Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei ed Eyof Il commento di Butini

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/19563ccfb8d9328a12dfdc681363851f.jpg

La Nazionale giovanile conquista 33 medaglie e migliora 12 record di categoria. Da giovedì i campionati giovanili a Roma

ROMA
Trentatrè medaglie e dodici record di categoria in nove giorni di gare. Protagonista ai Campionati Europei di Anversa (18-22 luglio) e al Festival della Gioventù Olimpica Europea di Belgrado (23-24-26-27 luglio), il movimento giovanile si conferma ancora una volta nell'elite del nuoto europeo.
Gli Azzurrini guidati dal tecnico responsabile Cesare Butini e dal dirigente di riferimento Stefano Battistelli (alla prima uscita ufficiale: "complimenti Bibi e in bocca al lupo!") hanno conquistato 4 ori, 7 argenti e 7 bronzi in Belgio e 9 ori, 4 argenti e 2 bronzi in Serbia.
"Raggiungere l'elite è difficile, confermarsi di più, eppure, grazie ai riscontri cronometrici e al comportamento generale degli atleti, l'Italia ha dimostrato ulteriormente come il momvimento natatorio sia in crescita e sempre proteso alla ricerca e alla valorizzazione dei talenti - sottolinea il tecnico federale Cesare Butini - I risultati ottenuti non devono essere solo valutati per le medaglie conquistate e i record di categoria migliorati, ma anche sotto il profilo tecnico/organizzativo. Per la prima volta gli Europei si sono svolti con una formula più ricca: un programma di cinque giorni con 800 sl maschili e 1500 femminili, semifinali sui 200 e la partecipazione di 4 atleti per nazione a ogni gara individuale. Le modifiche avrebbero potuto provocare difficoltà nella gestione fisica e mentale degli atleti impegnati in più specialità e sul piano della convivenza, invece gli azzurri hanno dimostrato di essere cresciuti non solo come nuotatori ma anche come uomini, assecondando le difficoltà, traendo beneficio dal confronto diretto e formando un gruppo solidale, armonioso ed entusiasta".
Alla base dei risultati c'è il lavoro che gli atleti svolgono presso le Società di riferimento. "Le Società sono il motore di tutto - continua Butini - Il progetto che porto avanti fonda proprio sulla sinergia con i tecnici societari che saranno sempre più coinvolti anche nella gestione diretta del gruppo nazionale. A monte c'è una consultazione periodica e frequente con tutti i livelli tecnici societari d'interesse nazionale per il raggiungimento comune dell'obiettivo internazionale. La figura del tecnico aggregato alla Nazionale è molto importante, rappresenta un valore aggiunto che, attraverso professionalità e passione, completa il rapporto tra me, i dirigenti e gli atleti".
Anche in tal senso la Federazione Italiana Nuoto sta studiando un progetto affinché gli atleti in uscita dalle nazionali giovanili, ma ancora acerbi per essere convocati nella selezione assoluta, continuino ad assere assistiti non solo in società. "E' opportuno mantenere sotto controllo con progetti ad hoc gli atleti di valore internazionale che si sono messi in evidenza e che potrebbero avere difficoltà ad essere inseriti nel gruppo nazionale che lavora per le Olimpiadi di Pechino e i Mondiali di Roma - continua Butini - L'elevato tasso tecnico raggiunto impone un continuo supporto a tecnici e società. Sono certo che, come è avvenuto finora, continueremo a tutelare i talenti restando al passo della loro maturazione".
Dodici record di categoria sono la dimostrazione lampante di un movimento che continua a crescere e ad offrire alla Nazionale assoluta continuità di atleti di alto livello. "Già. Proprio il minuzioso lavoro di ricerca e assistenza tecnica che compiono le società e i comitati e lo stimolo all'emulazione dei grandi campioni trasforma i campionati giovanili nazionali nel momento di confronto più importante del nuoto nazionale - continua Butini - Dal 2 al 9 agosto Roma ospiterà i campionati ragazzi, juniores e cadetti. Sono previste circa 2500 presenze-gara e tutti i nazionali sui blocchi. Sarà l'ultimo appuntamento della stagione e il punto di partenza per l'organizzazione della prossima che culminerà con i campionati europei e mondiali, peraltro calendarizzati in poche settimane tra luglio e agosto 2008".
Il bilanci di Anversa e Belgrado sono molto positivi ma "mi aspetto ancora molte sorprese dai campionati giovanili - continua Butini - In entrambe le manifestazioni abbiamo avuto picchi importanti, sorprese come la 4x200 stile libero femminile e il riscontro cronometrico di Francesca Aceto nei 200 misti, atleta peraltro recuperata perché senza tempo limite, ma mi aspettavo anche qualcosa in più dalle punte. Sono certo che chi non ha mantenuto il proprio standard vorrà lasciare il segno al Foro Italico".

