Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Debrecen L'Italia dei record

News Nuoto precedenti
images/joomlart/article/a6216864d1174e9494f3e1394c54956c.jpg

Magnini e Boggiatto alzano la coppa. Gli azzurri vincono la classifica per Nazioni come nel 2000 e si piazzano terzi nel medagliere col record storico di 6 ori, 8 argenti e 4 bronzi. Il bilancio del tecnico federale Butini

DEBRECEN (HUN)
Filippo Magnini e Chiara Boggiatto alzano al cielo di Debrecen la coppa per Nazioni! L'Italia vince la 31esima edizione dei campionati europei di nuoto. E' la vittoria di 46 spendidi atleti, 18 ragazze e 28 ragazzi, che, accompagnati, seguiti e stimolati dallo staff tecnico federale, hanno profuso il massimo impegno in ogni gara, ad ogni bracciata, durante ogni minuto di allenamento. "Questa coppa vale più di qualunque medaglia - afferma il capitano Filippo Magnini - E' una coppa che raccoglie gli sforzi della Federnuoto, delle Società e di tutto lo staff. Noi del nuoto siamo una grande famiglia e questa coppa è più bella di qualsiasi medaglia d'oro".  
Il primo posto nella classifica per Nazioni con 780 punti (447 con i ragazzi e 333 con le ragazze), davanti a Ungheria con 745 e Germania con 671; il terzo posto nel medagliere con 18 medaglie (6, 8, 4 - record per l'Italia agli Europei), dietro a Ungheria (26) e Germania (17, ma 8 d'oro); la squadra più numerosa delle 44 partecipanti (46 atleti); soprattutto molte risposte incoraggianti in chiave olimpica e altrettante prove convincenti da parte dei più giovani. Questo è molto altro è stata l'Italia del nuoto nella 31esima edizione dei campionati continentali che si sono conclusi a Debrecen, seconda città più grande d'Ungheria e da oggi prima nella particolare bacheca dei trofei europei azzurri.
Il tecnico federale Cesare Butini - responsabile della trasferta - traccia il bilancio. "Medaglie a parte che, pur essendo prestigiose e gratificanti, non possono essere il termometro per l'assenza di alcune Nazioni e alcuni atleti, questo campionato rapperesentava per noi un crocevia importante per il completamento della squadra Nazionale in vista delle Olimpiadi di Londra; completamento che avverà in maniera definitiva valutando le prestazioni dei singoli al prossimo trofeo Settecolli, in programma dal 14 al 16 giugno a Roma".
Butini entra nel merito tecnico. "Nel gruppo - continua - vanno sicuramente individuate alcune prestazioni di rilievo, come il netto miglioramento nel settore feminile dove, oltre a Federica Pellegrni, a livello prestativo si sono distinte Arianna Barbieri nei 100 dorso e Ilaria Bianchi nei 100 farfalla che hanno ottenuto entrambe il limite olimpico. Insieme a loro, tutte le altre ragazze hanno profuso il massimo delle proprie possibilità, a cominciare dallo storico titolo della 4x200 stile libero con un tempo che le colloca nelle prime 5/6 posizioni al mondo. Una componente fondamentale della staffetta è stata Alice Mizzau che ha continuato il suo percorso di crescita durante questi europei anche nelle gare individuali con due quarti posti, migliorando sempre il rendimento e dando dimostrazione di solidità fisica e psicologica. La staffetta in 7'52"90 ha sicuramente conseguito la carta olimpica, anche se per l'ufficialità restiamo in attesa della ratifica della FINA. A livello femminile, quindi, molto bene l'80% della squadra e in questa percentuale rientrano sicuramente Silvia Di Pietro che è apparsa ottimamente recuperata con le due finali alle quali ha partecipato, i 50 e 100 farfalla, e Carlotta Zofkova che ha conseguito il primato personale nei 100 dorso avvcinando il limite olimpico. Infine conferma di Federica Pellegrini nei 200 stile libero, sebbene con un crono non in linea con quello espresso nella 4x200, e piccolo stop di Alessia Filippi che non è riuscita a confermare l'ottimo trend dell'anno in corso restando esclusa dalla finale degli 800 stile libero".
Il tecnico federale passa all'analisi del settore maschile. "Anche la squadra maschile si è comportata molto bene - spiega - e anche in questo caso abbiamo assistito a novità e conferme. Molto bene Gregorio Paltrinieri che fa pare di quel nucleo di giovani junior che si è inserito in questa Nazionale, mi riferisco anche a Detti, Maestri e Carli. Gregorio ha vinto i 1500 stile libero con un tempo di rilievo mondiale (14'48"94) dominando avversari importanti come l'ungherese Kis, medagliato a Shanghai. Tutti, giovani e meno giovani, hanno risposto in maniera corretta alle indicazioni fornite in sede di preparazione. Tra le nuove conferme spicca la vittoria di Filippo Magnini che dopo 6 anni torna sul gradino più alto dei 100 stile libero, anche lui con una prestazione di notevole entita tecnica e caratteriale. Tra le giovani matricole sono di assoluto rilievo le prestazioni dei delfinisti Matteo Rivolta e Pietro Codia che si propongono in un settore in cui abbiamo sempre lamentato carenze. Rivolta, dopo aver vinto la medaglia di bronzo nei 100 farfalla, ha contribuito alla conquista della medaglia d'oro con il record italiano della staffetta 4x100 mista nella finale conclusiva degli Europei. Tornando agli atleti con maggiore esperienza internazionale, non vanno dimenticati Mirco Di Tora che è arrivato alla conquista della sua prima medaglia agli Europei in vasca lunga nei 50 dorso e Fabio Scozzoli che si è confermato vincendo i 100 rana, gara in cui gli ha fatto compagnia in acqua e sul podio Mattia Pesce con la medaglia di bronzo. Tutto ciò dimostra che abbiamo una Nazionale composta da giovani emergenti, ma anche da atleti esperti, che continua a mantenere un livello prestativo molto alto".  
    
