Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Cesare Butini Il giorno dell'investitura

News Nuoto precedenti

E' il nuovo tecnico responsabile delle squadre Nazionali giovanili della Fin. "Raccolgo un'eredità importante. Il primo passo sarà instaurare un rapporto di collaborazione con gli allenatori sociali". La scheda

ROMA
A una settimana dal compleanno, il 4 ottobre compirà 49 anni, è il più bel regalo che potesse ricevere dalla Federazione Italiana Nuoto. Un premio alla professionalità, attestato di stima e riconoscimento del lavoro svolto per trent'anni a bordo piscina.
Cesare Butini è il nuovo responsabile tecnico delle Nazionali giovanili di nuoto. Raccoglie l'eredità lasciata da Maurizio Coconi che ha guidato gli Azzurrini per tredici anni raggiungendo risultati storici. Lascia l'Aurelia Nuoto, nella quale si è formato ed è cresciuto come tecnico, e mantiene una concreta sinergia con la Nazionale assoluta.  
Oggi è il primo giorno alla guida dell'Italia giovanile. "La prima sensazione è gratificante e stimolante perchè so di ricevere una eredità importante - spiega Butini - Senza andare troppo indietro nel tempo, basta considerare le ultime due manifestazioni internazionali per comprendere che attualmente siamo la nazione di riferimento del nuoto. Mi riferisco ai risultati ottenuti agli Europei e ai Mondiali juniores".
Allenare i giovani è sempre stata la sua passione. Contribuire alla loro crescita è la soddisfazione più grande. L'ha fatto da sempre nel club e adesso può mettere la propria esperienza a disposizione degli altri atleti e allenatori sociali. "Ho sempre dato grande importanza alla formazione degli atleti e lavorare nell'ambito della Federazione è ancora più significativo. Raccolgo una importante eredità e continuerò a valorizzare gli ambienti giovanili per il futuro del nuoto".
Anticipazioni sul programma di lavoro? "Il programma non prevede grossi stravolgimenti. A fronte della mia esperienza con la Nazionale, cercherò di avere una collaborazione più diretta con le squadre assolute (seguendo sempre le indicazioni del Commissario Tecnico). Nell'area della Coppa Comen proverò a instaurare un rapporto continuativo con i tecnici che seguiranno direttamente la crescita dei giovani atleti; per la fascia di atleti interessati nell'area juniores, compresa la Coppa Latina, prevedo un intervento più specializzato dal punto di vista tecnico e di supporto agli allenatori".
Quali sono gli obiettivi? "L'obiettivo primario - sottolinea Butini - è creare un dialogo sincero, professionale e costruttivo con tecnici, atleti e società. In ambito sportivo i prossimi appuntamenti di rilievo sono i campionati giovanili invernali di marzo e il Cinque Nazioni di aprile. L'obiettivo principale resta confermare la posizione dell'Italia in campo europeo ai prossimi campionati continentali di luglio".
Subito uno sguardo al panorama giovanile. "E' un patrimonio tecnico di inestimabile valore. Cominciamo dal movimento junior. Quello maschile è sicuramente di alto spessore tecnico. Abbiamo la fortuna di avere ancora in età atleti che sono stati protagonisti ai recenti Mondiali in Brasile come Sciocchetti, Giorgetti, Pesce, Lestingi, che dovranno confermare il ruolo di leader, fare da traino e affacciarsi alle manifestazioni di livello superiore. In campo femminile il livello è leggermente inferiore ma in generale il panorama è molto incentivante. Nelle categorie ragazzi e ragazze abbiamo alcune buone individualità ma sono atleti ancora molto giovani. Sono in fase di formazione ed è su quella che dovremo lavorare. Anche per loro sono in programma appuntamenti importanti in estate: gli Eyof e la Coppa Comen dove contiamo di partecipare con più atleti possibile". 
Butini ha lasciato l'Aurelia Nuoto, nella quale ricopriva il ruolo di coordinatore tecnico. "E' stata una decisione sofferta ma necessaria per poter svolgere la nuova attività ed è stata condivisa da tutti - assicura il tecnico romano - Uscire dal club mi permetterà di avere maggiore autorevolezza e tranquillità nelle scelte". 
E' nei programmi della Federazione identificare una serie di collaboratori che potranno essere il riferimento diretto sul territorio per gli allenatori delle società. Uno staff che collaborerà con Butini.


 


LA SCHEDA DI CESARE BUTINI
E' nato a Roma il 4 ottobre 1957.
Laureato in Giurisprudenza.
Sposato con Laura De Renzis,
CT della Nazionale di nuoto
sincronizzato, con la quale ha una figlia, Alice.
Nuotatore di buon livello negli anni settanta,
vanta molti titoli giovanili ed è
stato più volte medagliato ai
campionati nazionali assoluti.
Ha fatto parte delle rappresentative
nazionali giovanili e assolute.
Ha iniziato l'attività di tecnico nel
1980 all’Aurelia Nuoto, dove ha
rivestito il ruolo di direttore
tecnico fino a pochi giorni fa.
Da allenatore, dopo numerosi successi
a livello giovanile, ha ottenuto il
primo titolo assoluto nel 1985.
Sotto la sua guida gli atleti attualmente
in attività hanno vinto 80 titoli
assoluti e stabilito 40 primati
assoluti, 165 titoli giovanili e 30
primati di categoria.
Ha allenato atleti di livello nazionale
ed internazionale tra cui: Cristina
Chiuso, Alessia Filippi, Simona
Ricciardi, Flavia Zoccari, Giusy
Patanè, Alessandra Baldini, Paola
Bartolini, Livia Copariu, Silvia
Revelant, Cecilia Vallorini, Andrea
Palloni, Luca Belfiore, Roberto
Cassio, Simone Dini, Fabrizio
Frascella, Ermanno Felice, Marco
Sommaripa, Riccardo Bartoli, Fulvio
Paolo Maciejak.
Dal 1987 collabora con la Federazione
Italiana Nuoto seguendo le squadre
nazionali, prima giovanili poi assolute.
Dal 1998, nell’ambito del Progetto “Fin Point”,
è stato responsabile del settore
velocità femminile.
Dal 2001 ha ricoperto l’incarico di
responsabile del settore femminile
dello stile libero.
Dalle stagioni agonistiche 2002/03,
nell’ambito del progetto delle squadre nazionali,
ha assunto la responsabilità delle
aree di specialità del dorso/farfalla
e dello stile libero.
Docente nazionale SIT dal 1991 e
allenatore di 2° livello dal 1988.
Dal 1999 al 2004 ha collaborato con
la Federazione Italiana Pentathlon
come tecnico federale con la
responsabilità della squadra olimpica
(disciplina nuoto).

Ha partecipato in qualità di tecnico,
per la Federazione Italiana Nuoto a:
Giochi Olimpici
(Sydney 2000 - Atene 2004)
Campionati Europei
(Helsinki 2000 - Berlino 2002 -
Madrid 2004 – Budapest 2006)
Campionati Mondiali
(Fukuoka 2001 - Barcellona 2003 -
Montreal 2005)
Campionati Europei Vasca Corta
(Sheffield 1998 – Lisbona 1999 -
Dublino 2003 - Vienna 2004 -
Trieste 2005)
Campionati Mondiali di Vasca Corta
(Atene 2000 - Shanghai 2006)
Giochi Mondiali Universitari
(Fukuoka 1995 - Messina 1997 -
Palma de Maiorca 1999)
Giochi del Mediterraneo
(Narbonne 1993 - Tunisi 2001 –
Almeria 2004)
Varie edizioni della Coppa del mondo