Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Settecolli con Sjostrom e Meilutyte

Nuoto
images/joomlart/article/897f829e64d4c6ceb5db50b75555dc9a.jpg

Un'esplosione di gioventù per chi era già arrivata a Roma da campionessa europea dei 100 farfalla e chi ci torna da campionessa olimpica e mondiale. Continuiamo il nostro viaggio verso la 51esima edizione del trofeo Settecolli Clear con Sara Sjostrom e Ruta Meilutyte. Ci vediamo a Roma!


Sarah Sjöström è nata in Svezia, a Handen, il 17 agosto 1993. E' considerata uno dei maggiori talenti femminili di nuoto al mondo. Si allena a Stoccolma con Carl Jenner. Campionessa europea nel 2008 ad appena 14 anni, ai Mondiali di Roma 2009 stupisce tutti vincendo i 100 farfalla e poi si conferma ai campionati europei di Budapest 2010. Dotata di grande talento e capace di spaziare dalla farfalla allo stile libero, Sarah è molto attiva sui social network: ama condividere sia su Facebook che su Twitter i suoi momenti di vita privata e quelli a bordo vasca e, a giudicare dalle foto che posta, sembra amare molto i dolci e i cani.






Ruta Meilutyte è nata in Lituania, a Kaunas, il 19 marzo 1997. E' il fenomeno in ascesa della rana mondiale. Esplode alle Olimpiadi di Londra dove, ad appena 15 anni, vince i 100 rana, diventando la seconda atleta lituana a conquistare una medaglia d'oro ai Giochi dopo la tiratrice Daina Gudzineviciute a Sydney 2000. Allenata da Jon Rudd presso il Plymouth College, detiene il primato mondiale nei 50 in 29"48 e nei 100 rana in 1'04"35 stabiliti durante i mondiali di Barcellona dove conquista l'oro nei 100 e l'argento nei 50 con sette centesimi di ritardo dalla russa Yulia Efimova, successivamente positiva ad un controllo antidoping in inverno. Ruta ha perso la madre quando aveva solo 4 anni e ne ha ereditato caratteristiche fisiche e capacità natatorie. Anche se non è particolarmente alta (172 cm), ha comunque piedi molto grandi; quando aveva appena 13 anni calzava già scarpe numero 43, mentre attualmente porta il 44.