MEDAGLIERE ITALIA (6-8-4)
  
ORI (6)
100 rana M
Fabio Scozzoli 1'00"55
 
1500 sl M
Gregorio Paltrinieri 14'48"94 pp
 
4x200 stile libero F
Italia 7'52"90
Mizzau 1'58"67 pp, Nesti 1'59"50, Carli 1'59"40, Pellegrini 1'55"33
 
100 sl M
Filippo Magnini 48"77
 
200 sl F
Federica Pellegrini 1'56"76
 
4x100 mista M
Italia 3'32"80 RI
Di Tora 54"40, Scozzoli 59"38, Rivolta 51"24, Magnini 47"78
    
ARGENTI (8)
  
4x100 stile libero M
Italia 3'14"71
Rolla 49"84, Orsi 48"15, Santucci 49"11, Magnini 47"97
 
50 dorso M
Mirco Di Tora 24"95 pp in tessuto
 
100 dorso F
Arianna Barbieri 1'00"54 
 
800 sl M
Gregorio Paltrinieri 7'52"23
 
50 dorso F
Arianna Barbieri 28"31
 
50 rana M
Fabio Scozzoli 27"49
 
4x200 sl M
Italia 7'13"10
Maglia 1'48"56, Maestri 1'47"87, Pizzetti 1'48"26, Magnini 1'48"41
4x100 mista F      
Italia 4'01"92 RI
Barbieri 1'00"83, Boggiatto 1'08"51, Bianchi 57"45, Mizzau 55"13
 
BRONZO (4)
   
400 sl M
Samuel Pizzetti 3'48"66
   
4x100 stile libero F
Nazionale 3'39"84 RI
Mizzau 55"14 pp, Pellegrini 54"29, Buratto 55"50, Ferraioli 54"91
 
100 rana M
Mattia Pesce 1'00"93
 
100 farfalla M
Matteo Rivolta 52"40 pp
 
MEDAGLIERE (prime 10 posizioni su 21 Nazioni a medaglia)
1. Ungheria 9-10-7 = 26
2. Germania 8-6-3 = 17
3. ITALIA 6-8-4 = 18*
4. Francia 4-4-3 = 11
5. Spagna 3-1-3 = 7
6. Svezia 2-4-2 = 8
7. Norvegia 2-0-1 = 3
8. Grecia 1-0-5 = 6
9. Israele 1-0-4 = 5
10. Repubblica Ceca 1-0-2 = 3
* Per l'Italia si tratta del record storico di medaglie. Il precedente era legato ai campionati europei di Budapest con 5 ori, 6 argenti e 4 bronzi
   