CAMPIONATI EUROPEI JUNIORES
GIOCHI OLIMPICI DELLA GIOVENTU' EUROPEA
CAMPIONATI EUROPEI JUNIORES ad Anversa

18 medaglie di cui 4 ori, 7 argenti e 7 bronzi
5 record di categoria

4 ori
400 misti F
Caterina Brighi 4'50"38
50 rana M
Mattia Pesce 28"43
200 dorso M
Damiano Lestingi 1'59"34 RI cat. juniores e cadetti
4x100 mista F
Nazionale 3'41"21
Damiano Lestingi, Mattia Pesce,
Marco Pelizzon e Michele Santucci

7 argenti
400 misti M
Eleonora Tafi 4'50"43
400 sl M
Luca Baggio 3'54"12
100 dorso M
Damiano Lestingi 55"64
1500 sl M
Luca Baggio 15'22"17
200 farfalla M
Federico Bussolin 2'00"33
800 sl M
Luca Baggio 8'04"54
100 rana M
Edoardo Giorgetti 1'02"32

7 bronzi
200 rana M
Luca Pizzini 2'14"34
1500 sl M
Davide Sitti 15'28"00
4x200 sl M
Nazionale 7'33"48
Filippo Barbacini, Niccolò Maschi,
Alex Di Giorgio e Cesare Sciocchetti
800 sl M
Davide Sitti 8'10"43
4x200 sl F
Nazionale 8'19"00
Jasmine Agnoletto, Eleonora Tafi,
Martina De Memme, Caterina Brighi
200 misti F
Francesca Aceto 2'18"65
50 sl M
Luca Dotto 22"90

5 primati di categoria
200 rana M: Edoardo Giorgetti 2.13.23
nella seconda semifinale
Luca Pizzini 2.14.18 nella prima semifinale
200 dorso M: Damiano Lestingi 1.59.34
juniores e cadetti
200 misti F: Francesca Aceto 2.18.39 in batteria

GIOCHI OLIMPICI DELLA GIOVENTU' EUROPEA a Belgrado
15 medaglie di cui 9 ori, 4 argenti, 2 bronzi
7 record di categoria

9 ori
100 farfalla F
Silvia Di Pietro 1'00"60 RI cat. ragazzi
200 rana F
Pamela Gabrieli 2'34"58
4x100 sl M
Italia 3'28"48
Francesco Donin, Andrea Toniato,
Dario Palladino, Fabio Gimondi
50 sl F
Silvia Di Pietro 26"23 RI cat. ragazze
100 rana M
Andrea Toniato 1'04"06
50 sl M
Fabio Gimondi 23"46 RI cat. ragazzi
100 dorso M
Marco Fanti Rovetta 57"66 Ri cat. ragazzi
(57"87 RI cat. ragazzi in batteria)
100 rana F
Pamela Gabrieli 1.12.75
4x100 mista F
Italia 4.19.59
Aglaia Pezzato, Silvia Di Pietro,
Pamela Gabrieli, Nicole Villani

4 argenti
100 sl M
Francesco Donin 51"49 RI cat. ragazzi
Staffetta 4x100 sl mista
Italia 8'05"83
Dario Palladino, Francesco Donin,
Chiara Luccetti Masini e Nicole Villani
400 misti M
Stefano Rossa 4.29.72
200 farfalla F
Alessia Polieri 2.17.91

2 bronzi
100 sl F
Nicole Villani (Aurelia N) 58"82
200 sl M
Francesco Donin 1.53.77

7 record di categoria ragazzi/e
100 farfalla F: 1. Silvia Di Pietro 1'00"60
(1'01"98 in batteria)
100 sl M: 2. Francesco Donin 51"49
50 sl F: 1. Silvia Di Pietro 26"23
50 sl M: 1. Fabio Gimondi 23"46
100 dorso M: 1. Marco Fanti Rovetta 57"66
(57"87 in batteria)