Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Helsinki Marin re dei 400 misti

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/c8e98743b4c1ffcdcf72e5a31ddc0cf8.jpg

Batte Cseh con il record italiano di 4.01.71 e conquista la prima medaglia d'oro internazionale della carriera. Primato anche di Goldin nei 100 farfalla. Domani Magnini in finale nei 100 sl

HELSINKI
Vice campione del mondo, vice campione d'Europa. Sempre vice, in vasca olimpica e in corta. Sempre vice fino ad oggi. Luca Marin è il campione d'Europa dei 400 misti indoor. Con una gara strepitosa, batte il dominatore indiscusso della specialità in Europa, l'ungherese Laszlo Cseh, detronizzato da una progressione imperiosa.
Marin vince in 4.01.71, record italiano (passaggi 58.17, 1.58.00, 3.06.19), che lima di un secondo e diciassette centesimi il precedente che aveva stabilito agli Europei di Trieste il 9 dicembre scorso, un crono che sarebbe valso il record europeo se Cseh non si fosse imposto in 4.00.37, primato mondiale ben al di sotto del limite di 4.02.72 detenuto dal canadese Brian Johns. L'ungherese chiude con un ritardo di 1.68 e con l'espressione incredula di chi non è abituato a perdere, di chi ha capito di non essere più indiscusso.
"Dedico la medaglia alla mia famiglia, che ho lasciato per allenarmi a Verona con il Ct Alberto Castagnetti, e alla mia compagna Laure Manaudou, che mi ha trasmesso convinzione, forza - commenta commosso Marin, argento a Mondiali di Montreal e Shanghai e agli Europei di Vienna, Trieste e Budapest - L'obiettivo della vigilia era il secondo posto, anche perché sono arrivato ad Helsinki con poco allenamento a causa di un problema alla spalla. Ci ho creduto, come sempre, e, mangiato lo svantaggio nelle frazioni a dorso e rana, ho superato Cseh negli ultimi 50 metri".
Già, perchè l'impresa di Marin passa per un recupero prodigioso. Il 20enne mistista siciliano vira settimo ai 100 in 58.17, con uno svantaggio da Cseh di 2.93. Nella frazione a dorso risale sino al secondo posto, ma il ritardo dall'ungherese aumenta a 3.03. Ai 200 comincia l'impresa dell'azzurro che con la rana mangia 2.41 a Cseh, poi agganciato alla virata dei 350 (-0.16) e staccato negli ultimi 50 metri a stile libero (4.01.71 contro 4.03.39). "Laszlo Cseh è stato molto gentile al tocco - conclude Marin - malgrado l'evidente delusione, mi ha stretto la mano ed esteso i complimenti. C'è grande rispetto tra noi".
Nel pomeriggio cade anche un altro record italiano, il quarto ad Helsinki. Lo firma Rudy Goldin con il sesto posto nella finale dei 100 farfalla in 51.89, 12 centesimi in meno al primato che aveva stabilito ieri in semifinale. "Sono molto contento - dichiara il delfinista, bronzo con la 4x50 mista - L'obiettivo era scendere sotto i 52 secondi, ci sono riuscito. Ciò significa che gli allenamenti intrapresi sono giusti".
Quinto Alessandro Terrin nei 100 rana con un 59.42 che crede "sia il tempo giusto per un periodo stagionale durante il quale si preferisce lavorare sulla velocità piuttosto che sulla resistenza, anche in vista dei Mondiali di Melbourne"; settima Federica Pellegrini negli 800 sl in 8.25.00, così come la staffetta 4x50 sl femminile in 1.41.12 (Pellegrini 26.00, Francesca Segat 25.56, Alessia Filippi 25.30, Cristina Chiuso 24.26).
Domani, invece, Filippo Magnini partirà in corsia 5 nella finale dei 100 stile libero. Il campione e primatista europeo in carica chiude le semifinali in 47.62 alle spalle dello svedese Stefan Nystran, battuto agli Europei di Budapest, autore del miglior tempo in 47.11. "Difficile esprimersi al massimo a tre mesi dal Mondiale di Melbourne - spiega Magnini, campione mondiale ed europeo in vasca olimpica - In semifinale ho tirato, pertanto credo di valere al massimo 47.5. Se Nystrand si ripeterà sarà difficile batterlo. L'obiettivo è sempre vincere, ma in queste condizioni una medaglia sarebbe un ottimo risultato". Appuntamento a domani.
 
risultati batterie seconda giornata
risultati finali seconda giornata


EUROPEI DI HELSINKI
RECORD E MEDAGLIE DEGLI AZZURRI
MEDAGLIE (1-0-1)

7 dicembre
4x50 MISTA M Bronzo 1.35.20 RI
Cesare Pizzirani 24.83
Alessandro Terrin 26.23
Rudy Goldin 23.04
Filippo Magnini 21.10

8 dicembre
400 misti
Luca Marin Oro 4.01.71 RI

RECORD ITALIANI (4)

7 dicembre
100 farfalla M Rudy Goldin 52.01
4x50 mista M Nazionale 1.35.20

8 dicembre
400 misti M Luca Marin 4.01.71
100 farfalla M Rudy Goldin 51.89