CLASSIFICA PER NAZIONI (prime 10 posizioni su 37)
1. ITALIA 447 (M) + 333 (F) = 780 punti**
2. Ungheria 418 (M) + 327 (F) = 745
3. Germania 315 (M) + 356 (F) = 671
4. Francia 268 (M) + 151 (F) = 419
5. Spagna 39 (M) + 242 (F) = 281
6. Svezia 68 (M) + 208 (F) = 276
7. Grecia 139 (M) + 132 (F) = 262
8. Russia 209 (M) + 41 (F) = 250
9. Ucraina 132 (M) + 101 (F) = 233
10. Israele 158 (M) + 37 (F) = 195
** In precedenza l'Italia aveva conquistato la coppa per Nazioni solo ad Helsinki 2000, vigilia delle Olimpiadi di Sydney che lanciarono la leggenda di Massimiliano Rosolino e Domenico Fioravanti. Alzò la coppa il capitano Lele Merisi.
    
RECORD ITALIANI ASSOLUTI (4)
     
4x100 stile Libero F
Nazionale 3'39"84 (21/5)
Mizzau 55"14 pp, Pellegrini 54"29, Buratto 55"50, Ferraioli 54"91
 
100 dorso F
Arianna Barbieri 1'00"26 (23/5)
 
4x100 mista F      
Italia 4'01"92 (27/5)
Barbieri 1'00"83, Boggiatto 1'08"51, Bianchi 57"45, Mizzau 55"13
 
4x100 mista M (27/5)
Italia 3'32"80
Di Tora 54"40, Scozzoli 59"38, Rivolta 51"24, Magnini 47"78
      
PRIMATI PERSONALI (36)
   
50 farfalla F
Ilaria Bianchi 26”80 in batteria (21/5)
Ilaria Bianchi 26"65 in semifinale (21/5)
Ilaria Bianchi 26"55 in finale (22/5)
Silvia Di Pietro 26"44 in tessuto, in finale (22/5)
   
100 rana M
Flavio Bizzarri 1’01”46 in batteria (21/5)
 
100 sl F
Erica Buratto 55”86 con costume in tessuto nella prima frazione dela 4x100 sl in batteria (21/5)
Alice Mizzau 55"14 nella prima frazione dela 4x100 sl in finale (21/5)
Alice Mizzau 55"07 in semifinale (22/5)
Alice Mizzau 55"03 in finale (23/5)
 
100 sl M
Gianluca Maglia 49”66 con costume in tessuto nella prima frazione dela 4x100 sl in batteria (21/5)
 
50 farfalla M
Piero Codia 23"84 =pp in semifinale (21/5)
 
200 sl M
Riccardo Maestri 1'49"13 in batteria (22/5)
 
100 dorso F
Arianna Barbieri 1'00"26 RI in batteria (23/5)
Carlotta Zofkova 1'00"76 in batteria
   
50 dorso M
Mirco Di Tora 25"18 in tessuto, batteria (23/5)
Mirco Di Tora 24"95 in tessuto, in finale (24/5)
 
1500 sl M
Gregorio Paltrinieri 14'48"94 pp (23/5)
 
200 rana M
Flavio Bizzarri 2'12"03 in semifinale (23/5)
   
200 farfalla M
Francesco Pavone 1'57"05 in semifinale (23/5)
 
100 farfalla F
Ilaria Bianchi 58"31 con costume in tessuto, in batteria (24/5)
Silvia Di Pietro 58"86 con costume in tessuto, in batteria (24/5)
Silvia Di Pietro 58"84 con costume in tessuto, in semifinale (24/5)
  
800 sl M
Gabriele Detti 7'57"61 in batteria (24/5)
Gabriele Detti 7'56"16 in finale (25/5)
 
200 sl F
Alice Mizzau 1'58"67 nella prima frazione della 4x200, in finale (24/5)
Alice Mizzau 1'58"55 in semifinale (25/5)
Alice MIzzau 1'58"39 in finale (26/5)
  
100 farfalla F
Matteo Rivolta 52"43 in batteria (25/5)
Piero Codia 52"76 in batteria (25/5)
Matteo Rivolta 52"40 pp in finale (26/5)
  
