Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

49° Settecolli Herbalife C'è il brasiliano Cielo!

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/2c3cc5800ebbeb5266f253ac2e1dc026.jpg

L'uomo più veloce del nuoto - campione olimpico, pluricampione e primatista mondiale dei 50 e 100 - guida la selezione olimpica con lo sprinter Fratus e il delfinista Santos

ROMA
Il trofeo Settecolli aggiunge un altro fenomeno alla straordinaria lista di atleti che renderà memorabile la 49esima edizione del meeting internazionale, in programma allo Stadio del Nuoto di Roma dal 14 al 16 giugno, a 42 giorni dalle gare olimpiche di Londra (28 luglio - 4 agosto).
  
Si tratta del brasiliano Cesar Cielo, campione olimpico dei 50 stile libero e bronzo nei 100, pluricampione mondiale dei 50 e 100 stile libero e 50 farfalla, primatista mondiale dei 50 in 20"91 e 100 stile libero con il tempo di 46"91 e autore del miglior tempo stagionale nei 50 stile libero in 21"38 e nei 50 farfalla in 22"76.
  
Il 25enne paulista di Santa Bárbara d'Oeste guiderà la selezione olimpica brasiliana con 14 elementi, tra cui Bruno Fratus e Nicholas Santos, rispettivamente autori del secondo tempo stagionale nei 50 stile libero in 21"70 e nei 50 farfalla in 22"79.
 
La nazionale brasiliana parteciperà al trofeo Settecolli con i seguenti atleti: Alberto Silva, Arilson Silva, Paulo Marinho, Gustavo Magliocca, Cesar Cielo, Bruno Fratus, Nicolas Oliveira, Henrique Barbosa, Tales Cerdeira, Leonardo de Deus, Thiago Pereira, Nicholas Santos, Rafael Rocamora e Nathan Cunha.
    
Al Settecolli anche i giapponesi Kosuke Kitajima Kitajima e Ryosuke Irie, le svedesi Therese Alshammar e Sarah Sjoestroem, le olandesi Ranomi Kromowidjojo, Femke Heemskerk, Marleen Veldhuis e Inge Dekker, i francesi Camille Lacourt, William Meynard e Fabien Gilot.
 
Approfondisci la news del 18 aprile scorso.