Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Budapest Pellegrini per il grande slam

News Nuoto precedenti

Chiude le eliminatorie dei 200 sl col miglior tempo in 1'57"29, unica atleta sotto l'1'58. "Avevo bisogno di aumentare le frequenze perché temevo di avere ancora il passo degli 800". Sette Azzurri alle semifinali

BUDAPEST
Nottata serena. Buona colazione e subito ad aprire le acque dei 200 stile libero. Federica Pellegrini, giovedì bronzo negli 800 al debutto continentale, si è qualificata alle semifinali degli Europei di Budapest col miglior tempo delle eliminatorie in 1'57"29 (28"13, 29"15, 30"01, 30"), un crono pure troppo veloce per un mattino in cui è stata l'unica sotto l'1'58 e solo in sette hanno infranto il muro dei 2'. "Lo so, ho forzato il ritmo nei primi cento, ma avevo bisogno di aumentare le frequenze perché temevo di avere ancora la bracciata degli 800 - racconta la campionessa olimpica e mondiale a caccia del grande slam che ha un unico precedente: Massimiliano Rosolino nei 200 misti tra l'Europeo di Helsinki e le Olimpiadi di Sydney 2000 e il Mondiale di Fukuoka 2001 - L'1'57 comunque mi ha sorpreso, non immaginavo di essere stata così veloce, anche perché nelle ultime due vasche ho frenato la progressione. Nel pomeriggio non forzerò, controllerò la situazione e cercherò di mantenere il minimo vantaggio possibile per partire in quarta corsia in finale. Ho recuperato totalmente le energie fisiche e mentali impiegate negli 800 e desidero arrivare a sabato al massimo della condizione per sparare tutto". In semifinale anche la 17enne Chiara Masini Luccetti, alla prima manifestazione internazionale della carriera: 15esimo tempo in 2'01"35.
Torna in vasca Fabio Scozzoli. Il bronzo dei 100 rana si qualifica alla finale dei 50 con l'ottavo tempo delle eliminatorie, 27"94 peraltro in ex aequo con Alessandro Terrin che, quattro anni fa, proprio a Budapest, si era laureato campione europeo insieme al russo Oleg Lisogor.
Superano le eliminatorie pure Sebastiano Ranfagni e Damiano Lestingi, quinto in 1'59"81 e decimo in 2'00"45 nei 200 dorso, ed Elena Gemo nei 50 dorso, nona in 29"18. Non è riuscita a superare le batterie dei 1500 Giorgia Consiglio, medaglia d'argento nella dieci chilometri, distanza olimpica del nuoto in acque libere. La vice campionessa mondiale e continentale del fondo si è fermata al 12esimo tempo generale in 16'45"13. "Non sono riuscita a cambiare passo dal lago Balaton alla piscina Alfred Hajos - racconta - Probabilmente avrei potuto nuotare con la stessa frequenza per altri 3500 metri e chiudere un buon 5000, come in occasione del titolo assoluto vinto a San Marino", sottolinea la 20enne genovese allenata a Roma dal tecnico federale Emanuele Sacchi, che nell'aprile scorso ha vinto il titolo passando 16'50"68 ai 1500 e chiudendo in 56'17"47. "Mi spiace perché partivo col terzo tempo europeo, ma sapevo sarebbe stato difficile mantenere concentrazione e condizione atletica per una settimana - continua l'azzurra che si è qualificata all'Europeo in piscina battendo ai Primaverili la campionessa mondiale Alessia Filippi - E' stata comunque una bella esperienza. Non pensavo di integrarmi così bene nel gruppo del nuoto. Mi piacerebbe tanto diventare il punto di contatto tra le Nazionali di nuoto e fondo, cercare di avvicinarle. Del resto rappresentiamo la stessa disciplina, come la maratona e la corsa su pista. Sapete cosa mi ha incuriosito di più? - confida la "matricola" del nuoto, tinta di nero dalla Regina Federica Pellegrini - Assistere alla preparazione dei velocisti. Per me che nuoto distanze tanto lunghe è inconcepibile la preoccupazione per una gara sui 50 metri, anche se, vi assicuro, sento più la fatica dei 1500 piuttosto che dopo un 10000".
   
Seguono i risultati degli Azzurri nelle batterie della quinta giornata del nuoto, alla 30esima edizione dei campionati europei, per la quarta volta a Budapest. Evidenziati anche i primati personali con e senza costume di nuova generazione.
 
200 dorso M
RI 1'56"91 Damiano Lestingi, 5 mar 2009 agli Assoluti di Riccione
5. Sebastiano Ranfagni 1'59"81 (1'57"75 / 1'58"34) in semifinale
10. Damiano Lestingi 2'00"45 (1'56"91 / 1'58"04) in semifinale
23. Luca Marin 2'03"07 (1'59"81 senza costumone) eliminato
 
200 sl F
RM 1'52"98 Federica Pellegrini, 29 lug 2009 ai Mondiali di Roma
1. Federica Pellegrini 1'57"29 (1'52"98 / 1'56"10) in semifinale
15. Chiara Masini Luccetti 2'01"35 (2'00"52 senza costumone) in semifinale
 
100 farfalla M
RI 52"14 Joseph Davide Natullo, 11 ago 2009 ai Categoria Estivi di Roma
22. Stefano Mauro Pizzamiglio 53"61 (53"20 / 53"55) eliminato
35. Mattia Nalesso 54"23 (52"49 / 52"77) eliminato
DNS Marco Belotti (53"46 senza costumone)
 
50 dorso F
RI 28"27 Elena Gemo, 29 lug 2009 ai Mondiali di Roma
9. Elena Gemo 29"18 (28"27 / 28"76) in semifinale
  
50 rana M
RI 27"20 Alessandro Terrin, 29 lug 2009 ai Mondiali di Roma
8. Fabio Scozzoli 27"94 (27"49 / 27"86) in semifinale
8. Alessandro Terrin 27"94 (27"22 / 27"48) in semifinale
24. Andrea Toniato 28"32 (27"61 / 28"15) eliminato
30. Luca Pizzini 28"69 (28"21 senza costumone) eliminato
 
1500 sl F
RE 15'44"93 Alessia Filippi, 29 lug 2009 ai Mondiali di Roma
12. Giorgia Consiglio 16'45"13 (16'24"60 senza costumone) eliminata
 
semifinali e FINALI, ore 17
 
800 STILE LIBERO M
RE 7'43"84 Federico Colbertaldo, 29 lug 2009 ai Mondiali di Roma
Federico Colbertaldo (7'43"84 / 7'49"98)
Samuel Pizzetti (7'48"13 / 7'51"42)  
200 sl F
Federica Pellegrini e Chiara Masini Luccetti
100 farfalla M
200 RANA F
Chiara Boggiatto
100 SL M
Luca Dotto e Filippo Magnini
50 dorso F
Elena Gemo
200 dorso M
Sebastiano Ranfagni e Damiano Lestingi
100 FARFALLA F
50 rana M
Alessandro Terrin e Fabio Scozzoli
 
consulta i risultati ufficiali