50 dorso F
Carlotta Zofkova 28"72 in batteria (25/5)
Carlotta Zofkova 28"65 in semifinale (25/5)
Arianna Barbieri 28"30 in semifinale (25/5)
 
50 sl F
Erika Ferraioli 25"66 in batteria (26/5)
 
400 sl F
Martina De Memme 4'10"44 in batteria (27/5)
Alice Nesti 4'11"13 in finale (27/5)
 
FINALI CON GLI AZZURRI
   
1^ giornata - 21/5
 
400 sl M
1. Paul Biedermann (Ger) 3'47"84
2. Gergo Kis (Ung) 3'48"09
3. Samuel Pizzetti (Ita) 3'48"66
6. Gabriele Detti (Ita) 3'51"92
    
400 misti F
1. Katinka Hoszu (Ung) 4'33"76
2. Zsuzsanna Jakabos (Ung) 4'35"68
3. Barbora Zavadova (Cze) 4'38"07
6. Stefania Pirozzi (Ita) 4'43"72
7. Alessia Polieri (Ita) 4'48"72
        
4x100 sl F
1. Germania 3'37"98
2. Svezia 3'38"40
3. Italia 3'39"84 RI
  
4x100 sl M
1. Francia 3'13"55
2. Italia 3'14"71
3. Russia 3'15"13
  
2^ giornata - 22/5
  
100 dorso M
1. Aristeidis Grigoriadis (Gre) 53"86
2. Helge Meeuw (Ger) 54"06
3. Yakov Yan Toumarkin (Isr) 54"14
5. Mirco Di Tora (Ita) 54"78
   
50 farfalla F
1. Sarah Sjoestroem (Sve) 25"64
2. Trrin Aljand (Est) 25"92
3. Ingvild Snildal (Nor) 26"16
5. Silvia Di Pietro (Ita) 26"44 pp in tessuto
7. Ilaria Bianchi (Ita) 26"55 pp
  
100 rana M
1. Fabio Scozzoli (Ita) 1'00"55
2. Valeriy Dymo (Ucr) 1'00"68
3. Mattia Pesce (Ita) 1'00"93
  
200 dorso F
1. Alexianne Castel (Fra) 2'08"41
2. Jenny Mensing (Ger) 2'09"55
3. Duane Da Rocha Marce (Spa) 2'09"56
7. Alessia Filippi (Ita) 2'11"20
 
3^ giornata - 23/5
 
1500 sl M
1. Gregorio Paltrinieri 14'48"92 pp
2. Gergo Kis (Ung) 14'58"15
3. Gergely Gyurta 15'04"38
4. Samuel Pizzetti (Ita) 15'09"83
 
200 sl M
1. Paul Biedermann (Ger) 1'46"27
2. Amaury Leveaux (Fra) 1'47"69
3. Dominik Kozma (Ung) 1'47"72
7. Alex Di Giorgio (Ita) 1'49"45
 
100 rana F
1. Sarah Poewe (Ger) 1'07"33
2. Jennie Johansson (Sve) 1'07"85
3. Marina Garcia Urzainqui (Spa) 1'07"91
7. Chiara Boggiatto (Ita) 1'08"82
 
100 sl F
1. Sarah Sjoestroem (Sve) 53"61
2. Britta Steffen (Ger) 54"15
3. Daniela Schreiber (Ger) 54"41
4. Alice Mizzau (Ita) 55"03 pp
 
200 misti M
1. Laszlo Cseh (Ung) 1'56"66
2. James Goddard (Gbr) 1'57"84
3. Markus Rogan (Aut) 1'59"39
8. Federico Turrini (Ita) 2'02"50
 
4^ giornata - 24/5
800 sl F
1. Boglarka Kapas (Ung) 8'26"49
2. Coralie Balmy (Fra) 8'27"79
3. Eva Risztov (Ung) 8'27"87
8. Martina De Memme (Ita) 8'38"86
 
200 rana M
1. Daniel Gyurta (Ung) 2'08"60
2. Marco Koch (Ger) 2'09"26
3. Panagiotis Samilidis (Gre) 2'09"72
5. Flavio Bizzarri (Ita) 2'12"47
 
100 dorso F
1. Jenny Mensing (Ger) 1'00"08
2. Arianna Barbieri (Ita) 1'00"54
3. Simona Baumrtova (Cze) 1'00"57
6. Carlotta Zofkova (Ita) 1'01"01
 
