 sl M, 200 farfalla F,
200 rana M, 4x200 sl M
17 POMERIGGIO: 100 sl M, 200 STILE LIBERO F,
200 FARFALLA M, 200 farfalla F, 200 rana M,
200 MISTI F, 4x200 STILE LIBERO M

18 MATTINA: 100 sl F, 200 dorso M,
200 rana F, 200 misti M, 4x200 sl F
18 POMERIGGIO: 200 RANA M, 100 sl F,
200 dorso M, 200 FARFALLA F,
100 STILE LIBERO M, 200 rana F,
200 misti M, 4X200 STILE LIBERO F

19 MATTINA: 50 sl M, 800 sl F,
100 farfalla M, 200 dorso F
19 POMERIGGIO: 50 sl M, 200 RANA F,
200 DORSO M, 200 dorso F, 200 MISTI M,
100 STILE LIBERO F, 100 farfalla F

20 MATTINA: 50 sl F, 1500 sl,
4x100 mista F, 4x100 mista M
20 POMERIGGIO: 200 DORSO F, 100 FARFALLA M,
800 SL, 50 sl F

21 POMERIGGIO: 50 STILE LIBERO F,
1500 STILE LIBERO, 4X100 MISTA F,
4X100 MISTA M

MEDAGLIERE OLIMPICO
ORO (3)
Fioravanti 100 rana 1'00"46 Sydney 2000
Fioravanti 200 rana 2'10"87 Sydney 2000
Rosolino 200 misti 1'58"98 Sydney 2000

ARGENTO (2)
Calligaris 400 sl 4'22"44 Monaco 1972
Rosolino 400 sl 3'43"40 Sydney 2000

BRONZO (8)
Calligaris 800 sl 8'57"46 Monaco 1972
Calligaris 400 misti 5'03"99 Monaco 1972
Battistelli 400 misti 4'18"01 Seul 1988
Battistelli 200 dorso 1'59"40 Barcellona 1992
Sacchi 400 misti 4'16"34 Barcellona 1992
Merisi 200 dorso 1'59"18 Atlanta 1996
Rosolino 200 sl 1'46"65 Sydney 2000
Rummolo 200 rana 2'12"73 Sydney 2000