instagram

Новости Новости Беларусь Любовь и семья Общество Люди и события Красота и здоровье Дети Диета Кулинария Полезные советы Шоу-бизнес Огород Гороскопы Авто Интерьер Домашние животные Технологии Идеи для творчества на каждый день

Collari d'oro. Premiati azzurri e tecnici campioni del mondo

Nuoto
images/00_foto_2021/foto_2022/small/large/Collari_dOro_2022_-_2.jpg

Lo sport celebra i Collari d'oro. Il nuoto è protagonista con i campioni del mondo a Budapest (18-25 giugno 2022) Benedetta Pilato (100 rana), Gregorio Paltrinieri (1500 e 10 km di fondo), Thomas Ceccon (100 dorso col record mondiale e staffetta 4x100 mista), Nicolò Martinenghi (100 rana e 4x100 mista), Federico Burdisso (4x100 mista), Alessandro Miressi (4x100 mista), Piero Codia (4x100 mista), Lorenzo Zazzeri (4x100 mista) e la palma d'oro ai loro tecnici Vito D’Onghia, Fabrizio Antonelli, Alberto Burlina, Marco Giovanni Pedoja, Simone Palombi, Antonio Satta, Matteo Bianchi e Paolo Palchetti. La festa dello sport italiano è stata celebrata stamattina nella palestra monumentale di Palazzo H, all'interno dell'Università degli Studi del Foro Italico, a Roma. Il presidente del CONI Giovanni Malagò, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli e il Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi hanno consegnato la massima onorificenza dello sport italiano agli insigniti.

Tra tutti spicca il pluricampione olimpico ed internazionale Gregorio Paltrinieri che è reduce dall'ennesimo successo personale, ovvero la coppa del mondo in acque libere. "È stata una stagione lunga, piena di appuntamenti e mi è servita a capire tante cose. Nelle passate stagioni è sempre mancato qualcosa, in questa invece sono riuscito a chiudere il cerchio. Il Collare d'Oro vuol dire tanto, ed essere qui, a distanza di 10 anni dal primo, è molto importante e mi fa capire che sto lavorando bene, che continuo a divertirmi; sono molto contento" continua SuperGreg che si affaccia con ottimismo sul prosieguo della stagione che lo vedrà protagonista già il prossimo dicembre a Melbourne con i mondiali in vasca corta: ''Ancora è un piacere nuotare perché altrimenti non lo farei, è una fatica boia ma mi diverto un sacco, non è cambiato niente da dieci anni fa. La scelta delle acque libere? Una voglia di libertà, servono sempre stimoli nuovi, una ricerca costante della perfezione in quello che fai. Mi sono buttato sul mare che è un ambiante stupendo per me". 

per ulteriori approfondimenti consulta il sito www.coni.it

foto Ferraro-Pagliaricci/Coni