200 farfalla M
1. Laszlo Cseh (Ung) 1'54"95
2. Bence Biczo (Ung) 1'55"85
3. Ioannis Drimonakos (Gre) 1'56"48
6. Francesco Pavone (Ita) 1'57"07
 
50 dorso M
1. Jonatan Kopelev (Isr) 24"73
2. Mirco Di Tora (Ita) 24"95 pp in tessuto
3. Dorian Gandin (Fra) 25"14
3. Guy Barnea (Isr) 25"14
3. Richard Bohus (Ung) 25"14
 
4x200 sl F
1. Italia 7'52"90
Mizzau 1'58"67 pp, Nesti 1'59"50, Carli 1'59"40, Pellegrini 1'55"33
2. Ungheria 7'54"70
3. Slovenia 7'59"73
  
5^ giornata - 25/5
   
800 sl M 
1. Gergo Kis (Ung) 7'49"46
2. Gregorio Paltrinieri (Ita) 7'52"23
3. Sergiy Frolov (Ucr) 7'52"81
5. Gabriele Detti (Ita) 7'56"16 pp
   
100 sl M
1. Filippo Magnini (Ita) 48"77
2. Alain Bernard (Fra) 48"95
3. Norbert Trandafir (Rou) 49"13
  
100 farfalla F
1. Ingvild Snildal (Nor) 58"04
2. Martina Granstroem (Sve) 58"07
3. Amit Ivri (Isr) 58"78
4. Silvia Di Pietro (Ita) 58"94
 
6^ giornata - 26/5
 
100 farfalla M
1. Milorad Cavic (Srb) 51"45
2. Laszlo Cseh (ung) 51"77
3. Matteo Rivolta (Ita) 52"40
    
200 sl F
1. Federica Pellegrini (Ita) 1'56"76
2. Silke Lippok (Ger) 1'58"19
3. Ophélie Cyrielle Etienne (Fra) 1'58"23
4. Alice Mizzau (Ita) 1'58"39 pp
 
50 dorso F
1. Mercedes Peris Minguet (Spa) 28"25
2. Arianna Barbieri (Ita) 28"31
2. Sanja Jovanovic (Cro) 28"31
5. Carlotta Zofkova (Ita) 28"72
  
200 dorso M
1. Radoslaw Kawecki (Pol) 1'55"28
2. Peter Bernek (Ung) 1'55"88
3. Yakov Yan Toumarkin (Isr) 1'57"35
4. Sebastiano Ranfagni (Ita) 1'57"99
   
50 rana M
1. Damir Dugonjic (Slo) 27"32
2. Fabio Scozzoli (Ita) 27"49
3. Panagiotis Samilidis (Gre) 27"64
4. Mattia Pesce (Ita) 27"65
  
4x200 sl M
1. Germania 7'09"17
2. Italia 7'13"10
Maglia 1'48"56, Maestri 1'47"87, Pizzetti 1'48"26, Magnini 1'48"41
3. Ungheria 7'13"60
  
7^ giornata - 27/5
 
50 sl M
1. Frederick Bousquet (Fra) 21"80
2. Stefan Nystrand (Sve) 22"04
3. Andriy Govorov (Ucr) 22"18
4. Marco Orsi 22"22
  
400 misti M
1. Laszlo Cseh (Ung) 4'12"17
2. David Verraszto (Ung) 4'14"23
3. Ioannis Drymonakos (Gre) 4'14"41
5. Luca Marin 4'16"46
   
400 sl F
1. Coralie Balmy (Fra) 4'05"31
2. Garcia Mireia Belmonte (Spa) 4'05"45
3. Ophelie Cyrielle Etienne (Fra) 4'07"47
7. Martina De Memme 4'10"82
8. Alice Nesti 4'11"13 pp
  
4x100 mista F
1. Germania 3'58"43
2. Italia 4'01"92 RI
Barbieri 1'00"83, Boggiatto 1'08"51, Bianchi 57"45, Mizzau 55"13
3. Svezia 4'05"58
    
4x100 mista M
1. Italia 3'32"80 RI
Di Tora 54"40, Scozzoli 59"38, Rivolta 51"24, Magnini 47"78
2. Germania 3'34"41
3. Ungheria 3'34"57





F. Passariello e M. Cicerchia
Nostri inviati