Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

RomAquatica 2005 Sette Colli stellare

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/0829b7005983d3c11f25c70e1acb824b.jpg

Magnini e Pellegrini protagonisti della prima giornata aperta da un'esibizione degli atleti paralimpici. Vincono la Boggiatto e la Chiuso; applausi per Rosolino, Bossini e Brembilla. Domani si chiude in diretta su Rai Sat

ROMA
Un parterre d'eccezione ha seguito oggi allo Stadio del Nuoto la prima giornata del 43° Trofeo Settecolli di nuoto. Presenti a bordo vasca il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli e il Segretario Generale Antonello Panza, il Presidente del Comitato Italiano Paraolimpico Luca Pancalli, i Vicepresidenti della FIN Paolo Colica e Salvatore Montella, i Consiglieri federali Cosimo D'Ambrosio, Dario Cortese, Fabrizio Leonardi e il testimonial Domenico Fioravanti, Campione Olimpico a Sydney 2000, che hanno seguito le gare con grande interesse e un occhio particolare rivolto agli Azzurri. Tra i mille presenti, hanno strappato più applausi di tutti i successi di Federica Pellegrini nei 200 sl e di Filippo Magnini nei 100 sl.
Federica Pellegrini, medaglia d'argento ai Giochi Olimpici di Atene, ha vinto i 200 stile libero in 1'58"51 prendendosi una piccola rivincita nei confronti della rumena Potec, che l'aveva battuta in Grecia, oggi soltanto sesta con 2'00"14. "E' chiaro che ci tenessi a battere la Potec - commenta - ma non pensavo di poter nuotare così in scioltezza perchè sono nel pieno della preparazione. Non mi sento affaticata, sto bene e il tempo mi gratifica".
Filippo Magnini, Campione Europeo dei 100 stile libero, ha invece vinto in 49"62 davanti al russo Kapralov e al canadese Lupien. "L'anno scorso ho chiuso in 50"1 - spiega - quest'anno pensavo di ripetere lo stesso tempo, invece sono arrivato con mezzo secondo in meno. In prospetiva è un ottimo risultato. Ai Mondiali per vincere dovrò toccare in 48"3 - 48"4 e stare attento alla genialità dello statunitense Phelps e ai sudafricani Shoeman e Neethling. Ci proverò anche perché l'assenza dell'olandese van den Hoogenband lascia libero un posto sul podio". Quinto Massimiliano Rosolino, Campione Olimpico a Sydney 2000, con il tempo di 50"58, un buon risultato in vista della 4x100 a cui tiene particolarmente. "Io voglio vincere sempre - afferma - e mi piacerebbe provarci anche in staffetta. Nei 400 e negli 800 stile libero iridati il mio avversario numero uno sarà l'australiano Hackett considerata l'assenza di Thorpe. Per puntare al gradino più alto del podio dovrò battere i miei record: è la mia sfida".
Buone prestazioni anche di Paolo Bossini, Alessio Boggiatto ed Emiliano Brembilla, beniamini romani e del Circolo Canottieri Aniene, che si aggiungono ai successi di Chiara Boggiatto nei 100 rana in 1'09"71 e Cristina Chiuso nei 50 sl in 25"60.
Paolo Bossini, Campione Europeo dei 200 rana in vasca lunga e corta, si è classificato secondo con il tempo di 2'13"20, a dieci centesimi dal russo Dimitri Komornikov. "Qui c'era il meglio dei 200 rana - dice - è stata una bella gara. Mi è dispiaciuto perdere da Komornikov per così poco, ma ho chiuso fortissimo e questo significa che sto molto bene. Ai Mondiali ovviamente punto al podio e proverò a sfruttare l'assenza del campione olimpico Kitajima o a batterlo (Kitajima non si è qualificato ai campionati nazionali, ndr).
Alessio Boggiatto, Campione Mondiale a Fukuoka 2001, si è classificato terzo nei 200 misti in 2'02"62, a pari merito con Leonardo Tumiotto. La gara è stata vinta dall'ungherese, bronzo olimpico, Laszlo Cseh in 1'59"81. "Non era importante vincere qui - sottolinea a fine gara - sarà importante il tempo di Montreal. Per adesso sono soddisfatto. Con i tecnici stiamo svolgendo un buon lavoro, l'importante è continuare a progredire gradualmente".
Infine Emiliano Brembilla, Campione Europeo dei 400 sl, si è piazzato terzo in 3'53"84 alle spalle del rumeno Coman e del polacco Stanczyk. "Non è stata una grande gara, ma l'importante era testare la condizione per avvicinarsi ai Giochi del Mediterraneo nel migliore dei modi, poi rifiniremo la preparazione per i Mondiali".
Il pomeriggio romano era stato aperto da una gara dimostrativa CIP (Comitato Italiano Paralimpico) sulla distanza dei 50 metri stile libero accolta dall'entusiasmo generale. Ha vinto Marco Iannuzzi (Villa Fulvia Roma) con il tempo di 32"33. Secondo Marcello Bellini in 32"46 e terzo Gianluca Caccamo in 32"55, entrambi tesserati per il Santa Lucia Sport di Roma.
   
Vai ai risultati completi
Vai al sito di RomAquatica   


I VINCITORI DELLA 1^ GIORNATA
400 sl M
1) Przemyslaw Stanczyk POL 3'52"01

200 sl F
1) Federica Pellegrini ITA 1'58"51

200 ra M
1) Dimitri Komornikov RUS 2'13"10

100 ra F
1) Chiara Boggiatto ITA 1'09"71

100 sl M
1) Filippo Magnini ITA 49"62

200 do F
1) Stanislava Komarova RUS 2'12"66

200 fa M
1) Nikolay Slvortsov RUS 1'56"59

400 mi F
1) Anja Klinar SLO 4'47"70

100 do M
1) Arkady Vjatchanin RUS 55"21

50 sl F
1) Cristina Chiuso ITA 25"60

800 sl F
1) Camelia Potec ROM 8'39"91

200 mi M
1) Laszlo Cseh HUN 1'59"81

100 fa F
1) Mary Descenza USA 59"24