Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Internazionali d'Italia Tripletta negli 800 sl

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/3eb871d6a3aac4ba732f543211381a10.jpg

Pizzetti si impone davanti a Colbertaldo e Baggio. Marin vince i 400 misti senza brillare. Belotti e Magnini sul podio dei 200 sl. Pellegrini quinta nei 100 sl. Pirozzi e Pavone da record cadetti nei 400 misti e 200 farfalla

ROMA
Sono 800 metri tutti azzurri. La seconda giornata degli Internazionali d'Italia - 48esimo Trofeo Sette Colli Herbalife - colora il podio degli 800 stile libero maschili a tinte tricolori: vince Samuel Pizzetti in 7'52"68 (1'56"53, 3'55"04, 5'55"55) davanti a Federico Colbertaldo (7'55"34, 1'56"99, 3'56"91, 5'56"07) e Luca Baggio (7'56"50, 1'57"69, 3'58"14, 5'58"11).
"Sono contentissimo - ha detto il 24enne di Codogno, tesserato per Carabinieri e Nuotatori Milanesi ed allenato da Arnd Ginter, già un argento e un bronzo europei nella specialità - Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso mi sono sentito molto meglio in acqua e questo mi lascia ben sperare per gli impegni dell'estate".
Soddisfatto anche Federico Colbertaldo, 22enne trevigiano, bronzo mondiale a Melbourne 2007, tesserato per Fiamme Azzurre e Banca Veneto Montebelluna. "Sto abbassando i tempi rispetto al recente passato - ha detto - Considerando che vengo da una stagione sfortunata, in cui ho avuto problemi fisici, non mi aspettavo di vincere, ma sono contento del piazzamento e del crono. Per tornare quello che ero ci vorrà ancora del tempo ma questo risultato è un buon segno".
Emozionante la finale dei 200 stile libero, in cui l'Italia iscrive cinque atleti su otto. Ma è l'olandese Sebastiaan Verschuren a vincere in 1'48"41 (52"47) davanti a Marco Belotti, 1'48"68 (53"16), Filippo Magnini, 1'48"95 (52"73) e Gianluca Maglia, 1'49"36 (52"37); sesto Emiliano Brembilla in 1'49"87 (53"53), ottavo Michele Berardi (Aurelia Nuoto Unicusano) in 1'50"22 (53"96).
"E' una buona prestazione - asserisce Filippo Magnini, 29enne pesarese tesserato per la Larus Nuoto e allenato a Roma dal tecnico federale Claudio Rossetto, due volte campione del mondo dei 100 stile libero - Sono partito bene con un bel tuffo, sono uscito per ultimo dall'acqua e ho nuotato bene. Ho perso qualche decimo all'arrivo, peccato! Sono molto fiducioso per il proseguo della stagione, in allenamento faccio i tempi di qualche anno fa. Mi sento molto competitivo nei 100".
Vince i 400 misti, gara che lo ha portato a un argento (2005) e un bronzo mondiale (2007), ma Luca Marin, 25enne di Vittoria (Ragusa), tesserato per il CC Aniene e allenato dal francese Philippe Lucas non è soddisfatto del 4'17"28 (59"84, 2'03"88, 3'17"15), in linea con il 4'17"04 degli Assoluti. "Ho lavorato tanto per questa gara, ma evidentemente oltre al lavoro fisico c'è bisogno di lavoro mentale".
"Mi dispiace davvero tanto per lui - commenta l'olimpionica Federica Pellegrini, oggi quinta nei 100 stile libero in 55"19 - Lo vedo in allenamento e va fortissimo, è normale che poi se in gara non ti esce il tempo che ti aspetti ti arrabbi. Della mia gara invece sono soddisfatta, sono riuscita a fare il tempo che mi ero prefissata". Successo della britannica Halsall con il record del manifestazione in 53"72, avanti all'olandese Ranomi Kromowindjojo (54"05) e alla danese Jeanette Ottesen (54"50).
Il sudafricano Cameron Van der Burgh si aggiudica il secondo round nella personalissima sfida con Fabio Scozzoli: dopo la vittoria dell'azzurro nei 100 rana di ieri, il campione del mondo di Roma 2009 ha migliorato il suo primato della manifestazione dei 50 rana vincendo in 27"62 (prec. 27"77 nel 2007) precedendo l'azzurro, giunto a pari merito con il tedesco Hendrik Fledwher, in 27"82. "Il Sette Colli mi ha dato le risposte che cercavo dopo che l'allergia non mi ha permesso di gareggiare agli Assoluti. Sto crescendo in qualità e quantità. Avvicino i Mondiali con fiducia".
In totale sono dodici gli italiani a podio. Tra questi spicca anche il secondo posto di Stefania Pirozzi (CC Napoli, allenata dalla coppia di campioni partenopei Lello Avagnano-Davide Rummolo) seconda nei 400 misti col personale e record cadette di  4'40"48 che le vale il secondo posto nelle graduatorie italiane all time. Poi Denise Riccobono (RN Florentia) seconda nei 200 farfalla col personale di 2'10"90 davanti a Emanuela Albenzi (Aurelia Nuoto Unicusano, 2'11"97);  Martina Rita Caramignoli (Aurelia Nuoto Unicusano) terza negli 800 stile libero col personale di 8'36"43 e Matteo Pelizzari secondo nei 400 misti in 4'20"58. Manca il podio per un centesimo ma ottiene il proprio primato personale Francesco Pavone (Andrea Doria), quarto nei 200 farfalla in 1'57"79, record cadetti.
Oltre a quello di Van der Burgh sono caduti altri due primati della manifestazione: lo spagnolo Aschwin Wildeboer ha stabilitp quello dei 100 dorso in 53"67 (prec. Randall Bal, Usa, 53"70, 2008), la britannica Francesca Halsall quello dei 100 stile libero in 53"72 (prec. Femke Heemskerk, Ned, 54"19, 2010).
Gli Internazionali d'Italia - 48esimo Trofeo Sette Colli Herbalife danno appuntamento a domani, ultima giornata: dall 9 le batterie, dalle 18 le finali.
 
Vai ai podi della seconda giornata
 
Vai ai risultati completi
 
Vai al programma